Mostre tra San Marino e Rimini

Nella piccola repubblica per il meglio della pop art americana, poi in Romagna per la pittura continentale dal 400 al 900

  • di Ink
    pubblicato il
 

Quest’anno, la piccola repubblica di San Marino ha un tocco d’internazionalità in più: le sale di Palazzo Sums ospiteranno una bella mostra dedicata alla pittura statunitense del 900. L'evoluzione è ricostruita attraverso 25 opere significative dei suoi più grandi artisti, in un percorso ideale che dalla pittura della realtà di Edward Hopper va fino alla Pop art: in mezzo, fra gli altri, ci sono Georgia O’Keefe, Jackson Pollock, Rockwell Kent, Thomas Eakins e Arsile Gorky. Ampio spazio, poi, è riservato all’astrattismo americano, con due grandi tele di Pollock e altre opere di Franz Kline, Willem de Kooning e Mark Rothko.

La jackie di Warhol

La stagione della pop art, invece, è rappresentata da lavori Roy Lichtenstein e di Andy Warhol: l’opera scelta come simbolo della mostra è la sua Jackie (1964), un coloratissimo ritratto di Jacqueline Kennedy nell’inconfondibile stile Warhol. Fa parte della serie di ritratti di Jacqueline Kennedy realizzati dall’artista dopo l’assassinio di Kennedy a Dallas, nel 1963: le immagini dell’attentato e poi dei funerali sconvolsero l’America, focalizzando l’attenzione sulla giovane vedova. Per ritrarla, Warhol utilizzò immagini fotografiche che la mostravano felice e radiosa, perfetta incarnazione del “sogno Kennedyano”: isolando il volo della first lady e intervenendo con colori saturi e aggressivi, la trasforma in una icona dagli occhi tristi, ricchi di presentimento di morte. La mostra chiude con due tele del grandissimo Andrew Wyet, scomparso nel 2009, e un’opera di grandi dimensioni della superstar dei graffiti, Keith Haring, morto di Aids nel 1990, a solo 31 anni.

UN SALTO FINO A RIMINI

Se dopo la mostra a Palazzo Sums volete raddoppiare, vale la pena spostarsi sulla costa romagnola, nella vicina Rimini, per vedere l’esposizione-mostra allestita a Castel Sismondo, la rocca malatestiana: si tratta di una sorta di “grande lezione” di storia dell’arte, che attraverso un’ottantina di opere provenienti da 30 musei del mondo, ripercorre lo sviluppo della pittura europea dal 400 al 900. In mostra ci saranno opere, tra gli altri, di Vermeer, Van Dyck, Tiziano, Canaletto, Monet, Manet, Renoir e Kandinsky. Di ognuna delle principali nazioni che hanno dato lustro alla storia dell’arte, è stato scelto il secolo, o i secoli, di maggior gloria, e all’interno di quel secolo, specialmente per l’Italia, la realtà “regionale”maggiormente rappresentativa. Ad esempio, per il 700 italiano si considera la pittura veneziana, da Canaletto a Guardi, da Tiepolo a Bellotto.

Info mostre: Da Hopper a Warhol. Pittura Americana del XX secolo a San Marino, dal 21 gennaio al 3 giugno a Palazzo Sums, Repubblica di San Marino. Call center: 0422 429999; www.lineadombra.it. Orario: da lunedì a venerdì, 10-18;sabato e domenica, 10-19. Biglietto intero 5 euro. Da Vermeer a Kandisnky, Capolavori dai Musei del mondo a Rimini, a Castelsismondo di Rimini dal 21 gennaio al 3 giugno. Orario: da lunedì a venerdì, 9-19; sabato e domenica 9-20. Info e prenotazioni: 0422 429999; www.lineadombra.it. Biglietto 10 euro (11 con prenotazione).

Annunci Google
  • 1160 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social