Meraviglioso senegal

Siamo partiti da Milano Malpensa Sabato 23 luglio 2005 alle ore 19.25 con la compagnia aerea portoghese TAP facendo quindi scalo a Lisbona. Abbiamo comprato i biglietti solo 15 giorni prima tramite il CTS per la modica cifra di 700 ...

  • di ilaria78it
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Siamo partiti da Milano Malpensa Sabato 23 luglio 2005 alle ore 19.25 con la compagnia aerea portoghese TAP facendo quindi scalo a Lisbona. Abbiamo comprato i biglietti solo 15 giorni prima tramite il CTS per la modica cifra di 700 euro a persona a/r. All’aeroporto portoghese atterriamo alle 21 circa (ora locale). Il volo per Dakar partiva 50 minuti dopo, quindi, appena atterrati, ci dirigiamo di fretta e furia al relativo gate. Ancora non mi ero minimamente resa conto del fatto che stavo per giungere in Africa. Già, sarebbe stata la mia prima volta nel magico continente nero e la consapevolezza si materializza appena entriamo nella piccola sala di imbarco. Una moltitudine di senegalesi appare di fronte a noi, l’inconfondibile colore scuro della loro pelle; le donne avvolte nei loro pomposi abiti multicolori con il tipico foulard in tinta annodato sulla fronte.Queste sventolano grandi ventagli mettendo in mostra gioielli d’oro molto vistosi. Gli unici bianchi, eccetto un’altra famigliola francese, siamo Andrea ed io.

L’aereo parte con dieci minuti di ritardo e a bordo siamo accolti con un cuscino e una copertina piegati ordinatamente sul sedile.Dopo un veloce spuntito spengono le luci. Provo a dormire un pochino ma lo spettacolo fuori del finestrino non mi fa chiudere occhio: il cielo è stipato da una miriade di stelle, credo di non averne mai viste così tante neppure la notte di San Lorenzo, e all’orizzonte una striscia di foschia bianca mi ricorda che più in là c’è l’America.

Dopo circa tre ore e mezza di viaggio eccoci su Dakar illuminata, atterriamo in orario ma non so per quale motivo ci fanno attendere a bordo per quasi un’ora. Appena caccio fuori la testa però capisco di essere finalmente in Africa: un caldo afosissimo ci dà il benvenuto immediatamente e entrati in aeroporto la situazione peggiora. Oltre all’umidità si aggiunge un odore poco piacevole di sudore e già mi sento tutta appiccicosa per non parlare della lunga coda che ci aspetta per il controllo passaporti e la compilazione del visto di ingresso! Consiglio: chiedete in aereo al personale o a qualche senegalese se hanno qualche voucher in più da darvi in modo da compilarlo con calma a bordo e in dogana mettersi subito in fila, altrimenti vi chiederanno di accodarvi solo dopo averlo compilato.

Dopo 40 minuti passiamo la dogana e attendiamo i bagagli che vengono consegnati senza distinzione di volo sull’unico rullo mezzo arrugginito presente.Prima di uscire decido di andare in bagno. Non l’avessi mai fatto! A parte la poco igienica situazione rimango chiusa nel wc e inizio a impanicarmi. Non so una parola di francese, Andrea è ai bagagli...Che faccio?Inizio a chiedere aiuto e a urlare prendendo a calci la porta. La donna addetta alle pulizie mi parla da oltre la porta ma io non capisco un tubo e continuo a chiedere di farmi uscire. Finalmente il chiavistello si sblocca ed io esco dal bagno trovandomi la donna di fronte che mi sorride e mi dice qualcosa in francese. Io ringrazio e asciugandomi la fronte mi avvio ancora scioccata verso l’uscita dove mi aspetta Andrea che già si chiedeva dove fossi finita. Usciamo dall’aeroporto e subito una mano bianca ci fa segno. E’ Claudia, la nostra amica italiana che ci è venuta a prendere all’aeroporto con il taxi. Un ragazzo senegalese ci aiuta a portare i bagagli fino alla macchina e appena deposti nel bagagliaio ecco che sganciamo il primo euro dell’interminabile serie per la mancia. Il taxi è una macchina polverosissima mezza scassata ormai introvabile da noi e guardando fuori del finestrino, completamente abbassato per il caldo insopportabile, mi rendo conto che le automobili sono tutte vetuste

  • 1136 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social