Dalla Norvegia alla Sicilia

Gli opposti che si attraggono… da Oslo a Cefalù per un viaggio da un capo all’altro d’Europa

  • di Gufini D&F
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Un famoso detto popolare sostiene che gli opposti si attraggono. Noi, più che altro, siamo stati attratti dagli opposti. Siamo Federica e Dario, due innamorati milanesi, e quest’estate ci siamo regalati un viaggio che ci ispirava particolarmente. Siamo volati da un capo all’altro d’Europa. Dalla Norvegia alla Sicilia, precisamente. La volontà era di scoprire le due facce più estreme del vecchio continente. Unirle idealmente, assaporarne il distacco e respirarne l’essenza. Dopo mesi di pianificazione, eccoci finalmente in viaggio. Zaino in spalla, curiosità come bussola. Via.

L’ESTREMO NORD: OSLO DAL CIELO PROFONDO

Giorno 1

Oggi è l’8 agosto e partiamo da Copenhagen – dove ci trovavamo da quattro giorni per un altro spicchio di vacanza - con la compagnia SAS (Scandinavian Airlines). Prenotando con diversi mesi di anticipo, riusciamo a godere di ottime tariffe low-cost. In un’ora siamo in Norvegia. Il sole splende e il cielo ci sorprende fin da subito per la sua profondità e le particolari striature che le nuvole sottili disegnano su un’incredibile distesa azzurra. Come prima cosa, cambiamo i nostri contanti in corone norvegesi in un comodo Change-Money dell’aeroporto. A pochi metri di distanza c’è un box office in cui acquistiamo i biglietti del Flytoget Train, un comodissimo e moderno treno che collega l’aeroporto con il centro città. Il costo è di 170 corone (circa 25 euro), quindi non economicissimo, ma in Norvegia la vita costa cara e ce ne accorgiamo fin da subito. Arriviamo in centro e, con un comodo tram (la linea tram è davvero ben servita, ci è parsa molto più comoda che quella metropolitana) raggiungiamo il nostro alloggio: Chateau Apartments in Nedregate 8. La posizione è ideale, perché a pochi minuti dal centro, e il costo rispetto alla media degli hotel norvegesi è decisamente vantaggioso. Lo consigliamo. Giusto il tempo di sistemarci ed ecco che si fa sera. Usciamo per dare un’occhiata rapida al nostro quartiere, facciamo una piccola spesa (gli appartamenti sono dotati di cucina, altro motivo per cui è possibile risparmiare) e ci concediamo una serata di sonno profondo per ricaricare le batterie.

Giorno 2

Inizia la vera scoperta di Oslo! Questa giornata prevede un programma molto ricco. Arriviamo in centro e ci colpisce subito il fatto che sia tutto molto concentrato. La prima tappa del nostro cammino è l’Akersus Castle, un’antica fortezza medievale che si affaccia sul porto di Oslo e guarda l’Oslofijord in lontananza. Il panorama è mozzafiato. Rilassa e culla, sotto un cielo azzurro striato di bianco mai visto prima. Saliti fino in cima alle mura, ci sediamo sull’erba e ci godiamo lo scorcio della City Hall, la baia e il porto. E’ pieno di barche a vela, alcune sembrano vascelli di un altro tempo. E’ uno spettacolo. Giriamo in lungo e in largo la fortezza e, affamati, ci rifugiamo in un ristorante di una catena italiana (la nostalgia gastronomica era palpabile): Peppe’s pizza. Anche in questo caso siamo fortunati e il nostro portafoglio non viene depauperato troppo. Giusto il tempo di una fotografia davanti al Parlamento e si riparte subito in direzione porto. Ci attendono due ore di navigazione tra le isole del fiordo di Oslo! La giornata è stupenda, il sole è caldo e la temperatura è perfetta per questo tipo di escursione. La gita in barca dura due ore. L’itinerario è splendido: dal mare, si scorgono tutti i punti nevralgici della città. Dall’Opera House alla Biblioteca reale, passando per delle casettine di villeggiatura davvero caratteristiche, situate sulle coste delle isole del fiordo. Scattiamo innumerevoli fotografie, vogliamo essere sicuri di portare per sempre con noi il ricordo di una natura così rara. Felici, rientriamo in porto e, prima di rientrare a casa, ci concediamo un’ultima meta: il Centro Nobel per la Pace. Nel segno di Aung San Suu Kyi, dedichiamo alla casa della democrazia le nostre ultime energie

  • 4077 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social