Relax in Madagascar

Immersi nella natura di Sakatia, a dieci minuti di barca da Nosy Be

  • di lafi
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

PARTENZA 2 MAGGIO

Viaggio organizzato da Wadi destination di Cernobbio, molto gentili e soprattutto buon prezzo. La sera dell’1 maggio prima di andare al parcheggio, mangiamo una pizza che non è granché. Purtroppo è lunedì ed è festa, quindi tanti locali sono chiusi. Parcheggiamo al Green parking di Somma Lombardo. Lunga attesa in aeroporto, il check in inizia alle 23, tutti i negozi e bar chiusi, per fortuna abbiamo trovato una macchinetta con bottiglie d'acqua e poi vicino al gate nella sala amica altro dispenser anche con caffè. Siamo l'ultimo aereo in partenza all’1.55 e che sia proprio chiuso tutto non va bene. Aereo Meridiana, posti stretti. Per fortuna abbiamo pagato un supplemento e abbiamo il posto in prima fila. Non ci sono tv, passatempi, musica, ma è notte e si spera di dormire. Viene servita la cena verso le 3 di notte e la colazione verso le 10 del mattino. Servizio essenziale. Arrivati all'aeroporto di Nosy Be, ci accoglie il solito caldo umido tropico-equatoriale. Facciamo una lunga coda per pagare Visa (25€). Controllo passaporti e controllo bagagli. Fuori cambiamo qualche € da una ragazza e poi il taxi del transfert ci porta alla spiaggia (una quarantina di minuti) dove prendiamo la barca che in 10 min ci porta al Sakatia lodge. Si sale e si scende dalla barca in acqua.

3 MAGGIO: BAGNO, RELAX, MASSAGGIO

4 MAGGIO

Facciamo la passeggiata Vaniglia, attraversiamo parte di giungla, alberi di pepe, caffè, arbusti di peperoncino. Ci sono diversi zebu' e capanne di locali. Dall'altura si vede un bel panorama dell'isola e del mare. Intravediamo anche dei lemuri, ma non essendo stagione dei manghi non si avvicinano troppo. La nostra guida ci porta a visitare il villaggio, il dispensario, la scuola. In mezzo alle case ci sono delle fontane per prendere acqua con i secchi. Sulla spiaggia non possono mancare le bancarelle di souvenir locali (non si contratta molto, fanno un piccolo sconto, i prezzi sono bassi). In fondo alla spiaggia c'è il ristorante di Monique dove mangeremo domani (prenotato tramite resort). L' immersione di oggi è sui 18mt, visti carancidi, piccoli barracuda, ecc., visibilità buona.

5 MAGGIO

Relax, silenzio, massaggio, pranzo da chez Monique sulla spiaggia dopo il villaggio. Diverse portate di pesce e contorno e frutta con birra. Abbiamo speso sui 9€ a testa. Ci sono parecchi turisti, meglio prenotare.

6 MAGGIO RELAX, RELAX

7 MAGGIO: Massaggio e di nuovo pranzo da Monique.

8 MAGGIO

Prenotato un taxi per fare un giro in città, visita personalizzata! Freddy è il nome del taxista, giovane, simpatico e parla italiano. Andiamo a vedere l'albero sacro, ci forniscono dei pareo e senza scarpe. Entriamo con il custode nel grande recinto dell'albero che è veramente imponente e suggestivo. La guida ci fa anche entrare in un piccolo museo di vecchie foto di regnanti e di altre tipicità di Nosy be. Il giro prosegue entrando ad Hellville. Qui aumenta il traffico di auto e soprattutto di ape modificate in piccoli taxi collettivi. Facciamo un giro per il coloratissimo mercato coperto e ovviamente compriamo delle spezie, ci sono banchi di pesce secco, pesce fresco, carne, verdure. Il mercato continua nelle vie laterali, ci sono tante persone del luogo e pochi turisti (non ci sono souvenir in questo mercato), molto caratteristico. Dopo un breve giro per le strade principali, si vedono parecchi ragazzi e ragazze usciti da scuola con divise diverse a seconda dell'istituto frequentato, arriviamo alla prima città importante fondata a Nosy be, qui gli abitanti sono originari della Tanzania e qualcuno parla ancora swahili. Finiamo la gita andando in bel ristorante a Hellville, il Papillon, che è gestito da uno chef italiano, i piatti sono ottimi come qualità e presentazione, prezzo buono (2piatti di pesce, 2 dessert, 2caffè e acqua = circa 28€ in due). Stasera al Sakatia lodge c'è il buffet malgascio. Ragazze vestite con costumi locali, piatti tipici gustosi e buoni.

9 MAGGIO: PARTENZA

All'aeroporto lunga coda fuori, ci sono negozietti di souvenir (vendono anche conchiglie e manufatti di metallo che non si possono portare), e altri stand per mangiare. Dentro subito controllo passaporti, poi check-in (il signore che mette l'etichetta al bagaglio chiede mancia! Ovviamente non data), poi altro controllo dichiarazione e il poliziotto che guarda il foglio di uscita chiede mancia! Pazzesco mai successa una cosa simile in tutti i viaggi fatti! Ovviamente non data. Ultimo controllo bagaglio a mano. Ho una mezza bottiglietta d'acqua (non l'ho buttata perché una signora prima di me ne aveva una intera). La poliziotta dice di assaggiarla e mi fa passare. Nel gate c'è un negozietto di alcolici e sigarette, niente cibo né acqua (ecco forse perché fanno passare l'acqua ). Ci sono i servizi igienici (puliti). Il volo parte in ritardo e con un po’ di tristezza, ma soddisfatti da questa rilassante e piacevole vacanza lasciamo il Madagascar

  • 14073 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social