In Sardegna col cane

Quest’estate vacanze alternative per me e Cristian...niente più viaggi oltreoceano in agosto ma vacanze italiane la seconda metà di giugno con cane al seguito. Da casa abbiamo prenotato il traghetto con Sardinia Ferries costato circa 300 euro a/r e le ...

  • di carollif
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Quest’estate vacanze alternative per me e Cristian...Niente più viaggi oltreoceano in agosto ma vacanze italiane la seconda metà di giugno con cane al seguito.

Da casa abbiamo prenotato il traghetto con Sardinia Ferries costato circa 300 euro a/r e le 14 notti: la prima settimana abbiamo visitato la costa occidentale e meridionale dell’isola dormendo in 3 diversi bed & breakfast trovati su internet , la seconda abbiamo affittato una casa nella zona di Golfo Aranci con la mia collega e suo marito.

In totale abbiamo speso meno di €1500 in tre (Trilli compresa) 16 Giugno Partiamo da casa nel primo pomeriggio, il traghetto salpa alle 23 da Livorno, ma vogliamo fare con calma, è il primo viaggio con Trilli e non sappiamo come reagirà a diverse ore di macchina.

Il traffico è scorrevole sebbene sia sabato, facciamo sosta in un autogrill sulle Alpi Apuane dove il vento e il freddo ci sorprendono...Trilli con le sue grandi orecchie rischia di volar via!! Arriviamo a Livorno per l’ora di cena, addocchiamo l’ingresso per l’imbarco e proseguiamo per la zona portuale...Ci sgranchiamo un po’ le gambe e cerchiamo di far mangiare qualcosa a Trilli...L’abbiamo sballottata troppo e non vuole proprio saperne di assaggiare le sue crocchette! Verso le 21.30 ci dirigiamo all’imbarco dove ci sono già tantissimi veicoli ma della nave nemmeno l’ombra...Attendiamo pazientemente prima in auto, poi facciamo un giro nella fortezza che c’è all’interno del porto: è una specie di cittadella con bar e ristorantini molto carini...A saperlo avremmo potuto cenare qui! A mezzanotte finalmente è arrivata la nave e da lì ad un’ora ci hanno imbarcati.

17 giugno Il viaggio è andato piuttosto bene anche se Trilli è stata molto agitata: all’inizio per via della museruola (è segnalata come obbligatoria ed io, rispettosa delle regole gliel’ho messa, ma dopo un po’ ho visto una sfilata di cani ben più grossi di lei che non la indossavano e gliel’ho levata!), poi dei rumori e delle vibrazioni che c’erano nel salone dove avevamo le poltrone...La mia notte è stata un via-vai dalle poltrone al ponte, alla fine ho dormito 3 ore con il cane sulle gambe...Oggi sono ko! Appena svegli abbiamo fatto colazione (terribile per €7,70) ed abbiamo visitato la nave fino all’attracco a Golfo Aranci.

Appena sbarcati abbiamo fatto il pieno (€32) e siamo partiti alla volta di Alghero.

La statale che porta a Sassari attraversa un entroterra brullo ed affascinante: eravamo piuttosto addormentati ma siamo comunque rimasti colpiti dai colori della campagna, dal silenzio e dagli ampi spazi...Non si incontra nessuno per chilometri...A parte un camioncino che trasportava lana di pecora che si perdeva nell’aria con la velocità.

In 2 ore abbiamo raggiunto Alghero, una splendida cittadina con una cinta muraria che ne definisce i confini della zona vecchia. La parte antica è caratterizzata da stretti vicoli su cui si affacciano palazzi del tutto somiglianti a quelli che abbiamo visto in Andalusia...Infatti Alghero nei secoli passati risentì delle influenze spagnole...Sembra che alcuni pescatori parlino ancora una lingua simile al catalano. Pranziamo con pizza al trancio (12€) e prima di ripartire prendiamo uno spettacolare gelato ad una gelateria sita tra la piazza civica ed il porto.

Abbiamo ripreso la macchina in direzione Cuglieri- Torre del Pozzo (70km), dove abbiamo prenotato nell’omonimo bed & breakfast le prime due notti sarde...La strada costiera è molto suggestiva ma altrettanto impegnativa, così per coprire una distanza relativamente breve abbiamo impiegato una vita. Siamo passati da Bosa, con la sua fortezza Malaspina arroccata sulla montagna e da Tinnura, dove tutte la facciate delle case sono affrescate da murales e le indicazioni sono scritte prima in sardo e poi in italiano

  • 12540 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social