Repubblica Dominicana: Juan Dolio

E’ inizio marzo quando io e Luca prenotiamo il viaggio ad Hispaniola, nel cuore dei Caraibi, nell’isola delle Grandi Antille. Partenza da Fiumicino aeroporto alla volta di La Romana, con un volo Blue-Panorama, in perfetta puntualità, a dispetto di quanto ...

  • di Conan_Cleopatra
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 
Annunci Google

E’ inizio marzo quando io e Luca prenotiamo il viaggio ad Hispaniola, nel cuore dei Caraibi, nell’isola delle Grandi Antille.

Partenza da Fiumicino aeroporto alla volta di La Romana, con un volo Blue-Panorama, in perfetta puntualità, a dispetto di quanto si dica su questa “criticata” compagnia aerea.

Dopo 10 h di volo atterriamo nella Repubblica Dominicana in tarda serata; ad attenderci oltre la classica flemma caraibica, il rappresentante del tour operator che ci conduce al pulmino del nostro villaggio, dove arriviamo dopo un’ora circa tramite strade buie isolate e dissestate.

Finalmente a destinazione...Juan Dolio si presenta ai nostri occhi come una lunga striscia di asfalto, tra Boca Chica e San Pedro De Macoris, animata da tanti imponenti complessi turistici.

Sono le 2:00 AM e il Barcelò Talanquera ci accoglie da un lato a ritmo di merengue e dall’altro con luci soffuse.

Impresa ardua è stata svegliare il receptionist per la consegna delle chiavi e poi... di corsa nella stanza assegnatoci.

Situata nei pressi della grande piscina centrale, è arredata con mobili in vidimi bianchi, ha un grande letto e un bagno a volte un po’ troppo poco confortevole.

La prima notte caraibica trascorre velocemente e al mattino quando usciamo per andare a fare colazione il Talanquera si propone in tutto il suo splendore...Piscina grandissima, Jacuzzi, piante rigogliose, chioschi e il caldo e la cortesia dello staff.

Unico neo, se vogliamo, la spiaggia... Niente distesa di sabbia bianca, ma al momento della prenotazione eravamo consapevoli e quindi preparati a ciò!!!Qui oltre alle innumerevoli e classiche attivita’ proposte dallo staff del villaggio, capita più volte al giorno di imbattersi con venditori dei colorati quadri Tainos e con donne che vogliono intrecciarti i capelli.

Dalla spiaggia si ammirano tramonti lunghi ed affascinanti, il mare ad un tratto appare uno specchio e il caldo lascia spazio ad una leggere brezza, ma poco importa poiché a cospetto di questo spettacolo non si può fare altro che fantasticare...Specie se si ha a fianco la persona a cui si vuole bene.

Il Barcelò Talanquera offre trattamento di all inclusive, con cibo abbondante ed orari dei pasti lunghi, la qualita’ del cibo è sufficiente, non vengono proposti piatti ricercati a parte aragostine,ma tanti buoni dolci e colorata frutta.

Durante il soggiorno ci rechiamo a Santo Domingo tramite taxi al prezzo di 60 $ (a/r).Iniziamo con la visita sfuggente al Faro de Colon, il mausoleo dedicato al grande navigatore, tanto kitsch e megalomane da essersi guadagnato un posto d’onore tra i monumenti della città. Ad entusiasmarci è senza dubbio la zona coloniale; nel parco de Colòn ammiriamo la statua dell’ammiraglio Colombo..Inevitabile la capatina nella la Catedral Primada de America. Camminando per la stradine piene e colorate in stile arabo moresco( quasi avessero trasportato un pezzo di spagna nel Caldo dei carabi) raggiungiamo il mercato Moledo dove si può acquistare ambra, laminar e ovviamente quadri!!! Altra giornata alternativa alla rilassante vita da villaggio è l’escursione all’isola di Saona.

Partenza di gruppo dalla magnifica Bayahibe, con velocissime lance costeggiamo il Parco Nazionale dell’Este solcando le acque quiete e azzurre del mare caraibico . ... distese di alte palme troneggiano sopra la ricca vegetazione tropicale, le mangrovie cingono i km di costa , vivendo di acqua salata e formando piccoli arcipelaghi di verde in mezzo al mare aperto. Dopo un favoloso bagno nelle piscine naturali e mandando giù fiumi di vitamina R , Saona ci appare nel suo spendore.L’isola ovviamente è bellissima, la sabbia bianchissima e le palme che sfiorano il mare dai mille colori. E’ la cornice ideale alla nostra immaginazione, un sogno che ci riproponiamo di vivere... una standard giornata tropicale,con qualche ballo mangiate e bevute faraoniche di Coca Cola e Rum...E poi tanto sole e caldo Come dimenticare la nostra ultima sera a Juan Dolio?...Cenetta intima al ristorante El mèson a base di prelibato pesce fresco e golosissimi dolci accompagnata da un leggero velo di tristezza.

Il viaggio sta per concludersi e come da tradizione l’ultimo giorno la pioggia ci augura un buon ritorno a casa... Arrivederci terra di spensieratezza e di calore,di sigari e caffè, di colori vivaci e di profumi... Debora e Luca

Annunci Google
  • 2530 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social