Imprevedibile Islanda

viaggio fra il verde d'islanda, le sue cascate e i ghiacciai

  • di kuox
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

01 luglio 2007

Mattina:

Il viaggio non comincia sotto i migliori auspici….

Di buon mattino accompagniamo la mamma ed il fratello di Carmela in aeroporto per poi far ritorno verso casa. Tornati ci prepariamo per passare a trovare i miei genitori ed andare all’aeroporto per prendere finalmente il nostro aereo. Carmela però si ricorda che deve consegnare un registro di classe al suo capo e comincia ad innervosirsi…risultato rimaniamo fuori casa! Nonostante vari tentativi non riusciamo più ad entrare…ormai è tardi e dobbiamo andare. Fortunatamente avevo già caricato i bagagli in macchina con i passaporti.

Arriviamo in aeroporto, partiamo immediatamente alla volta di Amsterdam.

Pomeriggio:

Arrivati ad Amsterdam prendiamo il bagaglio. Abbiamo tutto il tempo di mangiare e girare l’aeroporto.

Sera:

Finalmente alle 10.45 di sera partiamo per arrivare alle ore 11.35 ora locale con volo Iceland Air.

Prendiamo il bagaglio, riusciamo senza fila a cambiare 2.500,00 euro ed a prendere la nostra magnifica Toyota Avensis di colore rosso fuoco con cambio automatico.

Partiamo alla volta di Rejkyavik ed il nostro Foss Hotel. Finalmente all’ 1.30 riusciamo a buttarci esausti nel nostro letto

02 luglio 2007

Mattina:

Sveglia alle 8.00, doccia e colazione.

Alle 9.00 siamo già in viaggio.

Il primo luogo da vedere è Pingvellir, sede del primo parlamento islandese ed europeo all’aperto. E’ un bel parco con diversi panorami. In questa zona appare chiaro che, come dice la nostra guida, ci troviamo in uno dei luoghi dove la faglia europea prende le distanze da quella americana.

In un piccolo fiume, per fare una foto, riesco anche a perdere i miei occhiali da sole.

Pomeriggio:

Arriviamo a Geyser. Il geyser butta fuori acqua con una regolarità sbalorditiva ogni 10 minuti. E’ fantastico e potremmo perderci ore a vedere tale spettacolo. Grazie a Carmela il geyser mi erutta praticamente addosso bagnandomi tutto. Occorre cambiarmi in macchina.

Approfittiamo per mangiare. Mangiamo sostanzialmente schifezze da fast food spendendo una fortuna. Cominciamo a prendere confidenza con i prezzi islandesi…

Per oggi non è tutto, dobbiamo ancora andare verso Gullfoss. Arrivati ci si presenta davanti una imponente cascata (di fatto a due salti) con panorami davvero notevoli coronati da un fantastico arcobaleno.

Da lontano scorgiamo anche uno degli imponenti ghiacciai islandesi.

Facciamo finalmente strada verso il nostro albergo EDDA ML di Lauguvartn.

Prima però troviamo il tempo di fare il bagno presso la locale piscina geotermica comunale. Vediamo anche una sauna naturale decisamente sporca e strana. La porta si apre infatti con una specie di tanica piena d’acqua…la gente ci osserva come se fossimo marziani.

Sera:

Facciamo un aperitivo con un paio di birre comprate alla stazione di servizio poi finalmente si mangia. Io prendo una trota davvero favolosa e rimango soddisfatto della scelta.

La sera abbiamo anche il tempo di bere un amaro (portato da casa) vicino al lago su di una altalena costruita con i copertoni, poi finalmente si va a dormire.

03 luglio 2007

Mattina:

Sveglia e colazione in camera. Caffè alla stazione di servizio e partenza alla volta di Hella.

Per strada non incontriamo quasi nessuno. Il paesaggio è molto brullo e le strade quasi tutte sterrate. Da lontano cominciamo ad intravedere la vetta innevata del vulcano Hekla e tanta tanta lava.

Pomeriggio:

Stanchi di non aver visto quasi nulla, decido di fare una deviazione per vedere due piccole cascate segnalate sulla carta stradale. Prima cascata avvistata. Procedo verso la seconda. Le indicazioni la danno a 4 Km dalla strada principale (già di per se sterrata). Provo a percorrere la strada nonostante i rumori dei sassi e Carmela che continua a consigliare di proseguire a piedi

  • 7498 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social