I luoghi di San Francesco

In provincia di Rieti per visitare i santuari di Fonte Colombo e di Greccio

  • di BStefania
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Sono passata a prendere i miei genitori domenica mattina alle ore 9.30 per una gita fuori porta. Alle 10.30 siamo arrivati al santuario francescano di Fonte Colombo, un piccolo angolo incontaminato dal turismo di massa. Qui San Francesco scrisse la Regola dell’Ordine e una copia è conservata in una teca all’interno della chiesa dei SS Francesco e Bernardino da Siena a navata unica. A destra dell’ingresso della chiesa si trova il chiostro, mentre a sinistra si può visitare il Romitorio, dove San Francesco subì la delicata operazione all’occhio a seguito di una grave malattia contratta in Terra Santa. Procedendo oltre si passa davanti la Cappella di S. Maria dove nell’angolo di una finestra c’è impresso il simbolo del Tau. Scendendo una ripida scala dove sono le stazioni della via crucis e attraverso il Sacro Bosco si arriva al Sacro Speco dove San Francesco si raccoglieva in preghiera.

Ripresa la macchina e appena usciti a Greccio ci siamo fermati a mangiare presso la Trattoria La Contadina. Non conoscevamo il locale ma è stata una piacevole scoperta, non avevano un menu ampio solo alcuni piatti tradizionali cucinati alla perfezione e ad un prezzo super ragionevole 60,00eur in tre. Dopo pranzo abbiamo proseguito per il santuario francescano di Greccio, dove il “poverello d’Assisi” nella notte di Natale del 1223 realizzò il primo presepe vivente. Lasciata la macchina al lato del complesso, la visita inizia dalla Cappella del Presepio, poi attraverso un lungo corridoio si arriva al Refettorio e al dormitorio dove San Francesco dormiva sulla nuda roccia. Salita una rampa di scale si visitano le celle dei frati e l’Oratorio di San Bonaventura con il coro ligneo dei frati. Si esce nuovamente sul piazzale per entrare a vedere la collezione dei presepi e da lì in Chiesa a navata unica dove si può ammirare un presepe ligneo, un quadro ligneo di San Francesco che cura i lebbrosi e dietro l’altare maggiore una statua dell’Immacolata.

Terminata la visita siamo ritornati con tutta calma a casa, ritemprati da una giornata “nel silenzio”.

  • 508 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , , ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social