Seychelles: luna di miele in paradiso

Nell'arcipelago delle Seychelles: Praslin e La Digue

  • di Luanella
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Questo diario è il racconto della nostra emozionante luna di miele trascorsa in due splendide isole dell'Arcipelago delle Seychelles: Praslin e La Digue.

All'interno troverete la descrizione di alcune tra le spiagge annoverate nella classifica delle spiagge più belle del pianeta Terra.

Siete pronti ad intraprendere questo viaggio immaginario che vi porterà direttamente in paradiso? Allora leggete e... sognate!

SEYCHELLES: Luna di miele in paradiso

14 luglio 2013 – 28 luglio 2013

14 luglio 2013

LAVIS (Trento) - MILANO MALPENSA

A poche ore da un matrimonio da favola celebrato nella splendida Malcesine sul Lago di Garda, io e Dario, il mio novello sposo, alle 6.00 del mattino, dopo soli 45 minuti di sonno, siamo in macchina diretti verso l’aeroporto di Milano Malpensa. Siamo euforici come mai prima d’ora, ancora commossi ed emozionati per le nozze appena avvenute…una giornata unica e speciale che vorremmo rivivere all’infinito, che ci ha fatto piangere e ridere e che senza ombra di dubbio non dimenticheremo mai!

Così, raccontandoci per ore instancabilmente le sensazioni e le emozioni provate in ogni singolo istante di quel 13 luglio 2013, raggiungiamo l’aeroporto pronti ad iniziare la tanto attesa luna di miele!

Nessuno dei nostri familiari o amici conosce la destinazione del nostro viaggio di nozze perché, come per tutto ciò che riguardava il nostro matrimonio, abbiamo voluto mantenere la sorpresa fino all’ultimo…

Anche questa volta abbiamo sfruttato la tecnologia…credeteci, ne vale la pena, non solo per risparmiare, ma anche per organizzare il VOSTRO viaggio…dove, come e quando volete. Andare in agenzia non è sempre indice di qualità, e non vi dà nessuna garanzia di arrivare nel posto migliore, al contrario!! Certo, dovrete mettervi d’impegno, ma si sa che nella vita le cose belle bisogna sudarsele e guadagnarsele, non ci regala niente nessuno…e queste sono le soddisfazioni più belle!

Dopo aver effettuato il check in (non abbiamo potuto farlo on line per motivi a noi ignoti), ci mettiamo in coda per l’imbarco e mentre aspettiamo ne approfittiamo per scrivere un sms a tutti gli invitati al matrimonio per svelare finalmente la destinazione del nostro viaggio:

“Ringraziandovi per aver partecipato con entusiasmo al nostro matrimonio, i colombini innamorati spiccano il volo per le…SEYCHELLES!!”

Ad ore 12.00 decolliamo…il paradiso ci aspetta!

L’aereo della compagnia Ethiad trasporta 300 passeggeri. Durante il volo della durata di 6 ore circa, ci viene servito un buon pranzetto. Dopo di che, l’entusiasmo cede il passo alla stanchezza e ci facciamo un breve sonnellino ristoratore.

Ad ore 20.00 locali atterriamo nella capitale degli Emirati Arabi: Abu Dhabi.

Scesi dall’aereo, veniamo avvolti da una cappa di calore a dir poco irrespirabile. Saliamo velocemente sul bus che ci porta all’ingresso dell’aeroporto, il quale ci colpisce subito per il soffitto particolarissimo: una cupola circolare rivestita da un mosaico a tasselli bianchi e blu.

Zaino in spalla, dopo aver fatto un breve giro dell’aeroporto, che rispetto a quello di Dubai visitato l’anno precedente in cui eravamo diretti all’isola di Koh Samui in Thailandia, è molto più piccolo, ci preoccupiamo di riempire la pancia con un bel piatto di spaghetti al pomodoro e di penne all’arrabbiata. (per chi fosse interessato, può trovare il diario di viaggio intitolato “Koh Samui: la perla del Mar Cinese” sul sito di Turisti per Caso).

Ora siamo pronti a trascorrere la notte qui in aeroporto, dato che lo scalo ha la durata di 12 ore!

Le sedie su cui siamo seduti da circa 3 ore sono davvero scomode, tanto più che avremmo bisogno di dormire un po’…gli occhi ci si chiudono e la testa cade continuamente. Fortunatamente si liberano alcune sdraio su cui possiamo distenderci e riposare. La copertina che abbiamo portato da casa ci vuole proprio vista l’intensità dell’aria condizionata… sembra di essere in un congelatore!

Finalmente giunge l’ora del prossimo imbarco, quello decisivo, che ci porterà sulle isole tanto agognate!

15 luglio 2013

Ad ore 8.30, con un aereo della compagnia Ethiad, partiamo in direzione Victoria, la capitale dell’arcipelago delle Seychelles, situata sull’isola di Mahè. Il volo dura circa 4 ore.

Alle 13.00 atterriamo nel bellissimo aeroporto situato sul lungomare di Mahè. E’ fantastico ammirare l’oceano dall’alto e atterrarvici proprio accanto.

Questo piccolo aeroporto è molto grazioso e ci ricorda un po’ quello di Koh Samui per le piccole dimensioni, l’interno in legno e le aiuole fiorite. Qui ritiriamo i nostri bagagli per poi farli imbarcare sul volo diretto a Praslin.

Alle 16.00 saliamo su un piccolissimo aereo da 20 posti, con eliche al posto delle turbine. Anche in questo caso riaffiorano i ricordi dell’isola thailandese. Per entrare dobbiamo abbassare la testa, i sedili sono strettissimi e la cabina di pilotaggio è spalancata…sembra di esserci dentro! Il tragitto è a dir poco avventuroso, e in alcuni istanti ci chiediamo ironicamente se non finiremo per schiantarci come nel famoso film “Alive”…..anche perché, di questi tempi non si sa mai!!

Fortunatamente in soli 15 minuti atterriamo a Praslin, l’isola che ci ospiterà per una settimana, prima di proseguire la vacanza nella vicina La Digue.

Ritiriamo subito i bagagli e prendiamo un taxi che in circa venti minuti ci porta dritti dritti al Berjaia Beach Resort. L a struttura si presenta molto bene, confortevole, grande e pulita. Il proprietario ci accoglie sorridendo e ci aiuta con le valigie. Ci fa accomodare nella hall che dà sullo splendido giardino al centro del quale c’è una piccola piscina con sdraio e ombrelloni

  • 14664 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Laura Chistè
    , 12/11/2015 14:37
    Fantastico viaggio Luana, fai venire la voglia di andarci! <3 <3 <3

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social