Salisburgo e Sudtirol

Un weekend nella bianca Salisburgo e poi nel verde Alto Adige

  • di Libra
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Ed eccoci partire per un weekend fuori, nonostante non sia passato neanche un mese dal mio ultimo viaggio, ma ormai si sa, quando voglia di scappare e viaggiare chiama, non c’è nessuno che mi tenga! Portafoglio a parte… La meta stabilita con amici era in realtà Monaco di Baviera, partendo da Verona in auto era abbordabile, ma purtroppo, dato che la città è in festa e completamente invasa da turisti per l’Oktoberfest, ci hanno chiesto dei prezzi esorbitanti anche solo per una notte, così abbiamo dovuto cambiare programma… Abbiamo scelto poi una cittadina neanche tanto lontano da Monaco, e cioè la patria del grande Mozart, Salisburgo! Ci siamo poi dedicati il giorno dopo ad alcuni paesini molto caratteristici dell’Alto Adige…

Partiamo da Verona alle 5 del mattino, sono mezzo frastornato, per via di un cane nel condominio di mio fratello che non ha fatto che abbaiare tutta notte, ho dormito al massimo un’oretta! Partiamo sotto la pioggia e col buio, e faremo quasi tutto il viaggio sotto la pioggia praticamente! Solamente una ventina di minuti prima di arrivare a Salisburgo ha smesso di piovere, anzi siam stati anche fortunati perché al nostro arrivo il cielo si è anche un po’ aperto… Il viaggio in auto da Verona a Salisburgo e di 4 ore e 45 minuti circa, abbiamo poi fatto un paio di soste, per fermarci all’autogrill, e proprio in uno di questi prima del confine abbiamo preso la vignetta da porre sulla macchina, per l’Austria è obbligatoria, dato che non ci sono i pedaggi come da noi. Il costo è di 8 euro, vale per una settimana. All’andata però abbiamo dovuto aggiungere altri 8 euro per oltrepassare il Ponte Europa, un viadotto austriaco che sormonta la valle Wipptal e il fiume Sill, nei pressi di Innsbruck, in Austria. Il ponte fa parte dell'Autostrada del Brennero e con la sua altezza dal fondo valle di 190 metri è uno dei ponti più alti d'Europa. Anche se a dire il vero per noi pagare per 1 km di ponte 8 euro è un furto, così al ritorno decidiamo di uscire a Innsbruck sud e prendere la statale che passa tra i monti e poi in valle, che comunque in mezz’ora ti porta ugualmente al Brennero, al confine con l’Italia. Per arrivare a Salisburgo via autostrada a un certo punto si esce dall’Austria e si entra in territorio tedesco, ma praticamente le autostrade non si pagano qui, pagano solo i mezzi oltre un certo peso, per cui…

Salisburgo si trova proprio a un tiro di schioppo dal confine con la Germania, la città non è molto grande, anzi, fa circa 150mila abitanti, e si colloca al 4 posto tra le città dell’Austria. Sorge sulle rive del fiume Salzach e il suo nome tradotto significherebbe “cittadella del sale”, dato che qui vicino sorgono appunto delle miniere di sale. La città ha avuto una grande influenza italiana, molti la chiamavano “la Roma delle Alpi”. La città fu molto importante tra il ‘500 e fine ‘700, quando era governata dagli allora arcivescovi- principi e divenne uno dei poli della cultura europea, nota soprattutto come città del grande Mozart (qui ogni cosa ti ricorda lui, facce di Mozart, palle di Mozart, fino alla noia direi…) e della musica. Il suo centro è stato dichiarato patrimonio mondiale dell’umanità, centro storico effettivamente molto carino, ma davvero piccolo! Dal punto di vista paesaggistico è particolare, perché la città ha questi due rilievi opposti, uno è il Kapuzinerberg sul lato destro del fiume (qui c’è la parte più nuova della città) e l’altro è il Mönchsberg, sulla riva sinistra (dove sorge il centro antico), coronato dal complesso della storica fortezza di Hohensalzburg che domina dall’alto l’Altstadt, cioè la Città vecchia

  • 19932 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social