Da Matera a Santa Maria di Leuca... dai sassi al mare

Vacanza tra la Basilicata di Matera e la Puglia di Alberobello e Polignano, approdando infine sulle spiagge del Salento

  • di osky500
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Era una domenica pomeriggio di maggio.

"Amore, dove andiamo in vacanza quest'estate?"

"Si può andare al mare, magari in Puglia"

"Allora scrivo a un amico pugliese che forse può trovarci un appartamento". E così, io e la mia ragazza, iniziamo a pianificare la nostra vacanza in Puglia.

Arriva settembre e pure il nostro volo Ryanair Bergamo-Brindisi. Appena atterrati, alle 8:30, ritiriamo la nostra auto a noleggio (una Dacia Sandero Stepway diesel: perfetta, consumi bassissimi, ottima per raggiungere parcheggi e spiagge sullo sterrato, noleggiata tramite Alamo).

MATERA

Pronti e via, si parte: destinazione Matera! Piove e non siamo molto entusiasti. Visitare Matera sotto la pioggia penso sia un piccolo incubo. E invece una volta giunti... il sole farà capolino fra le nuvole. Un capolino un po' capriccioso perché ogni tanto due gocce d'acqua cadranno. Ciò non ci ferma dal visitare Matera; prenotiamo un tour con guida per le 14:30 (non rinunciate a visitare Matera con guida, infopoint di Piazza Vittorio Veneto, 7.50 euro a testa ). Il tour si snoderà principalmente nel Sasso Caveoso e nella Civita, quindi nell'attesa del pomeriggio iniziamo visitare per conto nostro il Sasso Barisano. Che dire, pensare che i materani vivevano in questi luoghi scavati nella roccia ti sconvolge. Ogni angolo sarebbe da fotografare (e così faccio). Proseguiamo seguendo la cartina, cercando di passare attraverso le principali attrazioni (senza cartina non credo ci si possa orientare in modo semplice tra tutti i saliscendi e i vicoletti). Arriva anche l'ora del tour guidato nel Sasso Caveoso; scopriamo così la Matera più povera, più antica. Lì possiamo visitare una vera casa (un sasso) scavata nella roccia e arredata come una volta con tutti gli oggetti dell'epoca. Non riesco a immaginare cosa possa aver visto Carlo Levi quando fu esiliato in queste terre.

ALBEROBELLO, POLIGNANO A MARE E OSTUNI

Finito il tour (complimenti alla nostra guida, davvero bravissima!) riprendiamo la macchina e ci dirigiamo verso Alberobello. Lì dormiremo in un vero trullo (Dimora Sumerano). Dopo esserci registrati e sistemati i bagagli, prendiamo l'auto e facciamo un primo giro esplorativo tra i trulli in cerca di un ristorante. Ceneremo al ristorante Casa Nova (ottima cucina tipica pugliese).

La mattina seguente, colazione (ottima!) con torte fatte in casa e tanta frutta fresca e subito visita dei trulli del complesso in cui abbiamo dormito (qui c'è un trullo a due piani, come il Trullo Sovrano). Torniamo poi nel centro storico per immergerci nell'atmosfera dei trulli. Parcheggiamo gratuitamente vicino al Trullo Sovrano e da lì ci muoveremo solo a piedi. Iniziamo col visitare il Trullo Sovrano poi ci incamminiamo verso il rione Aia Piccola. Questa zona è molto caratteristica perché qui i trulli sono tutt'ora abitati: non mancano suggestivi scatti fotografici di momenti di vita quotidiana tra i trulli. Sempre a piedi, ci dirigiamo verso la zona monumentale: è la zona più turistica, dove i trulli accolgono al loro interno negozi di souvenir, gastronomia e ristoranti. Ci inoltriamo tra le vie seguendo la massa di turisti fino ad arrivare alla chiesa nei Trulli. Semplicemente spettacolare! Avevo visto Alberobello mille volte nelle foto di amici e in tv... ma dal vivo non è la stessa cosa

  • 29321 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social