Impressioni russe

Di solito siamo turisti “fai da te”, ma in questo caso, spaventati dalla lingua, dalla scrittura cirillica e da alcune guide consultate ci siamo aggregati ad un viaggio organizzato di una settimana tra le due città principali con la Metamondo ...

  • di ameliaT
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: 3500
 

Di solito siamo turisti “fai da te”, ma in questo caso, spaventati dalla lingua, dalla scrittura cirillica e da alcune guide consultate ci siamo aggregati ad un viaggio organizzato di una settimana tra le due città principali con la Metamondo ripromettendoci di dedicare le giornate “libere” del tour a vagabondare per conto nostro.

Siamo partiti da Verona con una levataccia per poter fare il tour che sostava una giornata in più a S. Pietroburgo in quanto da tante parti ci era giunta voce delle bellezze di questa città.

Mosca ci ha accolto sotto una pioggia sferzante, con una temperatura di 15 gradi quando da noi ce n’erano 35.

Guardando gli altri turisti arrivati con noi ci siamo accorti che la Russia è meta di un turismo “anziano”, sottovalutando lo stress e la fatica che si devono sopportare nel passare i laboriosi controlli, e conseguenti code a cui vengono sottoposti i turisti in un aeroporto russo. Questo non è da sottovalutare nel caso di persone con qualche problema di salute e poco abituate a viaggiare.

Questi tour fanno capo ad alberghi che io scherzosamente ho chiamato “obbrobri del periodo sovietico” cioè costruiti nei 70 anni del passato regime.

Si tratta di alberghi destinati ad essere abbattuti con l’avvento del capitalismo. Troppo mastodontici, troppo dimostrativi: a Mosca ne stanno abbattendo uno adesso. Per la sua costruzione erano state demolite 12 chiese e veniva ironicamente chiamato: la tomba del turista ignoto.

Qualche chiesa verrà ricostruita ci hanno detto, male, dico io, come la cattedrale di S. Salvatore. E temo che niente potrà essere più come l’originale. E questo scempio della cultura è forse uno dei rammarichi che più a lungo si trascineranno i regimi comunisti.

MOSCA: Belle, alte ragazze dallo sguardo altezzoso vestite alla moda.

Giovani uomini con l’espressione da duro. Cupole a cipolla dorate che svettano sopra i tetti, abbinate al blu e al verde: incantevoli.

La Piazza Rossa: non puoi fare a meno di immaginartela con la neve! Bellissima La cattedrale di S: Basilio restaurata esternamente come una scenografia di Euro Disney: ma non ci sono i bravi restauratori? Il Cremino e l’incanto delle sue chiese.

Le stazioni della metropolitana: stupefacenti! E poi? E poi le vecchine che tengono in ordine i gabinetti pubblici per arrotondare la irrisoria pensione.

I cani stesi proprio davanti la porta di entrata delle metropolitane.

Gli adolescenti nei parchi, tutti con una bottiglietta di birra in mano.

I bambini che non ci sono perché sono tutti ma proprio tutti in colonia sul mar Nero.

L’entusiasmo di una ragazza che nei suoi discorsi ci dice che per loro, i giovani, adesso è molto meglio. E nella sua tranquillità di poter dichiararsi e parlare ci dice che qui la libertà, almeno quella di espressione, sicuramente è arrivata.

E ancora? Le donne che si sono date molto da fare per spiegarci la strada per arrivare al mercato di Izmajlovo.

La proprietaria di una bancarella che mi ha indicato quale matrioska comprare tra quelle che vendeva. E non era una questione di prezzo: era una questione di gusto! Il più bell’oggetto che abbia portato a casa! L’inglese così poco parlato e tanto indispensabile per poter comunicare in un paese che vuole allinearsi all’occidente.

La squisita zuppa di zucca mangiata al ristorante raggiunto con la difficoltà di una caccia al tesoro.

S. PIETROBURGO Per noi un po’ una delusione. Ma è solo una nostra personale impressione.

I canali sono grandi e sembrano fiumi

  • 630 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social