Breve stopover a Doha

Piccolo break per interrompere il volo di rientro

  • di kiwitalian
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 1
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Al ritorno dal mio viaggio in Indonesia ho fatto tappa (un po’ forzata dagli orari dei voli) nella capitale del Qatar. Avevo precedentemente prenotato con la Qatar Airways il pacchetto a 125$ che comprende hotel (per la classe economy è previsto un 3 stelle, poi però all’arrivo vista la disponibilità mi hanno assegnato un 4 stelle, il Retaj Al Rayyan), trasporto a/r, tutti i pasti a seconda della durata dello stopover – nel mio caso colazione, pranzo e cena – e il visto d’ingresso nel Paese. Viaggiando in più persone probabilmente non conviene usufruire del pacchetto, ma io essendo sola l’ho preferito al fai da te visto che con il costo della sola camera d’albergo avrei quasi raggiunto la stessa cifra. Non mi è piaciuto il fatto di dover pagare una cifra non proprio bassa quando con Emirates è gratuito, ma non mi andava di passare ben 21 ore in aeroporto.

Atterriamo alle 4:20, anche un po’ prima dell’ora prevista, e la temperatura di 37 gradi a quell’ora non promette nulla di buono! Presa la navetta scendo al terminal d’arrivo (non quello per i transfer!) e vado a ritirare al banco apposito il voucher per poi passare ai controlli. Dopodiché basta rivolgersi al banco dell’hotel che organizza immediatamente il transfer. Dopo una bella doccetta e aver dormicchiato un paio d’ore, scendo a far colazione: buffet internazionale con ogni ben di Dio, tantissima varietà sia per il salato che per il dolce, che ci voleva proprio dopo il pasto in aereo. Mi avventuro poi nei dintorni dell’hotel lungo la Corniche: tutto è in costruzione, in zona ci sono solo enormi hotel di grandi catene alberghiere; la temperatura è arrivata a 43-44 gradi e c’è molta umidità, resisto un po’ ma poi mi rifugio nella piscina dell’hotel.

Verso le sei di sera riprovo e con l’autista prenotato in mattinata vado a farmi un giro della città. Passiamo di fronte alla vecchia moschea che è a forma di spirale e ricorda quasi le raffigurazioni della torre di Babele, poi raggiungiamo la prima tappa che è il Museo di Arte Islamica. Vale davvero la pena farci un salto, ho trovato la collezione molto interessante (la maggior parte sono oggetti raccolti nei Paesi arabi) e ben tenuta; l’ingresso inoltre è gratuito ma se non si è vestiti adeguatamente potrebbero non lasciarvi entrare. Per “vestiti adeguati” intendo pantaloni lunghi e camicia/maglia a maniche lunghe per gli uomini e per le donne qualsiasi capo che vi copra interamente gambe e braccia. In Qatar tutto ciò che è “corto” e lascia scoperta la pelle è accettato – per i turisti ovviamente – solo in spiaggia. La seconda tappa è il vecchio Souq che di vecchio non ha nulla visto che è stato ristrutturato ed è tutto così ordinato e finto. Non sono molti quelli che tentano di vendermi qualcosa, oramai sono tutti negozietti e simili quindi se vuoi entri se no stai fuori e guardi. Idem per quanto riguarda il piccolo souq dell’oro. Terminato il giro andiamo dalla parte opposta alla vecchia città verso la penisola artificiale The Pearl, dovranno pur fare concorrenza a Dubai in qualche modo, no? Su questo lembo di terra ci sono esclusivamente appartamenti non ancora terminati (l’affitto costa dai 3000€ in su al mese), boutique delle più conos\ciute marche internazionali, un molo circolare che ricorda appunto una conchiglia e la sua perla sulla carta e ancora negozi. Insomma una gigante Porto Cervo. Lungo le strade ci sono cantieri su cantieri, stanno costruendo di tutto e di più per i futuri mondiali di calcio, stadi chiusi e climatizzati compresi. Ovviamente non mancano i campi da golf e i vari centri commerciali Questa è Doha, città totalmente proiettata verso il futuro.

  • 5285 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social