Sicilia amore mio!

Una settimana nella zona occidentale dell'isola tra spiaggia, luoghi da visitare e tanto buon cibo

  • di Sara Belloni 1
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Questa primavera io e il mio ragazzo, un po’ per staccare e un po’ per festeggiare il mio compleanno, decidiamo di andare in Sicilia per una settimana: dal 18 al 24 maggio.

Si parte da Malpensa con volo Easyjet e alle 8.35 siamo già a Palermo: noleggiamo on-line da casa un’auto, con la Budget, che per una settimana di macchina è la più conveniente. L’auto è una Peugeot 208.

Dall’Aereoporto di Palermo ci spostiamo verso Marsala, con fermata colazione ad Alcamo. La struttura dove abbiamo deciso di alloggiare si chiama HOTEL VILLA FAVORITA (prenotato da casa con booking.com): optiamo per un bungalow perché più conveniente, ma se si vuole ci sono anche le stanze nella struttura centrale. Il posto è veramente carino, un bel parco e una piscina disponibile per gli ospiti: da segnalare la colazione davvero abbondante e ricca.

Non essendoci tempo bellissimo decidiamo di farci un primo giro a Marsala: Piazza della Loggia con la sua Chiesa e il viale dei negozi, davvero carina. Per pranzo ci fermiamo all’Osteria Assud: piccola e molto particolare mangiamo cous-cous e pesce e naturalmente.. beviamo Marsala!

Finito il giro in riva al mare (Marsala in realtà non ha spiagge dirette in città, bisogna spostarsi nella zona dopo le aziende della Florio, famose per la produzione del vino marsala). Prima di riposare in hotel passiamo velocemente davanti alle saline della Riserva dello Stagnone ma ci torneremo domani. Usciamo per cena, dove optiamo per una pizzeria Fratelli Pappalardo: un pochino cara ma il cibo merita.

secondo giorno

Il giorno successivo decidiamo di visitare Selinunte, molto molto bella: con un unico biglietto si può vedere l’intero parco archeologico e ci si può spostare a piedi, in auto oppure con un trenino interno (quest’ultimo con un piccolo sovrapprezzo). Una parte si affaccia proprio sulla spiaggia, in una cornice da sogno. Consiglio di non visitarla nelle ore di troppo caldo nel caso andaste in Luglio-Agosto, anche se in realtà tira sempre vento.

Nel tornare a Marsala decidiamo di non utilizzare l’Autostrada e facciamo un giro in macchina all’interno della Sicilia, ci fermiamo prenderci qualcosa da mangiare e un poi ci spostiamo alla Riserva dello Stagnone appena fuori Marsala: è una riserva che comprende alcune isolette, la più grande è Mozia, ed è formata da saline e mulini a vento. È possibile farsi portare sull’isola attraverso una barca, i biglietti si fanno al piccolo attracco davanti al mulino principale. Il panorama è bellissimo, molto suggestivo e ci fermiamo sia per un aperitivo che direttamente per la cena al unico ristorante lì al attracco: ottimo pesce e personale molto gentile e premuroso come gli altri posti.

Terzo giorno

Finalmente il sole caldissimo che ci aspettavamo. Si lascia Marsala, oggi si passa la giornata all’isola di Favignana. Lasciamo la macchina a Trapani e prendiamo l’Aliscafo che ci porta in questo stupendo paradiso. Prendiamo le biciclette e ci dirigiamo subito verso Cala Rossa: l’incanto che ci ritroviamo davanti è indescrivibile: Acqua cristallina degna dei Caraibi! Nemmeno le foto rendono l’idea della bellezza. Decidiamo di rimanere per qualche ora e Matteo fa anche il bagno, nonostante l’acqua gelida. Non c’è spiaggia, solo rocce, ma ne vale veramente la pena.

Pranziamo veloce al sacco e ci spostiamo passando all’interno dell’isola a Lido Burrone: in questo caso troviamo la spiaggia bianca e fine, anche qui bellissima acqua ma non come la caletta precedente. Ci sdraiamo a prendere ancora un po’ di sole. Nel tardo pomeriggio riprendiamo le bici, torniamo al porto e dopo un velo ce giro nel paese (carino e tenuto molto bene) riprendiamo il mezzo per rientrare a Trapani

  • 27245 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social