Sardegna: mon amour! – atto secondo

Mistero, storia, leggenda, tradizione e tanto orgoglio sono solo alcuni degli ingredienti che rendono la Sardegna un luogo decisamente interessante da esplorare.

  • di Francy74
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Mistero, storia, leggenda, tradizione e tanto orgoglio sono solo alcuni degli ingredienti che rendono la Sardegna un luogo decisamente interessante da esplorare.

Uno scrigno verde e roccioso si dischiude dall’interno per regalare panorami e atmosfere senza tempo dove i colori degli elementi naturali sembrano disporsi come fossero una tavolozza in attesa di esprimersi.

Non solo il mare ma la macchia mediterranea, la roccia, il cielo il sole, il vento e la luna si mostrano senza timore e senza arroganza ma con la consapevolezza di riuscire a conquistare anche il più disincantato degli osservatori.

San Teodoro, a sud del promontorio di Capo Coda Cavallo, davanti alla mole rocciosa dell’Isola di Tavolara, ospiterà me e mio marito dal 10 al 16 agosto 2011.

Dopo aver trovato una tariffa piuttosto conveniente per il traghetto (cosa per nulla scontata considerando il caro traghetti di questa estate che è costato alla Sardegna una riduzione di presenze pari circa al 40%) con la compagnia Moby (viaggiando di giorno e infrasettimanale) arriviamo puntuali ad Olbia nel tardo pomeriggio. Dopo circa 30 km raggiungiamo San Teodoro e il b&b che abbiamo scelto per il nostro soggiorno “Villa Geron” in Via Flumendosa.

Villa Geron merita sicuramente due parole. Situato a circa 600 metri dal centro del paese, facilmente raggiungibile a piedi, è posizionata su una collinetta immersa nel verde con una splendida vista sul mare e una preziosa atmosfera di tranquillità (se non amate particolarmente la confusione vi consigliamo di non scegliere di alloggiare al centro del paese che fino a notte fonda ospita la movida) . Dispone di tre sole stanze con bagno interno, è una piccola oasi di tranquillità arricchita dalla gentilezza, dal calore e dall’accoglienza dei proprietari: Marina e Paolo con i loro figli. Sin da subito Marina ci ha accolti aprendo le porte del b&b (che è anche l’abitazione della famiglia) e le proprie braccia per darci il benvenuto. Ve lo consigliamo vivamente se volete anche annusare un po’ di aria familiare e sentirvi comunque a casa!

Marina ci spiega subito quali sono gli angoli più suggestivi di San Teodoro e i locali che aderiscono al consorzio San Teodoro (di cui fa parte anche il nostro b&b) che, mostrando una card, ci riserveranno il diritto al 10% di sconto. Appena arrivati facciamo subito amicizia con una coppia di ragazzi romani che alloggeranno nella nostra stessa struttura.

La nostra camera è deliziosa e munita di tutti i confort, ma soprattutto gode di una vista sul mare che ci riconcilia con il mondo, la mattina presto il sorgere del sole è uno spettacolo senza eguali.

La sera del nostro arrivo abbiamo giusto il tempo di iniziare a prendere confidenza con San Teodoro che sembra già strizzarci l’occhio per avvertirci che saranno giornate indimenticabili. Ceniamo in uno dei ristoranti che ci ha consigliato la nostra amica Marina “Da Nardino” dove gustiamo degli ottimi Culurgiones, dei ravioli ripieni di patate conditi con pomodoro semplice.

La mattina seguente, dopo un’abbondante colazione condivisa chiacchierando con Marina e con gli ospiti del b&b decidiamo di iniziare il nostro giro alla scoperta di questo splendido angolo di paradiso che non deluderà le nostre aspettative e saprà regalarci emozioni uniche.

Il primo giorno lo dedichiamo alla spiaggia più conosciuta e frequentata di San Teodoro (a circa 3 km dal centro): “La Cinta”. La strada per arrivare alla spiaggia è semplice e ben tenuta e porta direttamente all’immenso parcheggio a pagamento (1,50 € ogni ora) che vi consentirà di lasciare l’auto

  • 10399 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social