Salento on the road

Tutta la costa da Campomarino a Santa Maria di Leuca e poi a San Cataldo, Lecce, Otranto, Ostuni e Alberobello

  • di Spankin'
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 
Annunci Google

Dopo ogni estate noi siamo soliti pensare già a quale posto esplorare l’anno successivo in modo da organizzare ogni cosa per tempo, avere massima scelta dei posti dove alloggiare e risparmiare così qualcosina. Per l’estate 2012 si era pensato a Maiorca, ma a gennaio la favolosa notizia di un matrimonio in Puglia il 17 luglio ha cambiato i nostri piani.

Così il 17 gennaio avevamo già acquistato i biglietti dell’aereo (a/r Venezia – Brindisi, bagagli inclusi, solo 100 euro a testa), già pagato l’acconto dei posti dove dormire e già noleggiato l’auto.

Visti i prezzi particolarmente bassi, abbiamo deciso di prolungare la nostra permanenza in Puglia: 13 giorni invece dei soliti 7. Dal 14 luglio al 26 luglio.

Giorno 1

Partenza dall’aeroporto di Venezia e arrivo a Brindisi con scalo a Roma (in realtà avevamo acquistato il diretto. La compagnia lo ha però cancellato cambiandocelo senza chiederci la differenza del costo del biglietto – quello con scalo costava 80 euro in più circa).

Arrivati a Brindisi abbiamo subito ritirato l’auto noleggiata (una Lancia Y nuovissima a cinque porte e con clima) e siamo partiti in direzione di Porto Cesareo, dove dovevamo passare le notti dal 14 al 19 luglio. L’arrivo a Porto Cesareo è stato un vero e proprio parto. Il navigatore era stato impostato su “tempo minore”, perciò ad un certo punto ci ha fatto uscire dalla tangenziale prima di arrivare a Lecce e ci ha fatto fare una serie di strade in mezzo al “nulla”. Uliveti a destra, uliveti a sinistra, strade un po’ distrutte e segnali contraddittori o assenti. In ogni caso, dando retta al navigatore siamo arrivati a destinazione!

Era già pomeriggio inoltrato quando siamo arrivati, ma lo stesso abbiamo deciso di fare un saltino in spiaggia. Con cartina alla mano (dataci dal B&B Chalet del Mare dove stavamo) siamo arrivati fino alla spiaggia Le Dune di Porto Cesareo. I colori del mare non risaltavano in quanto il sole si stava già nascondendo dietro le dune di sabbia che dividono la spiaggia dalla strada.

La sera, prima di tornare al B&B abbiamo raggiunto il centro della cittadina per vedere un po’ com’era e per mangiarci qualcosina. Lungo il lungomare ci sono una serie di bancarelle che vendono costumi, vestiti, borse, collane e così via. Per cenare ci siamo affidati a tripadvisor: abbiamo cenato al “Meeting”. Ottimi gli spiedini di calamari e la pasta allo scoglio. Se avete voglia di un caffè, lì non ve lo fanno.

Giorno 2

Il secondo giorno è incominciato con la ricerca di un posto dove poter comprare un buon pranzetto e uno dove acquistare un ombrellone. Scordatevi di andare in spiaggia nel Salento senza ombrellone! Nelle ore centrali del giorno letteralmente vi “cucinate”!

Fatte le dovute compere (erano le 11 passate) ci siamo diretti versoPunta Prosciutto (è poco prima di Torre Colimena), destinazione comunque ben segnalata. Abbiamo subito trovato parcheggio in una via a due passi dalla spiaggia, parcheggio tra l’altro gratuito. Appena visto il mare siamo decisamente rimasti senza fiato: un’acqua stupenda, di un azzurro intenso e incredibilmente pulita. Era domenica ed eravamo certi di trovare una spiaggia affollata, ma né io né il mio fidanzato.

Ci aspettavamo uno scenario del genere: gli ombrelloni erano ammassati, sembravano quasi uno sopra l’altro. A fatica abbiamo trovato un posto per aprire il nostro ombrellone e, comunque, siamo riusciti a stendere soltanto un asciugamano a metà. Fortunatamente verso le 12.30 un po’ di gente ha cominciato ad andarsene, così abbiamo guadagnato un po’ di spazio. La spiaggia ha una sabbia bianca e molto sottile ed è servita da un bar

Annunci Google
  • 25633 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social