Sicilia nord occidentale, un tour tra natura e cultura

Una vacanza per ammirare le bellezze naturali e culturali della splendida Sicilia

  • di robi79
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Affascinati dai racconti di amici che hanno visitato più di una volta la Sicilia, quest’anno io e mio marito abbiamo deciso di andare lì in vacanza scegliendo come zona la parte nord-occidentale dell’isola e la visita alla valle dei templi di Agrigento e la città di Palermo.

Venerdì 5 luglio

Partenza da Acquaviva Picena ore 7:00. (Spostamenti con auto, treno ed autobus). Volo da Ancona con compagnia Ryanair (costo per 2 persone 410 euro volo più auto) alle ore 12:05 ed atterraggio dopo poco più di un’ora a Trapani. Noleggio auto Fiat 500 presso la Hertz. Al ritiro della macchina purtroppo abbiamo dovuto stipulare una polizza casco aggiuntiva di 160 euro perché in caso di sinistro vi era una franchigia molto alta, quindi per evitare problemi ci hanno “convinto”.

Come prima tappa abbiamo scelto Erice, bellissimo borgo medievale che si erge su una montagna (Monte San Giuliano) a picco sul mare e da cui si scorge una vista mozzafiato. Abbiamo fatto una passeggiata tra le suggestive strade lastricate del centro storico, tra le case in pietra dai portali istoriati e le piazzette, sulle quali si affacciano numerose chiese. Costeggiando le mura Ciclopiche siamo arrivati al Castello di Pepoli e Venere e siamo entrati a visitare l’interno, punto più alto del paese, ma non abbiamo potuto ammirare appieno il paesaggio perché una coltre di nebbia avvolgeva il castello Normanno e più che Sicilia sembrava un lugubre quadretto celtico.

A parte questo neo, visitare Erice vale veramente la pena.

Da Erice siamo partiti per Castellammare del Golfo dove avevamo prenotato un monolocale per tutta la settimana presso la struttura Le Plejadi al prezzo di 400 euro. Abbiamo scelto questo luogo perché equidistante tra Trapani e Palermo, servita da autostrada e nelle vicinanze di siti interessanti.

Castellammare del Golfo, in origine porto greco per le città di Segesta ed Erice, è caratterizzata da case (per lo più vecchie e sgarrupate, ma per questo tipiche) che sono costruite sul pendio che digrada verso il suo golfo. Il porto turistico la sera si accende di mille luci e i numerosi locali (caffè, ristoranti…) attraggono sia i turisti che la gente del posto. L’atmosfera che si respira la sera è molto emozionante.

Sabato 6 luglio: visita a Palermo

Il secondo giorno della nostra vacanza ha avuto come tappa la le principali attrattive di Palermo. Da Castellammare del Golfo grazie all’autostrada abbiamo impiegato poco più di un’ora. Città molto caotica, con molto traffico, il nostro navigatore ha impiegato un po’ per trovare destinazione piazza della Vittoria (zona Ovest) dove sono presenti: il Palazzo dei Normanni o Reale sede dell’ Assemblea Regionale Siciliana. Al suo interno abbiamo potuto ammirare la splendida cappella Palatina una dei gioielli dell’arte arabo-normanna; le sue pareti sono rivestite di mosaici dorati che rappresentano scene della Bibbia. Nella Cupola è rappresentato il Cristo Pantocratore circondato da Angeli. Anche le altre stanze del palazzo meritano una visita. Inoltre era presente una mostra contemporanea molto interessante di documenti di articoli di giornali sulla strage di Ustica per promuovere il libro “Il muro di gomma”.

Successivamente ci siamo diretti a piedi passando per Piazza della Vittoria, purtroppo con lavori in corso verso la Cattedrale dedicata a S. Maria Assunta, un tempo moschea, di imponente bellezza.

In seguito abbiamo ripreso l’auto per andare nella zona Est di Palermo: Piazza Marina. Sosta irrinunciabile è stato il pranzo presso la famosa Antica Focacceria S. Francesco nota per il tipico panino con la milza (che non abbiamo avuto coraggio di assaggiare); il banco offriva numerose specialità siciliane sia salate che dolci: arancini, panelle, sfincioni, caponata, sarde a beccafico, parmigiana, cannoli, cassate e cassatelle… indubbiamente è una tappa da non perdere

  • 56228 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Francesco Romeo
    , 19/8/2013 01:37
    Se andate a palermo provate questo nuovo tour gestito da Marco, giovane Palermitano che vi farà vivere qualche ora da veri palermitani tra odori e sapori, panelle e arancine, vino e.......chissà, a Palermo succede sempre qualcosa. http://www.streatpalermo.it/?lang=it

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social