India, dove tutto è possibile

Fantastico viaggio nella ricca e preziosa terra del Rajasthan: 24 giorni meravigliosi, pieni di colore e di giornate indimenticabili

  • di grazleo
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Con comodo volo Qatar (da Roma via Doha) siamo arrivati a Delhi alle 7,30 di mattina del 10 novembre 2015 e da qui è iniziato il giro.

Appena arrivati in aeroporto ci attende Mahendra, l’autista di un’agenzia che abbiamo contattato dall’Italia e scelto per alcune buone recensioni ed anche perché il driver parla italiano. Prima di andare in hotel, anche se stanchi, facciamo un giro per Delhi per vedere l’imponente torre Qutb Minar e i suoi giardini, il Lotus Temple (solo dall’esterno), il Lodi Garden, la Tomba di Humayun, il tempio Sikh in marmo bianco e il suggestivo luogo dove fu assassinato Ghandhi.

La mattina successiva partiamo per Mandawa nella regione dello Shekwati, a circa 260 km. di distanza. Arriviamo a Mandawa in piena Festa di Diwali, la festa delle luci e ci troviamo immersi in una atmosfera bellissima con luminarie e fuochi d’artificio, passeggiamo per Mandawa, tra le antiche haveli e per il bazar, pranziamo nell'ottimo ristorante Monica e dormiamo per 2 notti in una dimora antica restaurata. La sera partecipiamo anche noi alla festa delle luci, divertendoci e accendendo candeline sulla grande terrazza dell’ haveli insieme ai proprietari e agli altri ospiti indiani.

Da Mandawa proseguiamo per Bikaner, circa 200 km, passando per Fathepur per vedere altre haveli molto belle quanto fatiscenti, proseguiamo per Deshnoke dove visitiamo il Karni Mata Temple, il famoso Tempio dei Topi, esperienza da fare anche se il topo non è il nostro animale preferito. Assaggiamo il primo Masala Chai, il tè indiano aromatizzato con latte e spezie che da ora in poi ci verrà offerto spesso. Il pranzo della giornata invece è con specialità di strada, samosa e kachori, che si riveleranno stuzzichini ottimi nei lunghi tragitti in macchina. Importante è acquistarli nei negozi giusti che il nostro driver ogni volta ci suggerisce. Arrivati a Bikaner nel pomeriggio, facciamo subito un giro nella città vecchia con tuc tuc, il caos e’ totale. Incredibile India! Visitiamo la città vecchia e sembra di essere nel Medioevo, fotografiamo l’imponente Forte Juna Garh ed il Bhandasar Temple con i suoi coloratissimi affreschi.

La mattina dopo proseguiamo per circa 350 km. direzione Jaisalmer. Lungo la strada ci fermiamo a Kheechan per fotografare uccelli migratori. Nel primo pomeriggio arriviamo nella bellissima Jaisalmer, visitiamo un tempio gianista, l’Ama Sage Jaine Temple e andiamo a fotografare il tramonto in un cimitero con costruzioni in arenaria.

La mattina dopo con una guida che parla italiano visitiamo l’antica fortezza , il Jaisalmer Fort. Assistiamo ad una cerimonia induista e con tuc tuc andiamo alla scoperta di belle haveli e del bazar. Nel pomeriggio facciamo un’escursione con i cammelli partendo da Khuri, nel deserto del Thar , giusto in tempo per camminare sulla sabbia fine e calda e per vedere un bellissimo tramonto sulle dune. Spettacolo tradizionale di danza indiana e cena al campo ai piedi del deserto.

La mattina successiva proseguiamo per Jodhpur la città blu viaggiando per circa 300 km.

Facciamo tappa ad Osiyan per vedere un tempio hindi e gianista e ci mettiamo in fila sulla rampa di scale che porta alla sala centrale del tempio con un centinaio di pellegrini che ci guardano curiosi quanto noi di loro! Arrivati a Jodhpur ci fermiamo in un piccolo negozio di spezie e naturalmente rimaniamo affascinati dai profumi e dalle spiegazioni di Mohammed che ci illustra tutte le proprietà e virtù delle spezie e dei tè orientali. Sembra di aver incontrato il mago delle spezie che ci indica la via della felicità con una semplice spolverata di queste polverine magiche! Che meraviglia! L’hotel è nella città vecchia e lo raggiungiamo con tuc tuc poiché le auto non riescono ad entrare nelle vie strette e trafficate.

L’indomani visitiamo lo spettacolare Mehrangarh Fort che si erge a picco su una collina rocciosa alta 120 metri. E’ una delle Fortezze più belle di tutta l’India e giriamo meravigliati tra le stanze, il museo ed i bastioni. Arriviamo fino al Jaswant Thada un complesso cimiteriale con giardino e meravigliosi alberi di gelsomino bianco profumatissimo. Chiediamo al nostro driver se nel pomeriggio è possibile visitare una casa tradizionale per vedere le abitudini quotidiane della gente comune e Mahendra ci accontenta portandoci in un villaggio vicino e conoscere una brava famiglia con una bimba bellissima, ci offrono Masala Chai e ci fanno visitare la casa, la cucina e dove lavorano il miglio. Prima facciamo una sosta in un parco naturale dove restiamo immersi nella pace della natura e delle acque di un fiume che ospita stormi di Damigelle di Numidia e antilopi in libertà.

Dopo due notti passate a Jodhpur partiamo la mattina successiva per raggiungere Udaipur. Sosta a Ranakpur per vedere uno dei complessi giainisti più grandi di tutta l’India, il marmo bianco e le grandi sale, le colonne scolpite e le bellissime cupole infondono una incantevole sensazione di armonia e bellezza. Da non perdere assolutamente. Arriviamo a Udaipur nel tardo pomeriggio e al ristorante stasera mangiamo un piatto tipico indiano, il thali, buonissimo! La prima passeggiata della mattina successiva è verso il lago dove le donne si lavano e lavano i loro panni. Visita poi al City Palace, il palazzo più grande del Rajasthan con la facciata lunga 244 metri e alta 30. Facciamo anche un giro in barca verso l’isola centrale di Jagmandir e passiamo davanti all’isola di Jaquiwas ormai famosa perche’ alcuni vip praticano il bellissimo hotel di gran lusso

  • 6041 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social