Un giorno a Scicli, dove l'Unesco è di casa

Avete presente i posti belli? Quelli che appena ci metti piede non sai da che parte guardare o da dove iniziare a esplorare da tanto è tutto bello? Scicli è così: bella, punto e basta

  • di Meridiano307
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Inevitabilmente la prima cosa di cui vi innamorerete sono i 250 metri di perfezione di Via Francesco Mormino Penna. Alberi in fiore, terrazzi in ferro battuto con le “pigne” agli spigoli; chiese i cui scalini invadono la via in un modo così delicato da passare quasi inosservati; finestre dalle cornici ricamate; negozi straripanti di ceramiche e tradizioni; palazzi raffinati; farmacie storiche e un municipio capace di suscitare la gelosia di tanti suoi fratelli sparsi per tutt’Italia.

Scicli è particolare, praticamente un tutt’uno con il territorio circostante, la cui conformazione fisica, nel corso degli anni, è stata sfruttata al 100%. Immaginate una piana con dei rilievi alle sue spalle; prendete un tappeto da cui spuntano case bianche e basse, con i fichi d’india appoggiati di fronte alle porte di casa, e ora delicatamente disponetele, quasi una sopra l’altra, facendo attenzione però a lasciare lo spazio per le piazze e le Chiese. Ecco, con le Chiese abbondate pure, perché qui la fede non è affare per deboli di cuore.

A Sciclici sono tre colli e due gole… troverete abitazioni anche qui, nel dirupo, sulla roccia, nella roccia; insomma, Scicli è un gioiello perfettamente incastonato nel suo territorio. Non a caso, nel 2002 è arrivato anche il riconoscimento da parte dell’Unesco che ha inserito il suo centro storico assieme ad altri sette comuni nella lista delle Città tardo barocco del Val di Noto; ovviamente Patrimonio dell’Umanità!

CHE COSA VEDERE A SCICLI?

Il Barocco

Guardatelo, inseguitelo, cercatelo, toccatene i riccioli e i disegni e quando la luce del tramonto si ferma ad illuminare le facciate dei palazzi, allora prendetevi dieci minuti per voi, sono momenti che aprono il cuore.

CHIESA DI SAN GIOVANNI EVANGELISTA

Il suo interno è uno dei più belli e luminosi che abbia mai visto e l’esterno beh che te lo dico a fare. Anzi no, te lo dico: un capolavoro! La facciata che è tutt’uno con quella del municipio (ex convento) è meravigliosa; durante il giorno ti obbliga quasi ad indossare gli occhiali da sole da tanto quella pietra risplende, mentre alla sera, quando prende il colore della calda luce del tramonto, devo ammettere che un paio di fiori d’arancio per i pensieri, te li mette praticamente per forza!

MUNICIPIO

Nonché “fictionesca” sede della questura dell’ispettore Montalbano. Come dicevo prima, la sia facciata è continua a quella della Chiesa e di fatto appaiono come un unico edificio. Onestamente questa volta c’è da fare un grande applauso al progettista che nei primi del novecento si è occupato della ricostruzione dell’ex monastero delle Benedettine andato distrutto a seguito di un terremoto, rispettando le caratteristiche dell’architettura locale e facendo sì che questa nuova costruzione si armonizzasse il più possibile con gli edifici circostanti.

PALAZZO BENEVENTANO

Definito nientepopodimeno come il più bel palazzo barocco di Sicilia (“di un pallido colore giallo-oro che al sole acquista un’indescrivibile opulenza“); onestamente vorrei conoscere talmente tanto bene l’Isola da poter giudicare la fondatezza di quest’affermazione però, per quello che riguarda Scicli, non posso che esserne totalmente concorde. È talmente bello, curato e raffinato che l’Unesco lo ha inserito nella lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità. Io personalmente ho perso la testa per i mascheroni che troneggiano sopra le soglie delle porte, ancora lì a far smorfie e boccacce per impedire agli spiriti malvagi di entrare nell’edificio

  • 5423 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social