L’eden: le seychelles

Durata soggiorno: dal 4/10/2008 al 19/10/2008 Compagnia aerea: Eurofly Itinerario: 05/10 – 14/10 Praslin 14/10 – 19/10 Mahè Dopo essere tornati dalle Maldive, abbiamo iniziato a pensare seriamente alle Seychelles. Ho iniziato a cercare tra i racconti qualcuno che avesse ...

  • di descriazzurro
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Durata soggiorno: dal 4/10/2008 al 19/10/2008 Compagnia aerea: Eurofly Itinerario: 05/10 – 14/10 Praslin 14/10 – 19/10 Mahè Dopo essere tornati dalle Maldive, abbiamo iniziato a pensare seriamente alle Seychelles.

Ho iniziato a cercare tra i racconti qualcuno che avesse fatto il “fai da te”, e trovando diverse informazioni interessanti sul sito di Turisti per caso, ha iniziato a delinearsi all’orizzonte la possibilità di partire realmente! Abbiamo soggiornato 10 notti a Praslin e 5 a Mahè. A La Digue ci siamo andati 2 volte ma in giornata. Inoltre abbiamo fatto l’escursione a St. Pierre & Curieuse, Coco e Felicitè, e Cerf Island.

Telefonare dalle Seychelles: Abbiamo acquistato la sim della Airtel. Costa 50 rupie (3,50 €). Le ricariche (da 50 e 100 rupie) si trovano in qualsiasi negozio piccolo o grande. Hanno un’insegna fuori bianca e rossa con scritto “Airtel”. Le telefonate verso l’Italia costavano meno dopo le 19. Per circa 3 minuti di chiamata si spendevano 30 rupie (2 € circa).

PRASLIN Come arrivare a Praslin da Mahè: - Noi abbiamo visto gli orari del catamarano “Cat Cocos” direttamente dal sito www.Catcocos.Com.Si può prenotare i posti mandando una mail a info@catcocos.Com .E’ inoltre compreso il trasporto gratuito con la navetta dall’aeroporto al porto. Il costo a persona per una tratta Mahè – Praslin è 42 €. Una volta prenotato il traghetto, è inviata una mail con i biglietti che si dovranno stampare per presentare alla cassa al porto. Non bisogna pagare nulla dall’Italia, ma solo una volta arrivati lì. Il viaggio dura circa 50 minuti.

- In alternativa si può prendere il “Praslin Express ferry”. Costa 30 € a tratta a persona, ma rispetto al primo, fanno meno corse giornaliere. Considerando che però va anche a La Digue (passando sempre da Praslin, ma non bisogna scendere) è consigliato per chi prosegue.

- C’è poi l’aereo, che è prenotabile sul sito dell’Air Seychelles o direttamente nelle nostre agenzie di viaggio.

Dove dormire: Abbiamo soggiornato presso una villa privata “Villa Gaiarda” ad Anse Volbert sulla Cote D’or (si trova facilmente su internet cercando su Google). Ci siamo trovati benissimo. Le camere sono pulitissime, nuove, occidentali e con diversi comfort (phone, la presa a più buchi, la cassaforte, la televisione, l’aria condizionata). Il bagno è grande, all’italiana. I proprietari (lui italiano lei del posto) sono gentilissimi, disponibili e cordiali. Noi abbiamo pagato 100€ per notte con la prima colazione, tra l’altro molto abbondante (diversi tipi di frutta, bevanda calda, scelta di succo di frutto, pane tostato, marmellata diversa ogni giorno e burro) e servita con cura (ogni mattina c’era un fiore fresco sulla tavola, e la frutta era servita già tagliata in un grosso piatto). Volendo la sera si poteva mangiare lì con 15 € a persona escluse bevande. Morena è una bravissima cuoca, il pesce lo cucina molto bene. Purtroppo Mirko non mangia pesce, quindi per le 2 volte che ci siamo fermati a cena, Morena ha dovuto preparargli del pollo, tra l’altro delizioso. Il trasporto dal porto o dall’aeroporto fino alla villa è gratuito.

Da visitare: - Vallée de Mai: ingresso 15 € a persona, poi noi abbiamo preso una guida italiana (Umberto) ed abbiamo pagato 10 euro a testa. Abbiamo ritenuto necessario avere una guida, ed in effetti alla fine del giro avevamo capito molte più cose che da soli o anche con una guida scritta. Una parte del contributo del biglietto andrà a finanziare l’opera di tutela ambientale svolta a Praslin e sull’atollo di Aldabra. La Vallée è dichiarata dall’UNESCO patrimonio dell’umanità perché rappresenta (insieme alla vicina isola di Curieuse) l’unico posto al mondo in cui la palma coco de mer cresce al naturale. Con un po’ di fortuna si può avvistare il pappagallo nero (black parrot) che vive soltanto a Praslin, ma noi non abbiamo avuto questa fortuna

  • 6824 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social