5 giorni a Praga

Estate 2008: 5 giorni a Praga Partenza 04/08/2008 Ritorno 08/08/08 Volo Easy Jet da Milano Malpensa Itinerario di viaggio Siamo partiti in coppia ma abbiamo visitato la città in gruppo con altri 2 cari amici. Tutti e 4 concordiamo che ...

  • di sabidussitiz
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 
Annunci Google

Estate 2008: 5 giorni a Praga Partenza 04/08/2008 Ritorno 08/08/08 Volo Easy Jet da Milano Malpensa Itinerario di viaggio Siamo partiti in coppia ma abbiamo visitato la città in gruppo con altri 2 cari amici. Tutti e 4 concordiamo che Praga sia una città meravigliosa che consigliamo di visitare senza paure di rimanere delusi, anche per coloro che, come alcuni di noi, l’avevano visitata prima della caduta del comunismo.

Partiamo dal Terminal 2 dell’aeroporto di Malpensa (no comment).

Compagnia aerea low cost Easy Jet si rivela professionale ed efficiente ed in 1 ora e 15 minuti siamo a Praga. Scesi dall’aeromobile, ritiriamo la nostra valigia in pochi minuti ed, utilizzando il BUS 119 che fa capolinea di fronte all’aeroporto, in meno di mezz’ora siamo in città. Da qui utilizzando la metro A, fermata MUZEUM, ci troviamo nel centro di Praga. Il nostro albergo (Minotel) , un bel 4 stelle prenotato su booking ad un prezzo conveniente, è ben posizionato, vicino alla Piazza Venceslao, ciò ci permette di essere in centro a piedi in pochi minuti.

Giorno I: Sbrigate le formalità in albergo, partiamo alla volta della prima esplorazione della città e ci dirigiamo all’appuntamento con i nostri amici sotto la torre dell’orologio in Staromestske Namesti, piazza della città Vecchia. Attraversiamo Piazza Venceslao (direi che è più un corso) con i suoi bellissimi palazzi in stile Liberty e giungiamo nella meravigliosa piazza vecchia. Siamo un po’ stanchi ed affamati, così decidiamo di rifocillarci e chiacchierare da U Pinkasu (Jungmannovo Namesti) dove i ragazzi mangiano uno stinco di maiale enorme cucinato benissimo accompagnato da un ottimo mezzo litro di birra chiara Pilsner; noi ragazze non siamo altrettanto fortunate, ma la birra ci aiuta a non pensarci troppo. Giriamo per le vie del centro senza una meta precisa godendoci l’atmosfera e le luci della sera.

Giorno II: ci alziamo e facciamo un’abbondante colazione nel nostro albergo. Oggi abbiamo deciso di perlustrare il quartiere ebraico seguendo l’itinerario proposto dalla nostra guida. Durante il giro visitiamo la Sinagoga Maisel; la Sinagoga Pinkas i cui muri riportano tutti i nomi degli ebrei cechi morti nell’olocausto e un piccolo museo raccoglie i disegni dei bambini dei campi di concentramento; il vecchio cimitero ebraico con migliaia di lapidi addossate le une alle altre perché era l’unico luogo concesso agli ebrei di Praga per la sepoltura dei loro morti. Qui giace il rabbino Rabbi Low, creatore del Golem (sulla sua tomba i visitatori lasciano dei bigliettini in cui esprimono i loro desideri); la Sinagoga Vecchia-Nuova la più antica sinagoga europea; la Sinagoga spagnola molto colorata; Klausen Synagogue e Cerimonial Hall. Il giro fatto ci mette appetito e mangiamo di fronte alla sinagoga spagnola al Kolkovna (economico e soddisfacente). Dopo il pranzo ci dirigiamo verso il Ponte Carlo che è invaso dai turisti ed in piena ristrutturazione. La vista del ponte non ci esalta particolarmente ma lo attraversiamo per raggiungere il Quartiere Piccolo, ricco di belle case con magnifiche insegne. Attraversiamo la Via Neruda, storica strada che conduce al Castello. Fino al 1770 le case di Praga non avevano n° civico e si identificavano con delle insegne e la Via Nerudova è una bellissima rassegna di stemmi e animali araldici (all’aquila rossa, ai tre violini...). Interessante! Decidiamo di prendere la funicolare per passare qualche ora nel Parco Petrin, dove ci rilassiamo un po’ e godiamo del panorama sulla città dai tetti rossi. Qui c’è l’osservatorio che ricorda, alla lontana, la Tour Eiffel. A questo punto affamati affrontiamo la decisione della scelta del ristorante per la cena. Presso piazza Betlemme optiamo per il Club Architectu, locale molto carino, una sorta di cantina ristrutturata e rivista in chiave moderna. Il cibo non è altrettanto attraente, ma la birra è sempre ottima

Annunci Google
  • 10835 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social