Praga: 7 giorni di magia e romanticismo

Ho trovato utili gli appunti di viaggio degli altri turisti, così ho pensato anch’io di dare un contributo raccontando la mia esperienza di viaggio in questa meravigliosa e romantica città. Abbiamo usufruito di un pacchetto last minute, acquistato in agenzia ...

  • di Domenica Virzi
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Ho trovato utili gli appunti di viaggio degli altri turisti, così ho pensato anch’io di dare un contributo raccontando la mia esperienza di viaggio in questa meravigliosa e romantica città.

Abbiamo usufruito di un pacchetto last minute, acquistato in agenzia appena 2 giorni prima della partenza, fissata per il 19 agosto alle 17.30 (volo da Palermo+trasferimenti+pernottamento e colazione, tutto € 510 a persona).

Prima della partenza, non siamo riusciti a cambiare gli euro nella moneta nazionale ceca (la corona), così appena arrivati all’aeroporto di Praga, alla vista della prima agenzia di cambio, provvediamo immediatamente a cambiare il denaro. Ci accorgeremo in seguito di essere stati troppo frettolosi: a Praga esistono, infatti, numerosissime agenzie di cambio. Le trovate nelle strade del centro storico, nelle metro, nelle stazioni e persino dentro alcuni negozi di souvenirs. Ogni agenzia privata applica un cambio diverso e commissioni diverse. In una tabella affissa fuori l’ufficio sono di solito indicati il cambio applicato (diverso a seconda se acquistate o vendete corone) e la commissione applicata (in aeroporto €1=28,60 corone, con commissione 10%). In città quasi tutte le agenzie non applicano commissioni, ma state attenti al cambio di acquisto! Il cambio più conveniente che abbiamo trovato è stato di €1=29,20 corone, con zero commissioni. Sarebbe preferibile, comunque, cambiare in banca. Inoltre diffidate se qualcuno vi ferma per strada per proporvi cambi più vantaggiosi, potrebbero celare delle truffe...

Comunque, dopo essere usciti dall’aeroporto prendiamo il pullman che ci conduce direttamente in albergo: il “Beranek” (molto carino e pulito). Ci rinfreschiamo velocemente e usciamo a cercare qualcosa da mangiare. Cinque minuti di strada a piedi e siamo a PIAZZA SAN VENCESLAO, l’arteria principale di Praga, dove giorno e notte pulsa la vita commerciale e sociale. In effetti più che ad una piazza somiglia ad un lungo viale alberato, che mi ricorda un po’ gli Champes Elisee di Parigi. Lungo i lati del viale si trovano alberghi, locali, negozi, uffici, birrerie, ristoranti, uffici ecc. Rimango incantata da alcuni palazzi, molto colorati, decorati, arricchiti con dipinti e fregi. Al centro del Viale sono collocate, ad intervalli, opere molto bizzarre: una di queste, alta un paio di metri, è interamente realizzata utilizzando la carrozzeria di diverse macchine, un’altra utilizzando cemento e scarpe vecchie. Che fantasia! Ci fermiamo a mangiare qualcosa in un locale che accetta di servirci cibi solidi (quasi tutti i locali chiudono infatti la cucina alle 22.00). In 2 spendiamo circa 26 euro prendono due piatti unici di carne con contorno, una birra e un dolce. Ci sembrano prezzi buoni considerando che le porzioni sono abbondanti e ci si sazia prima di riuscire a completare tutto quello che mettono nel piatto. Usciamo quindi a passeggiare un po’ lungo il violone partendo dalla cima dove si trova il Museo Nazionale. Scendendo notiamo che sui marciapiedi ci sono diversi chioschetti dove si compra da mangiare e da bere spendendo 2-3 euro a persona. Mi colpisce anche la presenza di molte prostitute: non sono vestite in maniera appariscente, ma se ne trovano parecchie e di tutte le età. La loro presenza stona con il contesto di magia che si respira nell’aria, ma anche questo fa parte della realtà...

20 agosto CASTELLO DI PRAGA (PRAZSKY HRAD) e RELATIVO QUARTIERE HRADCANY Metrò linea verde, fermata di MALOSTRANSKA. La zona del Castello presenta due ingressi. Un primo ingresso si raggiunge facendo qualche passo a piedi lungo una scalinata piena di bancarelle, che si trova a sinistra dopo l’uscita dalla metro. L’altro ingresso, un po’ più in alto si può raggiungere salendo a piedi a sinistra lungo la strada principale o prendendo il tram 22. Prima del secondo ingresso si incontra l’accesso ai giardini reali, ma decidiamo di visitarli dopo. Il quartiere è racchiuso da mura costituite da veri e propri palazzi e al centro c’è la presenza dominante della CATTEDRALE DI SAN VITO. Facciamo un biglietto cumulativo di 220 corone che prevede la visita della cattedrale, la salita sullo torre, la visita del palazzo reale, un filmino esplicativo in inglese, l’ingresso al Vicolo d’Oro. La CATTEDRALE è la chiesa più grande maestosa della città. E’ bellissima e imponente anche all’interno: la giriamo un po’ incantati da tanto splendore, ascoltando ogni tanto la spiegazione delle guide turistiche che accompagnano gruppi italiani. Ci accorgiamo che alcuni visitatori hanno un telefono che funge da guida multilungue, noleggiato prima di entrare nella cattedrale. Bella idea! Dall’interno della cattedrale si accede alla TORRE: la saliamo a piedi (circa 287 scalini), ma alla fine riceviamo un bellissimo regalo: una veduta panoramica da restare senza fiato, si vede tutta la città di Praga con i suoi monumenti principali, il fiume MOLDAVA che l’attraversa e i suoi numerosi ponti. Usciamo dalla cattedrale e iniziamo a visitare il quartiere che gira introno ad essa, delimitato dalle mura: incominciamo con il PALAZZO RELAE, poi la CHIESA DI SAN GEORGE (solo dall’esterno perché il nostro biglietto non prevede l’ingresso), vediamo anche il filmino ma è solo in inglese, ed infine visitiamo il famoso VICOLO D’ORO. Qui ci sono tante casette colorate della dimensione di una stanza, un tempo utilizzate da arcieri, poi da alchimisti, ora da commercianti. Sempre nel vicolo c’è una lunga fila per visitare la casetta di Kafca ma noi andiamo oltre. Entriamo invece in un locale dove c’è la mostra gratuita delle armature e delle armi: si articola su più piani e contiene una riproduzione fedele di armature, armi, vestiti utilizzati in varie epoche storiche. Molto suggestivo. Da vedere. Sempre nel quartiere visitiamo poi il museo dei giocattoli e delle barbie (60 corone). Così così. Usciamo dal castello e andiamo a passeggiare nei Giardini Reali. Molto rilassante..

  • 13173 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social