Stupenda Samos… al quadrato

A spasso per Samos, ennesima ma splendida isola greca dell'Egeo

  • di LucaGiramondo
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Stupenda Samos… al quadrato

(by Luca e Sabrina)

Martedì 12 Giugno

Per festeggiare i venticinque anni di matrimonio, vista la nostra innata passione, abbiamo deciso di fare questo viaggio extra, un viaggio solo in due, senza figli al seguito, su di una delle tante isole greche (ma quante sono! …). Andremo a Samos, fazzoletto di terra di poco meno di 500 chilometri quadrati, situato nell’Egeo orientale, a non più di un chilometro dalle coste della Turchia.

Partiamo alle 6:30 da casa, in una mattinata piuttosto grigia, e un quarto d’ora più tardi entriamo in A14 a Faenza. A Bologna seguiamo poi la A13 e un’ora dopo il via ci lasciamo la città di Ferrara alle spalle. A Padova imbocchiamo poi la A4, che seguiamo verso est fino a Venezia e al suo aeroporto, dal quale spiccheremo il volo per questa nuova avventura.

Alle 8:40 siamo così al Parking Go a lasciare in deposito l’auto e poco più tardi, grazie alla navetta gratuita dell’area sosta, varchiamo le porte dell’aeroporto Marco Polo. Imbarchiamo le valigie, oltrepassiamo i controlli di sicurezza e ci mettiamo in attesa del volo V7 1454 alla porta numero nove.

Non ci sono grossi ritardi e alle 11:33 il Boeing 717 della compagnia low cost Volotea rulla sulla pista lagunare e si alza in volo virando subito verso sud-est.

Seguiamo la costa adriatica della Croazia, poi attraversiamo la penisola balcanica e ci avventuriamo sul Mar Egeo per atterrare sull’isola di Samos alle 14:32 locali, dopo aver spostato le lancette dell’orologio avanti di un’ora.

In breve ci consegnano i bagagli e subito dopo, all’uscita, incontriamo l’incaricata di Sunsea, nostro tour operator per questo viaggio, ma gli diciamo che abbiamo prenotato un’auto a noleggio e quindi ci arrangeremo per il trasferimento alla struttura prevista.

Alla Thrifty, qui associata alla Hertz, ci consegnano una minuscola Seat Mii grigia (targata IPM 8803) e con quella partiamo.

Il viaggio è molto breve. Usciti dall’aeroporto attraversiamo il paese di Pythagorio e nella sua periferia nord orientale arriviamo all’Aparthotel Electra, che ci ospiterà per l’intera durata della vacanza.

Ci assegnano la stanza numero 5… e ci deve essere stato l’imbarazzo della scelta perché, vista la stagione ancora un po’ prematura, siamo gli unici ospiti della struttura. La camera però è pulita e accogliente, oltre ad offrire un’intrigante vista mare dal suo terrazzo.

Sistemiamo i bagagli, ci mettiamo in tenuta balneare e poi scendiamo ad incontrare nuovamente la ragazza di Sunsea, che ci fa un breve briefing, senza però svelarci nulla di cui non fossimo già a conoscenza, poi partiamo alla ricerca di una spiaggia nelle vicinanze per trascorrervi qualche ora.

Andiamo ad est, lungo la costa sud-orientale dell’isola, e ad una manciata di chilometri arriviamo prima di tutto a Mykali Beach, dove possiamo subito assaporare gli splendidi colori del Mar Egeo. Qui però non ci fermiamo e proseguiamo per la vicinissima Psili Ammos Beach, a quanto pare una delle sole due spiagge di sabbia di Samos.

Ci posizioniamo con i nostri teli in riva al mare e subito corriamo in acqua a gustarci un primo bagno… Si sta divinamente: siamo a brevissima distanza dalla costa turca, che sembra quasi si possa toccare, e il paesaggio intorno a noi è delizioso. Soffia solo un po’ di vento, che a volte alza la sabbia, ma è decisamente sopportabile

  • 2535 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social