In Sardegna col pancione

Una vacanza all'insegna del mare... ma il Sulcis Iglesiente, le baie di Chia e di Teulada offrono molto di più!

  • di Redeyes5
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Progetti per agosto 2017, tutto pronto per Malesia, Singapore e Borneo… fino a quando ad aprile non scopriamo che finalmente sono incinta!

Nonostante la gravidanza proceda bene, decidiamo entrambi di rinunciare al viaggio perché io non me la sento incinta di oltre 5 mesi di affrontare quel tour, perciò a malincuore, rimandiamo la Malesia!

Dopo aver valutato diverse mete, decidiamo di rilassarci in Sardegna, precisamente decidiamo di visitare la zona sud ovest, quella che sembra ancora un po’ fuori dal turismo di massa.

Partiamo il 18/08/2017 con un volo Ryanair prenotato all’inizio di luglio e pagato 423 € a/r in due con un solo bagaglio da stiva per la tratta Bologna-Cagliari.

Purtroppo con le nuove politiche Ryanair, facciamo il viaggio di andata separati ma per fortuna il volo è brevissimo e appena arrivati e ritirato il bagaglio, con un taxi a tariffa fissa raggiungiamo il B&B Casa Mira dove pernottiamo due notti al prezzo di 149 € colazione compresa.

Il B&B è un vero e proprio appartamento di due signori molto disponibili, che l’indomani a colazione ci forniscono anche cartina e informazioni per la visita a Cagliari e si prodigano in ogni modo per servirci una colazione ricchissima: brioche appena sfornate dalla pasticceria, frutta, dolci tipici sardi, succhi di frutta e caffè. Devo però evidenziare che alla nostra partenza, avendoci richiesto una recensione su Booking e TA, decidiamo di assegnarli un 9.6 su 10 (mai dato prima un punteggio simile) in quanto comunque la struttura è un po’ datata e decentrata rispetto al centro storico e la signora si risente rispondendoci un po’ dura su Booking… ci spiace molto perché 9.6 ci sembra un eccellente punteggio e non ci sembrava di aver parlato male, anzi abbiamo fatto molti complimenti a loro e al B&B… mah!

In ogni caso, il 19/08 ci dedichiamo alla visita di Cagliari, una città molto particolare e che probabilmente ci aspettavamo più viva e più curata, soprattutto nei mesi estivi, essendo anche una tappa delle navi da crociera… ad esempio, dei 3 “ascensori” che portano al centro storico dalla parte inferiore della città ne funzionano ZERO.

Cominciamo la visita gratuita dal Santuario di Bonaria che rimane fuori dal centro, molto bello sia all’esterno, in particolare il bellissimo selciato davanti, che all’interno. Particolarmente suggestiva, la vista del mare che si gode dalla cima della scalinata.

Proseguiamo poi con l’autobus fino a raggiungere il Bastione di Saint Remy, un “portale” enorme che segna l’inizio del centro storico di Cagliari; purtroppo non ci è possibile salire in quanto le scale sono in ristrutturazione. Come dicevo, gli ascensori non funzionano e quindi non ci rimane che scarpinare fino su a piedi!! Ci riposiamo un attimo ai giardini pubblici, molto curati, anche se non è presente nemmeno un chiosco, stupida io a non portarmi una bottiglietta d’acqua! Saranno le 9.30 e fa già un caldo insopportabile!

Finalmente arriviamo su, superiamo la Torre di San Pancrazio, ammiriamo l’esterno del Palazzo Civico e arriviamo alla Piazza della Cattedrale di Santa Maria, molto suggestiva e spaziosa.

Dopo esserci ristorati nell’unico bar trovato aperto con una bottiglietta d’acqua e un caffè (e rimanere basiti perchè alle 10 del mattino non hanno il resto di 20 euro!!!), visitiamo la cattedrale in stile gotico. In particolare segnalo di non perdere la cripta, con stupende decorazioni marmoree.

Ci perdiamo poi un po’ per le viuzze di Cagliari, stretti vicoli che portano a piazze e terrazze panoramiche che spaziano dal mare al “piano inferiore” della città. Passiamo davanti alla famosa torre dell’elefante dove scattiamo un paio di foto e poi “scendiamo” a visitare la Chiesa di San Michele, da togliere il fiato con la sua pianta ottagonale, la cupola decorata e le piccole cappelle barocche.

Concludiamo la visita con la Chiesa di Sant’Anna, che però colpisce più che altro all’esterno per la meravigliosa scalinata e il bianco accecante della facciata e dei due campanili laterali; l’interno, invece, non è proprio di mio gradimento

  • 12506 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , , ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social