Un mese in India

Viaggio fai da te... svolto nel 1998

  • di bruccone
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Siamo due coppie di amici (Bruno e Loredana, Massimiliano e Patrizia) che vorrebbero dare anche loro un modesto contributo a tutte quelle persone che intendono affrontare un viaggio in India del tipo “fai da te” e che quindi ricorrono alla Vostra dettagliata ed interessante guida. La segnalazione che vogliamo fare è naturalmente limitata a tutti quei casi o particolari curiosi accaduti durante il viaggio, che possono a nostro avviso interessare in ” qualche modo e in qualsiasi caso qualsiasi persona “. Abbiamo pertanto cercato di evitare di narrare episodi di normale “routine” ovviamente allo scopo di non finire per fare una segnalazione-libro che forse risulterebbe prolissa e noiosa. Premettiamo innanzitutto che durante il nostro viaggio abbiamo consultato due guide (India del Nord e India del Sud) edizioni 1993 prestateci da amici, per cui , quasi sicuramente, alcune cose come prezzi e servizi saranno state aggiornate e/o modificate nelle edizioni successive.

Il viaggio è iniziato il 1^ febbraio e si è concluso il 27 febbraio di quest’anno (1998). Tutte le camere in cui abbiamo dormito erano con bagno ed acqua calda (Hotel Silver escluso), ed i prezzi riportati si intendono per camera. La nostra conoscenza della lingua inglese è piuttosto modesta (livello scolastico). Abbiamo usato Dollari USA in contanti ed in Travellers’ chèque (Amex e Citycorp) nonché carte di credito (VISA e AMEX) . Non abbiamo mai trovato particolari difficoltà per il cambio presso banche o agenzie private. I dollari che cambiavamo ci venivano cambiati circa 1 a 38.10 pari a circa 47 lire per una Rupia. Le carte di credito sono accettate un po’ ovunque nei posti turistici. Al prezzo di lire 1.075.000 a testa , tasse aeroportuali e assicurazioni comprese, abbiamo acquistato per corrispondenza tramite televideo RAI il biglietto aereo Lufthansa presso l’Agenzia Cisalpina Tour W.O.L. di Torino con tratta Venezia-Francoforte-Delhi andata e -Bombay-Francoforte-Venezia ritorno. Il volo di andata si è svolto regolarmente. Siamo partiti alle ore 10.25 da Venezia per raggiungere Delhi puntualmente alle ore 1.25 (Voli confortevoli).

Giunti a Delhi, dopo le consuete formalità doganali e dopo aver cambiato i soldi presso la locale banca dell’aeroporto, ci siamo rivolti presso i Box dei taxi prepagati dove per la somma di 400 Rupie un sonnolento autista ci avrebbe accompagnato presso l’albergo scelto nella Vostra guida prima della partenza ( Hotel Namaskar). Giunti in centro città il tassista (come penso di consuetudine avvenga) non conosceva l’albergo ne tanto meno la via ove fosse ubicato, per cui si rivolgeva ad alcuni autisti di risciò i quali si offrivano di accompagnarci presso una sedicente via buia indicandoci un palazzo diroccato quale il nostro albergo. Ad una nostra vivace protesta, l’autista si rassegnava e ci accompagnava nella via indicata lasciandoci di fronte all’albergo che però era completo. Dopo aver scongiurato il povero portiere di notte ad aiutarci, preso da probabile pietà, telefonava al vicino Silver Hotel che aveva posto e dove per 200 Rupie a camera (piuttosto squallida) ci sistemavamo per qualche ora visto che ormai eranole tre passate.

Il mattino successivo (2), ritornati al Namaskar, contattavamo il proprietario dell’albergo il quale ben conosce di essere citato nella Vostra guida (ha fotocopiato le pagine dedicategli mettendole ben in vista ai viaggiatori in arrivo, affermando anche di collaborare con la L.P.). Non essendo l’hotel di nostro gradimento, nell’intento di cercare un altro Hotel di cat. leggermente superiore, nello stesso quartiere incappavamo quasi per caso nello “ Yes Please” (allegasi copia bigliettino da visita), albergo pulito ed economico dove abbiamo pernottato due notti e del quale dobbiamo esprimere una parola di riguardo visto l’ottimo rapporto qualità-prezzo, la professionalità e simpatia del gestore ( ci sembra si chiami Lal ). Ritornavamo però in seguito al Namaskar per scegliere per il Tour del Rajastan che il proprietario stesso dice di organizzare: per la somma di 300 USD ( in contanti e senza trattare ) lo stesso ci organizzava un viaggio di nove giorni (allegasi copia del programma) mettendo a disposizione un’ auto Ambassador 1500 cc Diesel con autista , inclusa benzina e, a suo dire , eventuali imprevisti

  • 5515 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social