I colori delle isole Seychelles

Siamo tornati da poco da un viaggio di due settimane alle Seychelles e volevo condividete con tutti gli amici di turistipercaso.it la nostra esperienza. Siamo partiti da Fiumicino con Air Seychelles, comodo: si parte la sera, ed al mattino ci ...

  • di Lorca&D
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Siamo tornati da poco da un viaggio di due settimane alle Seychelles e volevo condividete con tutti gli amici di turistipercaso.It la nostra esperienza.

Siamo partiti da Fiumicino con Air Seychelles, comodo: si parte la sera, ed al mattino ci si può già tuffare nell’oceano indiano. Abbiamo scelto di soggiornare in guest house e piccoli hotel, sia per ragioni economiche che per stare maggiormente a contatto con i luoghi e le persone. Inoltre volendo girare e vedere tutte le spiagge ed i luoghi di interesse è inutile pagare una esagerazione per un esclusivo resort. Abbiamo trascorso i primi 4 giorni a Praslin in cui siamo arrivati con il volo interno in 20 minuti direttamente il primo giorno. Abbiamo soggiornato allo Chalet cote mer sulla baia di sant’anna. Ottimo per il confort e per la vista impareggiabile sulla baia e sulle altre isole in lontananza .Ci siamo mossi con l’auto a noleggio (40€/day). A Praslin la spiaggia più bella è anse georgette, splendidamente deserta, dai colori incredibili con tutte le sfumature dell’azzurro del mare e la spiaggia bianca. Se si volge poi lo sguardo verso terra c’è il verde degli alberi e delle colline che la circondano, non ha barriera di fronte ma ai lati lungo le sponde rocciose è possibile immergersi alla scoperta dei numerosi pesci presenti, io ci ho visto varie tartarughe ed uno squalo (piccolo!) . Andateci!. C’è poi anse Lazio che è quasi una copia in grande di anse georgette, anch’essa molto bella, con più gente ed anche due ristoranti di qualità ma un po’ costosi in cui passare le ore centrali del giorno. Una mezza giornata la potete passare sulla spiaggia di anse volbert e a grand anse, dove però è meno bello fare il bagno. Dovete anche vedere, al non modico prezzo di 15 euro (non ci pensate siete in vacanza), anche il parco naturale vallee de mai dove ci sono le famose palme coco de mer ed in generale una bellissima foresta costituita da palme di svariati tipi e dimensioni. I 4 giorni trascorsi a Praslin sono trascorsi molto in fretta ricorderò di quest’isola in particolare gli stupendi colori del mare, amplificati dalla particolare tono di luce del sole equatoriale. Il 2 febbraio Partiamo la mattina alle 10:00, da Praslin per La Digue; ci sono collegamenti quasi ogni ora e numerose sono le persone che anche per una gita giornaliera raggiungono l’isoletta di La Digue. In genere il traghetto è affollato, noi per sicurezza abbiamo prenotato i posti il giorno prima, non si sa mai. Arrivati al porto di La Digue, siamo stati amabilmente assaliti da vari taxisti, noleggiatori di biciclette, cambiavalute a nero (info noi abbiamo sempre cambiato a 15). Scegliamo un tipo dall’aria malconcia che ci conduce al suo carro trainato da un bue che è anche più scalcinato di lui. I 500m fino al Birgo Guest House sono una lenta passeggiata in questo nuovo ambiente per noi sconosciuto e che cominciamo a conoscere dal taxicarro nei 20 minuti di tragitto. L’impressione è che qui siano tutti in vacanza, in giro ci sono molti occidentali a cavallo di bici che sorridenti girano alla ricerca della spiaggia quotidiana. Prendiamo possesso della nostra camera (l’hotel ha solo una decina di camere ben sistemate e nuove in un giardino con varie piante e ombreggiato da alberi da frutto) e siamo subito in giro con le bici che ci vengono consegnate direttamente in hotel al prezzo di 5 euro/day. IL primo giorno ci fermiamo a fare un bagno nelle spiagge a nord del porto e facciamo una ricognizione di tutta l’isola per prenderne possesso

  • 862 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social