La Scozia del Nord e le Orcadi

Una settimana on the road tra verdi colline, mare blu e pecore.

  • di Carmilla
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

09/08/2010: partenza per Londra Gatwick da Milano Malpensa con un volo Easyjet prenotato agli inizi di marzo e pagato circa 150€ a persona a/r. Arriviamo a Londra in perfetto orario e raggiungiamo il nostro b&b ad Horley: abbiamo optato per questo paesino vicinissimo all’aeroporto per motivi di tempo, visto che il mattino successivo dobbiamo essere in aeroporto direzione Inverness alle 9.30. Horley è un piccolo paese, nulla di speciale ma molto bella la chiesa circondata dal vecchio cimitero. La sera ceniamo al pub Te Olde Six Bells (consigliato dal proprietario del b&b), dove si mangia benissimo e a prezzi accessibili. Il nostro b&b si chiama Southbourne, prenotato anch’esso a marzo per 63£ la doppia con bagno e colazione. Camera spaziosa e carina, colazione sia inglese che continentale con una vasta scelta, molto buona.

10/08/2010: partenza da Londra, direzione Inverness con volo Easyjet pagato circa 50€ a persona a/r. Arriviamo a Inverness dopo pranzo e ritiriamo l’auto noleggiata con Europcar (213€ per una settimana). Da qui partiamo in direzione Tain, dove facciamo tappa per la notte. Tain è un altro paesino piccolo affacciato sul mare e circondato da campi da golf. La strada principale è piena di negozietti, che ovviamente alle 17 sono già tutti chiusi. La sera ceniamo in un ristorante del posto, non eccezionale ma con prezzi decenti… gli altri sono tutti molto cari. Pernottiamo al Golf View Guest House per 70£ la doppia con bagno e colazione. Questo b&b è veramente fntastico, la camera è stupenda con il letto a baldacchino e la vista mare, per non parlare della colazione cotta al momento e della gentilezza dei proprietari. Ve lo consiglio vivamente…

11/08/2010: partenza da Tain, direzione John O’Groats. Ci fermiamo subito a visitare Dornoch, cittadina piccola con una stupenda cattedrale e un meraviglioso castello trasformato oggi in hotel. Peccato solo per il tempo: e un susseguirsi di pioggia e sole. Dopo Dornoch, visitiamo il Castello di Dunrobin. L’ingresso costa 8.50£ a biglietto e comprende sia la visita agli interni che la visita ai giardini (che sono ancora più belli degli interni). Noi abbiamo la fortuna di vedere lo spettacolo di falconeria che si tiene 2 volte al giorno: mezz’ora di volo di falchi proprio sopra le nostre teste, veramente emozionante. Dopo un pasto frugale a base di tè e sandwich, ci dirigiamo verso John O’Groats, passando per Brora e Helmsdale. Vediamo il Dunbeath Castle, un bellissimo castello bianco non aperto al pubblico e il Forse Castle. Da qui alla nostra meta è un susseguirsi di mare, verdi colline e campi di grano, molto suggestivo. John O’Groats è solo una strada, poche case e qualche negozio, ma a noi serve come punto di partenza per le Orcadi il giorno dopo. Ceniamo nell’unico ristorante del posto (praticamente deserto tranne noi e un’altra coppia) e pernottiamo al John O’Groats Guest house per 60£ la doppia con bagno e colazione: esternamente non è granchè, ma le camere sono pulite e comode.

12/08/2010: da John O’Groats raggiungiamo Gills Bay, dove ci imbarchiamo sul traghetto della Pentland Ferries che ci porterà sulla Mailand, l’isola più grande delle Orcadi. Il traghetto l’abbiamo prenotato ad aprile perché non è molto grande e può portare solo 32 auto, e abbiamo pagato 112£ a/r 2 persone più auto, molto più economico di quelli che partono da Thurso. Dopo un’ora di viaggio con tempo avverso, mare abbastanza mosso e neanche una foca a salutarci, attracchiamo a St.Margaret’s Hope e incominciamo il nostro tour. Come prima cosa ci fermiamo alla Cappella Italiana: una chiesetta molto piccola, bianca e rossa, costruita proprio da italiani. Proseguiamo poi in direzione Stromness, fermandoci prima in una caletta piccolissima ma con sabbia bianchissima e mare cristallino. Dopo il solito pasto a base di tè e sandwich, visitiamo Stromness: piccolino ma molto caratteristico. E’ la volta del Ring of Brodgar, un cerchio formato da megaliti dove una volta si svolgevano riti pagani. Da qui, raggiungiamo Skara Brea il villaggio ipogeo di 5000 anni fa, molto bello soprattutto per il panorama. Per 6.50£ a persona, si può visitare il villaggio e la Skaill House, la casa dello scopritore del villaggio. Dicono che se si sta molto attenti, si può sentire il fantasma passeggiare per i corridoi… noi non abbiamo sentito nulla, forse non siamo stati fortunati. Optiamo per raggiungere Kirkwall passando da Nord. Ci sono dei panorami mozzafiato, ma bisogna stare molto attenti alla strada: è ad una sola carreggiata e popolata da pecore e mucche. Nel pomeriggio arriviamo a Kirkwall, la più grande cittadine della Mainland. Facciamo un giro per il centro che altro non è che una strada e la piazza con la cattedrale e alla fine, visto il vento e il freddo, ci rifugiamo nell’unico ristorante con un tavolo libero e prezzi “normali”… qui è tutto molto caro. Pernottiamo al Bellavista B&B per 60£ la doppia con bagno e colazione. La camera è confortevole, un po’ spartano il bagno e la “bellavista” è sulla casa del vicino, non sul mare come detto. Buonissima la colazione, peccato solo per la poca ospitalità dei proprietari

  • 12943 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social