Santorini

Mare, Spiagge e Isole

Santorini - Santorini
Descrizione

Le cose che non dovete fare a santorini

  Messenger
  • Lo consiglio perchè è un posto unico, i colori del mare si mischiano con quelli del tramonto e tutto ciò crea un'atmosfera davvero unica, poi il bianco delle case e la visuale della Caldera fanno il resto. di , 5 Set. 2013
  • Naturalmete il costo di 20 euro a persona è se decidete di vedere il tramonto da qualche locale sulla Caldera, io consiglio di prendervi una birra e di ammirare il tramonto insieme alla vostra ragazza in un posto tranquillo. di , 5 Set. 2013
  •  
    Organizzo abitualmente i miei viaggi, insieme alla mia compagna, prenotando tramite siti internet i voli, gli hotel, il noleggio auto e a volte anche le visite guidate. Pur documentandomi sui siti da vedere anche con le opinioni degli altri viaggiatori, non sempre si è in grado di valutare tutte le incognite.Penso di far cosa gradita agli altri viaggiatori documentando il viaggio--week end allungato--ponte del 25 Aprile(4 giorni). Ho prenotato il volo da Roma a Thira ben due mesi prima scoprendo che nel mio ambito territoriale solo da Fiumicino parte un volo no scalo con la Vueling due volte alla settimana(martedi e sabato).Tutti gli altri voli fanno scali quindi con tempi di viaggio inaccettabili.Poichè la disponibilità dei posti è limitata (un volo ha solo 180 posti) consiglio, oltre per il costo che si evolve, di prenotare con almeno un paio di mesi anticipo. Prenotazione hotel: Dove? a Fira, a Oia o altrove? Fira è senza dubbio la più centrale, da qui partono tutti i tour,ci sono tutti i musei e c'è una grande abbondanza di sistemazioni. Tenendo presente che tutti gli hotel che hanno la vista sulla caldera hanno tre volte prezzi superiori agli altri, ho scelto, sempre centralissimo, un hotel ad est della strada principale (23March street) e, pur essendo a 100 metri dalla piazza principale, ho avuto un trattamento eccellente a prezzo irrisorio. A Fira quasi tutti gli hotel offrono la navetta gratuita da/per aeroporto e, considerando che lo stesso è a 5-6 km., risulta particolarmente utile. Se avessi scelto come località Imerovigli o Oia sarei stato costretto a noleggiare un'auto fin dall'aeroporto o l'uso di un taxi. Prevedendo fin da casa un tour per tutta l'isola di due giorni ero nell'incertezza se prenotare un mezzo (auto o moto) on line oppure sul posto.Non volendo avere difficoltà sul posto ho preferito farlo on line con una agenzia internazionale famosa distante solo pochi metri dall'hotel.Francamente, vista l'abbondanza dei noleggi sul posto, avrei anche risparmiato qualcosa, ma ho preferito non rischiare.Avendo visto le condizioni meteo previste (freddo e vento), ho preferito una piccola auto piuttosto che moto o quad. Avevo già letto delle difficoltà di parcheggio ma non pensavo che anche in bassa stagione fossero tali. comunque a fira ci sono due parcheggi liberi, uno centralissimo, sempre pieno, ed uno a 300-400 metri verso nord dove si trova quasi sempre un posto. STATE MOLTO ATTENTI a non posteggiare lungo la strada principale (molto stretta) e soprattutto non fatelo perchè frequentemente passano i vigili e mentre uno scive la multa, l'altro, con un giravite, asporta e requisisce la targa anteriore e posteriore. ASSURDO, ma è così! In tal modo il multato, se vuol riprendere a circolare, deve prima pagare la multa. Ho cercato di fare una foto mentre smontano le targhe ma gli stessi vigili mi hanno minacciato. roba da barbari. Poichè tutti i lunedì i musei sono chiusi ho preferito vedere gli stessi (Akrotiri, vecchia Thira,Monastero Profeta Elia) di domenica e fare il tour della caldera con la barca il Lunedì. Le distanze sono molto brevi e con mezz'ora d'auto si arriva da Fira ovunque. Quando andate verso Akrotiri fate una tappa a Megalochori (villaggio molto carino--ne vale veramente la pena--).Quando entrate a Akrotiri (definita la Pompei greca) non vi perdete d'animo: Non può essere uguale a Pompei perchè ha esattamente il doppio degli anni e gli strati sotto