Repubblica Ceca, quello che non ti aspetti

Tra castelli e antiche fortezze

  • di Lombo
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

La REPUBBLICA CECA CHE NON TI ASPETTI

Dopo due anni che per vari motivi non siamo riusciti a fare una vacanza in Giugno quest’anno ritorniamo a viaggiare e la meta prescelta è Praga e dintorni. Ci imbarchiamo a Malpensa con un volo Easyjet (70€ a persona solo bagaglio a mano) portando con noi anche nonno Romolo sempre pronto a visitare posti nuovi.

Tralascio i 2 giorni passati a Praga, citta' molto pulita e vivibile, ma che ho trovato troppo piena di turisti, e mi concentro sulla Boemia e sulla Moravia regioni molto belle e piene di cultura e natura.

A Praga abbiamo soggiornato presso l’Hotel Angelo (105€/cad per 2 notti con colazione) situato a Praga 5.Un po’ decentrato, ma con la metropolitana che in 10 minuti porta in centro.

Sabato 14 Giugno Praga - Kutna Hora 105km

Visitato i posti più caratteristici di Praga abbiamo preso la nostra auto (fabia SW) noleggiata alla Budget (380€ per 5 giorni) tramite rentalcars e siamo partiti alla volta di Kutna Hora che abbiamo raggiunto percorrendo strade normali che ci hanno fatto apprezzare il panorama pieno di dolci colline alcune coltivate ed altre boschive. Un paesaggio capace di dare un senso di relax che serve dopo un anno di lavoro frenetico.

Kutna hora è una cittadina molto curata e pulita che ha nella cattedrale di Santa Barbara l’attrazione più spettacolare.

La nottata la passiamo all’hotel Medinek (69€ per una camera per 4 con colazione prenotato su booking). L’hotel è in pieno centro, la camera è pulita ma abbastanza spartana ed in generale l’hotel avrebbe bisogno di una rinfrescata, ma, tutto sommato lo consiglio.

Posati i bagagli in camera risaliamo in auto per andare a vedere il castello di Zleby che si trova a 20km. Il castello purtroppo lo troviamo chiuso, ma riusciamo comunque a visitare il giardino e a scattare delle foto apprezzandone lo stile neogotico. Peccato non riuscire a visitarlo. Vista l’ora ritorniamo in hotel, prima di cena giriamo per il centro di Kutna hora dove apprezziamo la cura con cui è mantenuto, con le case in mattoni (senza, le ormai abituali scritte, che infestano i muri delle case italiane) e le strade in pavè. Raggiungiamo anche un piccolo balcone la cui vista sulla cattedrale di Santa Barbara ci lascia ammirati per parecchi minuti. Per cena cerchiamo un locale che si chiama Pivnice Dacicky di cui ci hanno parlato un gran bene. Arredato in modo rustico con grandi tavoloni in legno e con le cameriere molto cordiali mangiamo un ottimo piatto di carne di cervo, maiale e manzo con patatine e purea di grano il tutto annaffiato con ottima birra scura spendendo 48€ in tutto lo consiglio vivamente.E’ un poco difficile da trovare ma assolutamente da non perdere.

Domenica 15 Giugno Kutna Hora – Olomouc 260Km

Facciamo colazione di buon ora. Il buffet è come l’hotel: spento ma passabile. C’è tutto ma senza originalità e varietà.

Carichiamo la macchina e poi andiamo a visitare prima il centro con il bel Cortile italiano (chiamato così perché opera di un architetto italiano) e la chiesa di S.Giacomo, poi la bellissima Cattedrale di Santa Barbara. In stile gotico è di una bellezza stupefacente l’ingresso è a pagamento (qualche euro) ma ne vale la pena. Ci attardiamo anche nei giardini per osservare il gioco di luci man mano che il sole si alza. Veramente stupenda.

Riprendiamo la macchina con tappa a Zdar naz sazavou dove sulla sommità della “Collina verde” sorge un Monastero opera dell’architetto Santini. La particolarità è la pianta del monastero a stella. Noi ci arriviamo a piedi dopo aver lasciato la macchina in un parcheggio ai piedi della collina. Il sentiero ci permette una bellissima vista del paesaggio con le verdi colline che contrastano con il blu del lago che si estende intorno alla cittadina e l’azzurro del cielo. Nonno Romolo cammina spedito anche se le numerose panchine ci permettono delle frequenti soste. Da visitare ci sarebbe anche il centro, ma i molti chilometri che mancano ci spingono subito verso la tappa seguente che è il castello di Pernstejn

  • 4348 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social