Pasqua in Russia

Partenza da Fiumicino con volo Aeroflot con Puma,Gina, Galios(ingegnere MAXIMO),Alberto(nostro roaming personale) e Guido(quest'ultimo un'adolescente che se ne sarebbe rimasto volentieri a Roma)destinazione Mosca.Tutto in orario e il servizio a bordo è impeccabile.Con circa venti euro il tassista ci ha ...

  • di pavlova
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Partenza da Fiumicino con volo Aeroflot con Puma,Gina, Galios(ingegnere MAXIMO),Alberto(nostro roaming personale) e Guido(quest'ultimo un'adolescente che se ne sarebbe rimasto volentieri a Roma)destinazione Mosca.Tutto in orario e il servizio a bordo è impeccabile.Con circa venti euro il tassista ci ha portato in centro, a casa della nostra amica italiana Elodia che ci ha ospitato nella sua bella casa sulla Kutuzovskaya.Strada facendo ho avuto modo di vedere che la capitale è molto cambiata.Non tornavo in Russia dal '90.Mosca sembra New York, palazzi supermoderni e luci a gogò.Non ho mai visto tante macchine così lussuose e pacchiane.Cena tipicamente italiana innaffiata da montepulciano e vodka Standart.

Il giorno seguente decidiamo di andare a vedere la piazza Rossa,S.Basilio e di prendere un caffè all'interno dei GUM(ex magazzini del popolo ed ora regno del consumismo).Dopo un pranzo veloce da Sbarro(discreta catena di pizzerie)con la metro ci dirigiamo al Monastero di Novodevicj,patrimonio dell'Unesco, molto interessante.Dietro il monastero si trova un cimitero in cui sono sepolti molti personaggi famosi, tra cui Gogol, Raissa Gorbaciova, Eltsin, Krusciov,ecc.Da qui giro veloce per visitare le fermate più belle della metro.

A cena in un fantastico ristorante georgiano, il Genatsvale, all'angolo fra la novij e la vecchia Arbat.Molto caratteristico, abbiamo gustato i sciaschliki(spiedoni di carne) e i kachapuri(morbide focacce ripiene di formaggi).

Il giorno seguente visita al Cremlino con le sue cattedrali e l'armeria, in cui si possono ammirare i tesori , i vestiti e le carrozze degli zar.

Pranzo da Teremog(catena in cui si possono gustare i blinij, crepes di grano saraceno farcite in tanti modi).Pomeriggio a spasso sulla Moscova per ammirare la cattedrale del Cristo Salvatore.Molto suggestiva.Stalin la volle abbattere e fece costrure al suo posto una piscina enorme.Pare che in seguito sia stata ricostruita in poco più di due anni.Dal ponte di fronte alla chiesa si può ammirare sulla sinistra, dall'altro lato del fiume,una cosa che non è segnalata su nessuna guida.Si tratta di un enorme palazzo in stile sovietico, diventato famoso come "La casa sul lungofiume", romanzo di Jurij Trifonov.Era un palazzo do governo dove abitava la Nomenklatura con le proprie famiglie.Il palazzo rappresentava uno status simbol, ma il rovescio della medaglia era che da qui, se sospettati di tradimento si finiva direttamente nei gulag, o all'aldilà, come nel caso di Kirov.

Alle 23,30 eravamo sul treno per San Pietroburgo,che atmosfera.Camminare al buio tra i vagoni, sulla neve, e con i responsabili dei vagoni con tanto di colbacco e cappottone, sembrava di essere in un film di spionaggio.La cuccetta era molto carina, e in dotazione c'erano il set da viaggio (spazzolino, dentrifricio,asciugamani , ciabattte,ecc).Costo del viaggio, per una cuccetta da quattro , circa 70 euro a persona.Il treno è molto silenzioso e si dorme benissimo.Siamo stati svegliati 40 minuti prima dell'arrivo a San Pietroburgo.Alle 7,30 eravamo in un bar della stazione a fare colazione.

Con la metro, in due fermate eravamo alla stazione Gostinnyij Dvor, e da qui circa duecento metri a piedi sulla Prospettiva Nievskij fino al nostro B&B, che segnalo con grande entusiasmo,www.Nevskyinn.Com.Come posizione è impagabile, in un vecchio palazzo, ma all'interno è completamente ristrutturato,stanze e bagni spaziosi,ottima colazione per soli 65 euro la doppia.

E'bene portarsi dietro una piantina, non ha insegne, si può fare riferimento solo al numero civico, ma ne vale davvero la pena.Da qui si va a piedi dappertutto,l'Ermitage è a due minuti, e quando come è capitato a noi, la temperatura è di 8 gradi sotto lo zero, questo non è da sottovalutare

  • 814 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social