Continuation d'un reve

Premessa…….Questo racconto e’ per chi, come la sottoscritta, ama l’Africa in modo incondizionato. Per me ricordare questo viaggio e’ descriverne tutti i particolari e mi scuso sin da ora con chi lo trovera’ noioso. L’AFRICA HA UN POTERE NASCOSTO,UNA MAGIA ...

  • di ALESSIA F.
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Premessa...Questo racconto e’ per chi, come la sottoscritta, ama l’Africa in modo incondizionato. Per me ricordare questo viaggio e’ descriverne tutti i particolari e mi scuso sin da ora con chi lo trovera’ noioso.

L’AFRICA HA UN POTERE NASCOSTO,UNA MAGIA CHE LA AVVOLGE, UNA FORZA MAESTOSA...SENEGAL.

21 Settembre 2005 L’Italia e’ ancora in piena estate quando parto da Milano nuovamente alla volta della mia amata Africa. L’Air Senegal International mi ha portata qui,volo tranquillo e personale cordiale.La mia compagna di avventure Federica e’ sempre con me.

Guardo imbambolata dal mio oblo’ il deserto della Mauritania, punteggiato dall’ombra di una miriade di innocue nuvolette bianche e poi il profilo di Dakar che si avvicina, avvolta nei colori ocra e bianco e mezza sepolta nelle sue strade di sabbia.

Arrivo alle 15.30 ora locale. Il caldo e’ soffocante, l’umidita’ altissima e all’uscita dell’aeroporto la solita folla accoglie il visitatore, un brulicare di gente che arriva e va zeppa di bagagli.

Prima di lasciare Dakar, ci rechiamo ad un ufficio dell’aeroporto per acquistare i biglietti per il sud del paese, viaggetto che ci concederemo durante gli 11 giorni di vacanza e luogo incantevole che ancora non abbiamo visitato nei nostri precedenti viaggi qui.

Il biglietto viene fatto a mano sotto i nostri occhi e con un’attesa di mezz’ora, ma qui il tempo si sa, non va mai considerato troppo importante.

Dakar e’ sempre piu’ caotica, e’ stata allagata per le abbondanti piogge fino a pochi giorni prima ma ora la situazione sembra sotto controllo nonostante sia ancora impastata di fango.

Il tragitto per arrivare a Saly dove siamo dirette dura meno di due ore, 2 amici di vecchia data sono venuti a prenderci.

La periferia e’ zeppa di mercati brulicanti di ogni tipo di merce, colorati cartelli gialli pubblicizzano il dado Maggi “au coeur du gout”! Greggi di capre stanno ai lati della strada.

Lasciata la zona urbana, la strada taglia in 2 le distese di baobab e palme. Siamo state qui solo 9 mesi fa, ma ogni volta le sensazioni sono nuove.

Qualche carcassa di vecchia auto sta abbandonata sui lati (incredibile, riconosco persino un vecchio pullman celeste che avevo notato l’altra volta sempre nella stessa posizione come lo scheletro di un mostro del passato) e alcune mucche pascolano tranquille.Tutto ora e’ molto verde e rigoglioso, non eravamo mai state qui nel periodo delle piogge.

Abbiamo preso in affitto una casa a Saly Coulang, a 2 passi dalla zona turistica. E’ di proprieta’ di un francese, Alain, che fa il pescatore e vive qui da 4 anni. La casa e’ in una strada di sabbia a pochi passi dal mare (che ridere, all’entrata della strada c’e’ un muro con su scritto: ’’interdit de pisser’’!!!.. Probabilmente alcune persone avevano preso una brutta abitudine... ), da fuori non si intravede niente, si entra da una piccola porta di ferro rosso e c’e’ un giardinetto ricco di piante.

C’e’ un bel barbecue in muratura e un tetto di foglie di palma con ventilatore annesso fa da copertura al giardino, sotto, un tavolo e tante sedie. La casa e’ composta da una stanza da letto il cui soffitto e’ fatto di canne, una minuscola cucina e il bagno. Alla parete e’ appeso un grosso guscio di tartaruga. I posacenere sono conchiglie.

C’e’ un forte profumo di terra bagnata e nel giardino ci sono gia’ molte zanzare. Il tramonto si avvicina. La prima tappa la facciamo al supermercato di Saly per comprare un disinfettante (la cucina e’ infatti molto sporca e non la utilizzeremo mai) e un insetticida nonche’ vari zampironi

  • 893 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social