cui è stata sepolta sono molto ma molto più spessi. Ciò che si vede dall'alto delle passerelle non rende abbastanza fin quando non vi permettono di scendere a livello della pavimentazione stradale e vedete la piazzetta triangolare con gli edifici a due piani e vi rendete conto come già 3800 anni fa erano organizzati nella vita quotidiana. Continuando verso est, avevamo intenzione di vedere l'Antica Thira che sulla carta era collocata leggermente all'interno della costa, appena sopra la spiaggia di Perissa. Avevamo un paio d'ore prima dell'orario di chiusura e improvvisamente vediamo un cartello "trekking" per un percorso di 40 minuti (km.1,4)e decidiamo di farlo non rendendoci conto che l'antica Thira era proprio sopra la montagna che ci sovrastava e i 40 minuti , essendo un sentiero molto impervio, erano stati calcolati per giovani scalatori e quindi per noi, non più giovani, è stato abbastanza impegnativo. Quando siamo arriva ati in cima ci siamo accorti che l'ingresso del sito era raggiungibile con l'auto da nord. e precisamente dalla spiaggia di Kamari, ma che per arrivare allo stesso si doveva tornare indietro fino a PYrgos, Exagonia e poi verso Kamari.Comunque, se vi capita, fatela con l'auto, è più comoda, anche perchè dall'ingresso del sito ci sono ancora un paio di chilometri sulla vetta del monte che vi impegnerà per un'altra ora almeno. Nonostante i ruderi siano vasti, non sono ben conservati (risalgono al V-VI sec a.C.). Ne vale comunque la pena sia per la grandiosità del complesso che per il panorama che abbraccia da ovest la caldera, al sud dell'isola, a lato est, quello pianeggiante. La stessa considerazione vale per il Monastero del profeta Elia, ancora più in alto e questa volta il percorso fatelo escusivamente da nord con l'auto perchè il sentiero è ancora più difficile. Il lunedì. giorno di chiusura dei musei e dei siti archeologici, l'abbiamo dedicato al tour in barca della caldera.Abbiamo scelto il tour più completo che partiva dal vecchio porto di Fira (raggiungibile in brevissimo tempo con la funicolare), prevedeva la visita di Nea Kameni (l'isola con li piccolo vulcano attivo), delle sorgenti termali ,dell'isola di Thirassia, fermata breve al porto di Oia e ritorno.La scalata sul vulcano dovrebbe durare 20+20 minuti per la discesa, ma non vi dilungate lungo il percorso perchè vi danno solo un'ora e mezza e la sommità con il cratere con i soffioni ancora attivi unitamente al panorama dall'alto e la visione delle colate laviche, merita molto. Vi consigliano scarpe con suole che non si fondono, ma niente di più falso:bastano scarpe da tennis o da trekking, anche perchè i soffioni sono all'interno del cratere e non ci passeggiate sopra. Da li' poi si va alle sorgenti sulfuree sooto il mare dove c'è la possibilità di fare il bagno: Nota bene: ad aprile l'acqua del mare è 15-18 gradi mentre sopra le sorgenti termali sono 24-25 gradi ed la profondità del mare alla barca sono 11 metri. Terza tappa l'isola diThirassia con il sovrastante paesino di Manola. Vi danno solo due ore e dovete scegliere se fare pranzo in uno dei tanti ristorantini della spiaggia oppure farvi la scalata al paese (magari a dorso di mulo). bellissima gita,panoramica al massimo. Non dimenticate di visitare Oia con molto più tempo di come abbiamo fatto noi (ne vale veramente la pena)con scorci panoramici mozzafiato tra le case arroccate sulla roccia,mulini a vento e, per gli appassionati dello shopping, non le normali bancarelle, ma quanto di più caratteristico e lussuoso. Tre giorni di visita (se non fate mare) sono più che sufficienti, con un pò di organizzazione, per visitare tutto, ma soprattutto non fatelo di Luglio ed Agosto: l'isola è giò abbastanza affollata a fine Aprile e pensarla strapiena ad Agosto sarebbe un peccato non poterla visitare in tutto il suo splendore. di , 29 Apr. 2017
  •  
Indirizzo
Santorini - Oia, Grecia
Durata consigliata della visita
Cinque e più giorni
Costo per persona
1000 Euro
Dimensione
Piccolo

« Torna all'elenco    Aggiungi la tua segnalazione »