Lampedusa e Linosa: trasparenze e colori

Dopo un velocissimo summit, io e due amiche abbiamo deciso di trascorrere la prima settimana di luglio a Lampedusa. La scelta è stata in un certo senso casuale: volevamo essenzialmente un bel mare in cui nuotare e null'altro. Considerando varie ...

  • di monnana
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 
Annunci Google

Dopo un velocissimo summit, io e due amiche abbiamo deciso di trascorrere la prima settimana di luglio a Lampedusa. La scelta è stata in un certo senso casuale: volevamo essenzialmente un bel mare in cui nuotare e null'altro. Considerando varie opzioni abbiamo puntato su Lampedusa per il fatto che un volo diretto (da Verona) ci avrebbe consentito di non perdere troppo tempo tra coincidenza e traghetti. Con l'agenzia abbiamo prenotato volo + bilocale + auto.

Purtroppo l'aereo charter è partito con tre ore di ritardo, per cui il tempo si è perso lo stesso. Siamo arrivate il sabato in tarda serata e i gestori del residence ci sono venuti a prelevare all'aeroporto per condurci nell'appartamento. La mattina abbiamo preso possesso della nostra automobile scoperta, una citroen Mehari e abbiamo iniziato a girovagare per il paese per trovare la strada giusta per le spiagge. Il primo giorno ci siamo subito rese conto che per raggiungere le calette occorre spesso percorrere stradine accidentate e piene di massi: ci siamo improvvisate pilote di rally e ci siamo divertite un sacco.

Prima spiaggia: cala Galera. Deserta e nascosta in fondo ad una specie di canalone da percorrere a piedi in discesa. Là abbiamo trascorso tutta la giornata, trovando riparo, nelle ore più calde, in una piccola grotta naturale ai lati della spiaggia. L'atmosfera era davvero selvaggia e ce la siamo goduta appieno.

Il secondo giorno è stata la volta della splendida Cala Creta, una piccola baia su un mare dalle diverse tonalità di azzurro e acquamarina. Lì la spiaggia è costituita da una piccola piattaforma di roccia dalla quale ci si può tuffare agevolmente nell'acqua. Il terzo giorno abbiamo esplorato alcune cale e ci siamo fatte un giro nell'entroterra dell'isola, che comunque merita. Abbiamo visto cala Creta, la Guitgia e cala Francese, tutte spiagge di sabbia bianca e dall'acqua davvero azzurra e trasparente. Cala Guitgia è la più affollata, in quanto è la spiaggia del paese: forse troppa gente e troppi ombrelloni, ma l'acqua bisogna vederla: è una vera piscina naturale! L'interno è interessante: caldo, desolazione e roccia sono i protagonisti principali. Percorrendo l'unica strada eravamo circondati da un paesaggio brullo, punteggiato qua e là da qualche dammuso e da bassi arbusti di mirto (credo) . Fermandosi con la macchina, l'unico rumore che si sentiva era il saltellare delle cavallette. Arrivati alla punta più occidentale e più alta dell'isola ci siamo fermate per ammirare il panorama mozzafiato che ci si è presentato ai nostri occhi: alte scogliere a picco sul mare blu e un orizzonte nitido e infinito! Il quarto giorno è stato dedicato all'appuntamento più sospirato: la mitica e tanto decantata Spiagga dei Conigli, dove la tartaruga Caretta Caretta depone le uova. Caraibi allo stato puro. Una immensa piscina naturale, sabbia bianca, acqua cristallina e trasparente, pesci ovunque. Da vedere assolutamente. Percorrendo un sentierino sulla montagna abbiamo raggiunto un punto da cui ammirare dall'alto Cala Pulcino: senza parole! (in senso positivo) Il quindo giorno abbiamo fatto il giro in barca intorno all'isola per vedere anche la parte settentrionale e meno accessibile dell'isola. Peccato che quel giorno il mare non fosse proprio una tavola blu, per cui non è stato possibile fermarsi a Cala Pulcino, ma abbiamo recuperato molto bene fermandoci a fare il bagno in un paio di punti strepitosi. Uno in particolare con una sabbia bianchissima e un'acqua celeste cristallina

Annunci Google
  • 2440 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social