Praga malinconica signora

Ritorno a Praga dopo 15 anni, e ad essere sinceri la cosa un pò mi spaventa.Si, perchè l'impatto con città di questo tipo ( Praga, Napoli, Venezia) smuove sempre un qualcosa; città di non facile fruizione, anche se a un ...

  • di emily
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Ritorno a Praga dopo 15 anni, e ad essere sinceri la cosa un pò mi spaventa.Si, perchè l'impatto con città di questo tipo ( Praga, Napoli, Venezia) smuove sempre un qualcosa; città di non facile fruizione, anche se a un primo e superficiale sguardo possono non sembrare, tali, vittime e carnefici della loro storia.Dolorose nella loro bellezza, ruffiane nel saperti accalappiare e consapevoli dello struggimento che ti provocano.E' questo lo stato d'animo per cogliere la città al meglio, lasciarsi pervadere dal senso di straniamento e di vaga inquietudine senza resistenza e allora la città si consegnerà senzaritegno.Sono accompagnata dal mio compagno Alfonso, e da una coppia di amici, Adriana ed Antonio , tranne me nessuno conosce la città. La prima emozione è cogliere il loro stupore di fronte a tanta armonia, la piazza di starè mesto, l'orologio astrologico e la rocca di Hardcany che signoreggia sulla città.Dopo tanta meraviglia ci dirigiamo in una vicina birreria e anneghiamo la stanchezza nella birra scura , siamo sazi e felici.Il giorno successivo visita canonica al castello, ed ecco che arriva il test: la vista di Malà strana, la vera anima nera di Praga, che effetto avrà sugli altri?Il significato del posto viene colto subito, ne sono ammaliati , tanto che nei giorni a venire , sia di giorno che di sera finiamo sempre a girare lì intorno.La città offre anche in questo periodo l'opportunità di assistere a meravigliosi concerti;infatti assistiamo alla Messa da requiem di Mozart nella barocca e congeniale chiesa di San Nicola, usciti dal concerto siamo a corto di parole e quasi senza accordarci andiamo all'isola di Kampa, romantico agglomerato che ci accoglie silenzioso, lasciando la mente libera di correre e di assorbire ,una cosa è certa Praga li ha presi tutti quanti.Il nostro amico Antonio è quasi posseduto cammina, senza sosta, non vuole perdersi niente, Adriana è pacata e coglie anche glia aspetti della natura, Alfonso è diffidente, le passioni lo spaventano. Il giorno seguente , essendo il tempo brutto(c'è la pioggia, ma probabilmente è il clima piu' adatto alla città) decidiamo di imbarcarci su un piccolo battello e lì vediamo , forse una delle cose piu' sifìgnificative della città : il metronomo che scandisce il tempo finalmente armonico di Praga, al suo posto dominava la città la statua di Stalin un controtempo! Ti viene da pensare come le difficoltà , o passati dolorosi producano , talvolta, contraddizioni forti e stati di grazia inimitabili.L'ultimo giorno è dedicato al ghetto anche qui le emozioni sono forti, in particolare il cimitero desta inquitudine , non come definizione, ma per la disposizione oppressiva delle tombe che corrisponde tragicamente al modo di vivere e di subire.Ci distraiamo raccontando la storia del golem, altro simbolo della praga ebrea, e di nuovo ci perdiamo nella bellezza dell'imprevisto , strade silenziose si parano davanti a noi e di nuovo scorci e ancora piazzette dove ci piacerebbe vivere. Nel primo pomeriggio si parte abbiamo visdto tutto quello che volevamo, gli occhi sono sazi, il lessico è esaurito voglio concludere con questa bellissima frase di ... Non ricordo chi: " Se cerchi una felicità senza nuvole, non andare a Praga"! Emily

  • 394 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social