Il mare più bello dei caraibi: Bayahive

Per il mio secondo viaggio ai caraibi ho scelto come destinazione Bayahibe (Repubblica Dominicana) spinta da una buona offerta e dai commenti che avevo letto. Siamo partiti la settimana del 25 aprile ed abbiamo alloggiato al famoso villaggio Viva Wyndham. ...

  • di La Redazione
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Per il mio secondo viaggio ai caraibi ho scelto come destinazione Bayahibe (Repubblica Dominicana) spinta da una buona offerta e dai commenti che avevo letto.

Siamo partiti la settimana del 25 aprile ed abbiamo alloggiato al famoso villaggio Viva Wyndham.

Volo: il volo Livingston è partito in orario sia all’andata che al ritorno perché, a dispetto di altri voli cui si appoggiano altri TO, è considerato un volo di linea. Poco più di 10 ore l’andata, 1 ora + altre 8.30 al ritorno con scalo ad Antigua. Il viaggio è andato benissimo a parte qualche piccola turbolenza durante la traversata sull’oceano.

Villaggio: il villaggio, di proprietà italiana, è il più grande ed affollato della spiaggia. Arrivando con il bus dall’albergo, si viene colpiti dalla reception open air e la rigogliosa vegetazione. Il check in è davvero ben organizzato – se non fosse per gli italiani che devono sempre farsi riconoscere ed invece di stare in fila indiana si spalmano in 10 davanti alla stessa persona – ed i ragazzi dell’animazione sono pronti ad accompagnarvi alle camere. La nostra camera era abbastanza piccola e decentrata rispetto al nucleo centrale – nota positiva per un buon riposo durante le ore notturne- ma a due passi dalla lunghissima spiaggia bianca e corallina. Le sistemazioni sono davvero moltissime: camere e bungalow, alcuni dei quali vista mare, davvero suggestivi. L’unica nota dolente è il persistente odore di muffa che impregna anche i vestiti. D’altronde, con un umidità media dell’80% non è così strano che la roba fatichi ad asciugarsi. A parte questo, abbiamo sempre trovato camera e bagno in ordine e perfettamente puliti.

Ristoranti: il ristorante centrale offre colazione, pranzo e cena a bouffet. È una cucina internazionale, ma non manca mai un buon piatto di pasta. C’è una pizzeria aperta da mezzogiorno fino al mattino seguente per chi non riesce a rinunciare alla pizza neanche quando è all’estero. C’è un ristorante con cucina alla griglia a pranzo e ristorante di pesce alla sera che è divino. Solo di sera ci sono il ristorante messicano e quello spagnolo. Alcuni di essi compresi nel prezzo, altri con supplemento.

Molto degno di nota è il bar centrale, fronte spiaggia, sempre gremito di gente. Chiedete loro un coca e ron e ne rimarrete estasiati.

Animazione: avendo io scelto la sistemazione in villaggio sapevo che l’animazione è compresa nel prezzo. Non sono una turista in cerca di animazione, ma nemmeno la disdegno. L’animazione di questo villaggio – quasi tutta locale, è divertente, ma discreta. Spiaggia: il vero fiore all’occhiello di questo villaggio. Il tratto di spiaggia di fronte all’hotel bellissimo. Bianco, lunghissimo, con un mare limpido e diradante per la gioia ed il divertimento anche dei più piccoli. La zona del mare è delimitata da alcune boe per proteggere i bagnanti dall’arrivo delle imbarcazioni che portano gli ospiti del villaggio in escursione.

Escursioni: visto che la nostra era prettamente una vacanza “di mare”, abbiamo deciso di fare solo due escursioni che , mi sento di consigliarvi caldamente. Dominibus: un tour nei pressi di Bayahibe per scoprire l’interno dell’isola ed i suoi abitanti. Durante il tour a bordo di questo scuola bus americano con il tetto in paglia si vede come e dove vivono le persone che non hanno trovato lavoro all’interno dei villaggi. Sono scene forti, che fanno pensare. Quello che si può fare per loro è portare, magari anche dall’Italia, cose che a noi non servono più- come vestiti o giocattoli per i bambini – e donarle loro durante le soste con il Dominibus. Oltre a questo si vedono le piantagioni di canna da zucchero con altri bambini che invece di andare a scuola devono lavorare nei campi, o i fabbricanti di sigari. L’unica nota stridente della giornata – ma questo serve a tenere alta l’anima del commercio – è la sosta al negozio di souvenir. È assolutamente caro e le cose non sono così belle. Se volete acquistare tele collane vi consiglio di andare per mercatini – c’è una navetta dall’hotel per la città L’altra escursione, chiamata isola di Saona, è una giornata dedicata interamente al mare. Si parte in barca dal villaggio, si solcano mari blu, si possono vedere e toccare le stelle marine e si approda a Saona, splendida isola dove è stato posto il veto di costruire, dove al vostro arrivo sarete circondati da chi vuole fare i massaggi, chi vendere la noce di cocco, chi le collane... Dopo mezz’ora in paradiso si riprende la barca e si va a Mano Juan, isola di pescatori, dove non c’è elettricità e acqua – se non quella depurata con apposite pompe – ma non manca la discoteca per ballare il merengue!!! Concludo qui questo piccolo racconto sulla mia esperienza a Bayahibe. Il villaggio è davvero per tutti quanti, coppie, amici, famiglie e persone “più grandi”. Penso sia una buona sistemazione sia per chi vuole godersi lo splendido mare e chi vuole scoprire qualcosa di più di questa fantastica isola.

Geekette

  • 4985 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social