Vacanza con famiglia in Ogliastra

Vacanza estiva nella Sardegna meno nota. Felice sorpresa per un bel mare, le spiagge, le scogliere e la cultura

  • di NICOLAFILIPPO
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

Lo scorso inverno ho letto sulla stampa che in Ogliastra vive la gente più longeva in Europa e la seconda al mondo (dopo l’isola di Hokkaido in Giappone). Mi è sembrata buona cosa cercare di scoprire il motivo di tale fortuna approfittando delle vacanze estive.

Ho prenotato con la famiglia un villaggio (Cala Luas) a Cardedu, 20 km a sud di Tortoli e Arbatax con l’obiettivo di trascorrere due settimane (fine luglio-prima agosto) all’insegna del relax, mare e scoprire nuovi luoghi. Partiamo con traghetto notturno da Genova (MOBY) e alle 7 del mattino siamo già sbarcati a Olbia. Decidiamo di fare una sosta alla vicina Cala Brandinchi di S. Teodoro, definita la Tahiti italiana. Ovviamente vista l’ora nel parcheggio vi sono 10 auto e la spiaggia bianca è libera e il mare calmo ed azzurro. Verso le 10.00 il paesaggio è ben diverso: folla umana accalcata sulla spiaggia con relativa lotta per qualche centimetro di sabbia. Ripartiamo il primo pomeriggio per Cardedu che si raggiunge dopo due ore e mezza di viaggio. Si segue la superstrada sino a Nuoro e poi si imbocca la strada scorrevole diretta per Lanusei (var 389). Gli ultimi 25-30 km che portano al litorale sono tortuosi ma su strada ben asfaltata. Si passa da un paesaggio montano con molti abeti a un paesaggio caratterizzato sempre da molto verde ma con pini marittimi, ginepri e vegetazione tipica mediterranea.

Spendo due parole per il villaggio Cala Luas. Affacciato direttamente sul mare (località Foddini) si presenta molto piacevole e curato con una struttura centrale e una garden (tante casette) separate da una stradina (non passa mai nessuno). Buona la ristorazione e discreta animazione. La spiaggia utilizzata dal villaggio è di sabbia con gli ultimi metri di ingresso nel mare di ghiaia e sassi. Il mare degrada velocemente e il colore è verde smeraldo, trasparente e pulitissimo. La spiaggia è lunga circa 2 km e ad eccezione degli ombrelloni del villaggio la spiaggia è completamente libera con sparute persone del posto con propri ombrelloni. Fantastica tranquillità.

Il paese più vicino al villaggio è Cardedu. Ci siamo stati più volte per andare al supermercato e al caseifico per fare scorte di viveri e bevande. E’ un paese piccolissimo con una chiesa che è il fulcro del paese. Anche il bancomat (non c’è la Banca) è dentro un pilastro della chiesa. Il primo giorno che abbiamo fatto la spesa al supermercato alla cassa un ragazzo ci dice il conto. Non ha accento sardo e gli chiedo da dove viene. E’ bergamasco come noi: si è trasferito circa 10 anni or sono con la famiglia dopo il pensionamento del suocero originario di Cardedu. Mi dice che qui tutto è tranquillo anche in agosto e per quanto riguarda il lavoro e la vita in generale ‘bisogna sapersi accontentare’.

Durante la vacanza abbiamo poi visitato Arbatax e Tortoli. Tortoli è il centro principale, Arbatax è la sua appendice portuale.

Abbiamo trascorso una serata a Tortoli, per vedere un minimo di vita sociale attiva, mentre ad Arbatax interessante è la vista delle famose rocce rosse dislocate nei pressi del porto e della Cala Moresca. Quest’ultima è una piccola spiaggia di grossi sassi che si affaccia su una baia con mare verde-blu, la particolarità è la presenza di un pontile con scaletta che ti consente di immergerti in acqua ricca di pesciolini di ogni sorta.

Arbatax è il punto di partenza dei battelli che effettuano l’escursione giornaliere alle calette direzione nord e raggiungibili solo via mare. Notevole Cala Mariolu (seppur con tanta gente) e la visita alla grotta del bue marino. Personalmente è piaciuto molto il tragitto per raggiungere le due mete citate in quanto il litorale è caratterizzato da scogliere altissime (anche 400 metri), rosse e frastagliate nel primo tratto per poi diventare bianche e lisce nel secondo. Vegetazione mediterranea che cresce in punti improbabili della roccia. Grotte e calette minuscole a non finire, ognuna con il suo nome e la sua storia, sempre circondati da un mare blu intenso.

Il litorale da Arbatax a Barisardo (poco a nord di Cardedu) è caratterizzato da spiagge di sabbia bianchissima e da mare azzurro che degrada dolcemente. Notevoli Lido di Orri e Marina di Cea caratterizzate la prima da rocce piatte, chiare e lisce immerse nel mare, la seconda da due faraglioni rossi. Essendo alta stagione c’è gente ma tutto molto vivibile. Il tratto da Barisardo verso sud invece è caratterizzato da lunghe spiagge sabbiose miste a sassi (sul bagnasciuga) e da un mare verde-blu intenso limitate da una folta vegetazione. Nonostante il periodo c'è pochissima gente in spiaggia ed è piacevole stare seduti in riva al mare a sentire i rumori e i profumi della natura. Particolare in questa zona è Su Sirboni, spiaggia di sabbia che si raggiunge a piedi (10 minuti) attraverso un sentiero fra rocce rosse

  • 10454 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social