Giro della Sardegna in moto

Sardegna on the road

  • di fabio1175
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Fino a 500 euro
 
Annunci Google

Ultimi preparativi prima della partenza.

Bosa 10/08/09

Mancano circa 10 ore alla nostra partenza che ci porterà a girare in moto la costa della Sardegna. Prima di continuare ci tengo a elencare le moto utilizzate per questo viaggio: Stefano possiede una Honda Cbr600rr del 2004, Fabio (io) possiedo una Honda Hornet (naked) 600 del 2007, e per ultimo il nostro amico Francesco che possiede una Panda, si avete capito bene lui viene in macchina, poiché la sua moto, uno scooter Piaggio Exagon 125 (meglio la Panda) :-), non è stata preparata in tempo, a causa di alcuni imprevisti. In questo momento siamo impegnati, nel preparare i nostri zaini, che poi daremo a Francesco, che li porterà nella sua macchina. Almeno così io e Stefano, viaggeremo leggeri sulle nostre moto. Si parte!

Bosa 11/08/09

Puntuale come un orologio svizzero, la sveglia del mio cellulare suona alle ore 07:00. Io mi alzo quasi subito, mentre 10 minuti più tardi (il solito) si alza Stefano. Una volta alzati controlliamo gli ultimi dettagli. Alle ore 07:40, arriva sotto casa il Grande Uomo; Francesco. Dopo aver caricato i bagagli sulla Panda (se non ci fosse bisognerebbe inventarla), tiriamo fuori (dal garage) le moto. Prima di partire per il nostro "folle viaggio", decido di salire a casa a salutare mia moglie. Scaldiamo le moto e finalmente si parte. Ci fermiamo subito, tappa "Bosa marina" per fare un abbondante colazione. Ci accorgiamo guardandola in faccia,che la barista è più addormentata di noi. Dopo aver fatto colazione ci avviamo a partire, la marcia di viaggio è tranquilla ed è ancora più piacevole usare la moto. Francesco ci fa da apri pista e dopo aver lasciato la nostra "Bosa" alle ore 08:15, verso le ore 09:20 arriviamo a Oristano, dove ci fermiamo per scattare alcune foto ricordo. Dopo circa 10 minuti, risaliamo in sella delle nostre moto, pronti a ripartire. Dopo aver lasciato alle nostre spalle Oristano, e aver attraversato il comune di Santa Giusta, alle ore 09:50 circa facciamo un altra sosta nella grazioso comune di Arborea (paese famoso per essere stato fondato da Mussolimi). Entriamo in un bar carino, e dopo aver preso (tanto per cambiare) tre caffè, tentiamo la sorte giocando tre schedine del superenalotto (che per nostra sfortuna, si riveleranno perdenti). Verso le ore 10:00 ripartiamo, decidendo di non fare più soste fino alla 1° tappa programmata ovvero il comune di Arbus. Dopo un infinità di km, arriviamo a "Montevecchio" (una frazione) che si trova a circa 20 km dalla nostra meta. Ci fermiamo (stanchi e sudati all'inverosimile) in uno splendido chiosco, e come tre "peones" ordiniamo tre "birre gelate" e mentre sorseggiamo, decidiamo la strada da percorrere. Due "gentilissimi" signori (anziani), seduti al tavolo a fianco al nostro, ci consigliano di percorrere una strada sterrata, piuttosto che tornare indietro in un altra strada e allungare i km. Decidiamo di ripartire ascoltando il prezioso consiglio dei due simpatici signori. All'inizio della strada sterrata, ci consultiamo ancora una volta, e all'unanimità decidiamo di proseguire presso quella strada. Purtroppo la strada che percorriamo, presenta un imprevvisto, ovvero il fatto che è sterrata per tutta la durata vale a dire circa 20 km. Questo comporta che la nostra andatura di crocera si riduce ulteriormente procedendo ad una velocità di circa 30 km/h. La bella notizia però e che questa andatura, ci permette di osservare un paesaggio mozzafiato, dove ci fermiamo continuamente per scattare delle bellissime foto

Annunci Google
  • 10242 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social