Sicilia doc

A farci scegliere questo viaggio è il mix, che caratterizza la Sicilia, di sole, arte, mare e cucina. Partiamo da Venezia e, puntualissimi, dopo un ora e venti di volo atterriamo a Palermo dove ci fermiamo una notte in un ...

  • di dpellizzon
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in gruppo
 

A farci scegliere questo viaggio è il mix, che caratterizza la Sicilia, di sole, arte, mare e cucina.

Partiamo da Venezia e, puntualissimi, dopo un ora e venti di volo atterriamo a Palermo dove ci fermiamo una notte in un hotel del centro storico, prenotato via internet e che assomiglia ad un palazzo dell’Avana (ma tenuto peggio). La stanza però è grande e pulita e, cosa più importante, l’aria condizionata funziona bene.

Il poco tempo a disposizione ci porta a visitare la centrale piazza Marina, il mercato popolare della Vucciria e la Cattedrale che presenta una bellissima parte absidale.

La voglia di emozioni ci spinge alla Cripta dei Cappuccini nei cui sotterranei sono esposti scheletri, salme e mummie di preti e nobili palermitani. Una bambina morta e imbalsamata nel 1920 sembra un’opera iper realista. La visita suscita discussioni nel gruppo, non tutti ritengono che dopo la morte sia carino essere esposti alla curiosità del pubblico soprattutto se non si può esibire la forma migliore. Ma la vita continua e così andiamo a visitare il duomo di Monreale, una costruzione arabo-normanna con interni molto ricchi e splendidi mosaici dorati ed un meraviglioso chiostro.

Ci avviamo poi, con il furgone preso a noleggio, verso la nostra nuova destinazione : Secca Grande nei pressi di Sciacca.

Per strada però non resistiamo al richiamo di un cartello stradale che indica Corleone. Il paese non presenta niente di particolare da visitare e si trova isolato tra le montagne aspre del centro della Sicilia. L’unica fabbrica che notiamo è un cementificio (!!). Ci fermiamo in un locale e ordiniamo una pasta pomodoro e melanzane per la quale aspettiamo quasi due ore ma, considerando dove ci troviamo, non ci sembra assolutamente il caso di protestare, in fin dei conti il piatto è veramente speciale.

La località scelta per la prima settimana ci consente di godere di un bel mare e anche di accedere a importanti siti archeologici come Selinunte, fondata nel VII secolo a.C. Dai Dori che conserva templi, necropoli e santuari e la Valle dei Templi di Agrigento che comprende rovine molto ben conservate (se sono ben conservate è giusto chiamarle rovine?) dell’antica Akragas considerata nell’antichità “la più bella città tra quelle abitate dai mortali”.

Tutti i siti archeologici sono posti in punti estremamente panoramici con vista sul mare e circondati da una macchia mediterranea profumata.

Se però per sfuggire al caldo pensate di fare una levataccia sappiate che per i siciliani l’alba è il momento migliore ... per dormire e la biglietteria non apre prima delle 8,30.

Dopo tanta cultura decidiamo di rinfrescarci con un bagno sulla spettacolare Scala dei Turchi nei pressi di Realmente. La sensazione è quella che si prova gustando un gelato caldo cinese, sembra di trovarsi su di una colata di ghiaccio a gradoni che si tuffa nel blu; in realtà stiamo passaggiando su calde rocce calcaree di un bianco accecante.

In Sicilia per colazione ci è sempre stata proposta una granita al limone con brioche, la cosa non ci ha mai ispirato, ma dopo una notte trascorsa con una temperatura di 35° decidiamo di provare ed in effetti la colazione si rivela una vera mano santa. Facendo uno strappo alla nostra regola, dal momento che purtroppo nessuno ci paga, citiamo il mitico bar Roma di Sciacca.

Nonostante si trovi quasi dalla parte opposta della Sicilia veniamo tentati dalla fama di Taormina. La ricerca di un parcheggio tra le strette vie del paese ci fa sudare più del vento caldissimo proveniente dall’Africa; ma una volta risolto il problema veniamo rapiti da questa località turistica situata in alto ad una rocca. Ci godiamo il teatro greco del III sec. A.C., dalle cui gradinate si gode di un panorama assolutamente unico sul mare e sull’Etna; facciamo poi una bella passeggiata tra gli eleganti vicoli di questo centro di origine medioevale la cui fama è assolutamente meritata

  • 1640 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social