Dreaming Lost Eden

Ciao ragazzi, come promesso eccomi a voi con il mio diario di bordo… Mi scuso anticipatamente per le ripetizioni e la lunghezza del racconto ma questo e’ quanto ho scritto durante i nostri 15 giorni di vacanza, giorno per giorno…. ...

  • di elysa
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: 3500
 

Ciao ragazzi, come promesso eccomi a voi con il mio diario di bordo...

Mi scuso anticipatamente per le ripetizioni e la lunghezza del racconto ma questo e’ quanto ho scritto durante i nostri 15 giorni di vacanza, giorno per giorno...

05.08.2005

Le Seychelles non erano in programma.Le Seychelles sono capitate! Avevamo in mente un viaggio coast to coast negli Usa: scartato per i troppi chilometri da affrontare in soli 15 giorni. Volevamo andare a Zanzibar: nulla da fare... non c’era posto sul volo! Abbiamo girato il mondo “virtualmente” alla ricerca di una destinazione che rispecchiasse i nostri desideri ed eccoci alla meta finale: l’arcipelago seychellese!!

Siam partiti da Milano lasciandoci alle spalle il monte Rosa e i suoi ghiacciai, abbiamo fatto scalo per 8 ore a Monaco di Baviera ... ma ci siam detti: “chissenefrega stiamo andando in vacanza !!” Ebbene manca poco più di 1 ora e ci imbarcheremo alla volta di Mahè!

06.08.2005

Agitata come non mai, dall’aereo si intravedono alcune isole... stiamo per arrivare...E sotto di noi ecco comparire Mahè... ... un mix di colori che inizia a scaldarmi il cuore... L’aereo atterra e quando si apre lo sportellone un caldo ci avvolge... Pensare che sono solo le 8 di mattina. Passato il controllo dei passaporti ci mettiamo subito alla ricerca di un’auto e proprio fuori dall’ aeroporto, presso l’autonoleggio “classic car”, prendiamo una Atos giallo sole con tanto di aria condizionata per 50 € al giorno. Immediatamente noto le strade senza guard-rail e con dei grandi fossi ai lati, la guida a sinistra e gli autobus che corrono come pazzi. Tutto questo mi mette un po’ di angoscia e mentre osservo il mio fidanzato-pilota io faccio da tomtomgo e cambio anche le marce! Accipicchia! In men che non si dica abbiamo attraversato l’isola da EST a OVEST e siamo arrivati al self-catering “La Residence” prenotato attraverso il sito Expedia. La struttura è molto carina, ha una cucina con tutto l’occorrente (dai piatti alle pentole) un letto dalla testata simil bambù ed una terrazza con due sdraio dal quale si gode un bellissimo panorama della baia anse la monche. (n.B. = solo pernottamento con pulizie giornaliere, cambio degli asciugamani e la signora che ti lava addirittura i piatti: 40 dollari al giorno). Scaricati i bagagli inforchiamo la nostra atos gialla e via all’avventura... un po’ mi sono calmata per la guida alquanto anomala... Marco ripete all’infinito la pubblicità del tassita con la macchina gialla che scarrozza Valentino Rossi: “my name is Marc and with my yellow dot...” dove si và? Cosa si fa? L’autonoleggio ci ha dotato di una cartina che avevamo visto anche sul sito di pet-terapia.It fatta molto bene ed io ho fame! Moooltaa fame! Prendiamo la strada denominata “Les Cannelles” che da anse La Monche arriva ad Anse Royale; ci dirigiamo a nord e arriviamo alla capitale Victoria. Pirate Arms si trova sulla indipendent avenue e per la cifra di 180 rupie prendiamo 1 coca, 1 birra, 1 piatto di fish and chips ed un pollo alla griglia con fried rice! Con la pancia piena ripartiamo con il nostro tour “ gira l’isola e vai dove ti pare”. Arriviamo ad anse l’islette ed un bagno e’ d’obbligo... ci immergiamo fino ai piedi ed avvistiamo il primo pesce seychellese ... argentato con riflessi blu! Facendo ritorno incontriamo alcuni granchietti fantasma ...Ma dove sono le ciabatte di Marco che aveva lasciato 10 minuti fa proprio su quel masso? Ma hem... dov’e’ il masso? Opsss! La marea sta salendo e gli infradito sono in acqua! Pronti con la nostra auto ripartiamo ma sulla strada è appena caduta una noce di cocco. Così scendo e me la porto via! Siam passati da Le jardin du Roy ma era chiuso (dalle 10 alle 17.30). Verso le 18.15 il sole cala e tutto si ferma! Accendo la luce del nostro appartamento, faccio per preparare la cena ma Marco dorme già (sono le 18.45) ed allora non mi resta che seguire le sue orme..

  • 846 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social