A noi piace il sud... Sicilia

Dieci giorni a zonzo tra Erice, Mazara del Vallo, San Vito lo Capo, Selinunte, Sciacca...

  • di barbarapaolo
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 
Annunci Google

I GIORNO

Partenza da Cuneo Levaldigi a Trapani con volo Ryanair. Arrivo nel tardo pomeriggio, giusto in tempo per orientarci e per organizzare la serata a Erice: per raggiungerla utilizziamo la panoramica funivia aperta fino all’una (chiusura 1 giorno la settimana per manutenzione quindi è bene informarsi). Giro in paese: partendo da Porta Trapani si incontra la Chiesa Matrice con la torre campanaria accanto, proseguendo su un saliscendi di stradine con negozietti e ristorantini fino al Giardino del Balio, da cui si gode uno splendido panorama. Alla sinistra si può notare il castello di Venere. Per la cena si opta uno dei ristoranti in paese con tipica cucina siciliana. E’ bene ricordarsi che Erice si erge a 700m dal livello dal mare e la sera tira un’aria fredda per cui è consigliabile portare con sé una felpa.

II GIORNO

Gita all’isola di Favignana: si arriva al Porto Principale dove si trovano molti negozi per il noleggio di scooter e bici. Noi scegliamo la bici (5 euro) sicuramente il mezzo migliore per girarla. A est si incontra Cala Rossa e dopo una successione di cave di tufo verso l’entroterra si raggiunge nuovamente la costa con la zona del Bue Marino e Cala Azzurra con il suo splendido mare dove non si può rinunciare ad un bel bagno. Proseguendo poi nella stessa direzione arriviamo a lido Burrone con una spiaggia sabbiosa e organizzata rispetto alle precedenti. Ormai giunto il tardo pomeriggio riprendiamo la direzione di Cala Principale per imbarcarci nuovamente a Trapani. Raccomandazione: portarsi dietro una buona scorta d’ acqua e viveri per la giornata. La serata la trascorriamo a Trapani: ci colpisce particolarmente per il suo elegante centro storico, per i suoi locali e la miriade di persone che si incontrano: una città molto viva!

III GIORNO

Dopo aver noleggiato un’auto, abbandoniamo Trapani e proseguendo per la litoranea verso sud attraversiamo Marsala senza però fare alcuna sosta fino ad arrivare alla suggestiva Laguna dello Stagnone: uno scenario caratterizzato dagli specchi squadrati delle saline, dai mulini a vento con i tetti rossi, dai cumuli di sale. Prendiamo un imbarcadero per raggiungere l’isola di Mozia, antica colonia fenicia: sinceramente la visita è un po’ cara (9 euro) rispetto a ciò che offre da vedere. Sull’isola si trova il museo in cui vengono esposte antiche ceramiche ma ciò che è di maggiore importanza è la statua del Giovane di Mozia. Il giro dell’isola a piedi è praticabile in un ora; peccato però che sia tutto poco curato. Nel pomeriggio raggiungiamo Mazzara del Vallo dove soggiorniamo per un paio di giorni; alloggiamo in un bed breakfast accanto al monastero delle Benedettine dove abbiamo piacere di conoscere Carmelo, colui che gestisce, che è stato anche un’ottima guida: infatti ci ha consigliato di noleggiare la spiaggia la bici (solo 0,50 euro all’ora) per girare e apprezzare il centro storico di Ma zara e di raggiungere poi la spiaggia dopo la chiesa di S.Vito. Per cena decidiamo di assaggiare l’ottimo cuscus alla trapanese in un bel ristorante centro città.

IV GIORNO

Partenza mattiniera per Selinunte, forse uno dei siti più importanti che testimonia l’insediamento degli antichi greci. Finita la visita intorno a mezzogiorno facciamo uno spuntino per poi rilassarci alla baia che si apre sotto la zona archeologica: una lunghissima distesa di sabbia caratterizza la Marina di Selinunte. Prima a rientrare a Mazzara facciamo ancora una tappa per godere l’ultimo sole prima del tramonto alla bella spiaggia di Lido Marino, poco distante da Porto Palo

Annunci Google
  • 12510 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. mammaclaudia
    , 1/6/2012 14:15
    Stupenda è anche la zona di Ragusa! Mare limpidissimo e caldo, monumenti storici e architettonici imponenti e soprattutto poco turistica! Forse è questa la sua bellezza, la lontananza dai luoghi più turistici della Sicilia!! Dimenticavo, è anche la zona di alcuni set de "Il commissario Montalbano"!!! Se ci passate non potete non andare a visitare la chiesa di San Giorgio a Ragusa Ibla, la parte vecchia della città!!
  2. siculo
    , 14/5/2012 13:56
    Una piccola informazione per tutti i visitatori. Portopalo indicato nel diario è una frazione del comune di Menfi (Ag).Esiste poi Portopalo Capo Passero in Prov. di Siracusa altro tipico paesino sul mare.

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social