Paesaggi meravigliosi in Provenza

Due amici all'avventura tra i variegati paesaggi provenzali, la rinomanata cucina francese e la tranquillità e l’elegante semplicità di un vasto angolo di Francia

  • di Sinsi
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Metti 4 amici con vincoli di budget e di tempo, metti un’auto a disposizione, metti una casa a Lione e una a Noli e... voilà! Nasce l’idea di una vacanza fai da te che unisca Lione a Noli attraverso l’alta Provenza. Per scendere nella riviera ligure da Lione Ema ed io impieghiamo 4 giorni durante i quali visitiamo: Orange, Mont Ventoux, Avignone, Fontaine de Vauclause, Gordes, Senanque, Roussillion, Forcalquier, Valensole, Moustier-St-Marie, Route des Crêtes, Saint Paul de Vence. Agosto da evitare per i troppi turisti e per l’assenza della lavanda in fiore (già raccolta anche in Valensole). Meglio fine luglio così si riesce anche a partecipare al festival di Avignone. Il gasolio in Francia costa meno che in Italia, ma stanze doppie in alberghi da 1-2 stelle costano tra i 70€ e i 100€ tassa di soggiorno e colazione escluse. La colazione costa tra i 7€ e i 9€. Nonostante il sovraffollamento abbiamo sempre trovato da dormine senza prenotare, ma eravamo in due. Se si é in più persone occorre prenotare in anticipo prima della partenza..

Domenica 9 agosto

Partiamo da Lione verso le 12.20. Prendiamo l’autostrada A7 verso Marsiglia e alle 14.30 arriviamo ad Orange dove vista l’ora decidiamo di fermarci per pranzo (se non avete necessità particolari si può anche saltare per dedicare più tempo ad altri luoghi ben più caratteristici). Visitiamo la cattedrale romanica. È periodo di chiusura estiva quindi molti negozi e ristoranti sono chiusi. Passeggiando per il centro arriviamo in Place de la Republique e scegliamo il ristorante “Les artistes” per il pranzo. Mangiamo una buona tartare du boeuf e un’insalata provenzale ad un prezzo corretto. La guida Routard consigliava “La Rosseline” ma era chiuso per ferie. Ripartiamo verso le 16 per salire al Mont Ventoux, tappa simbolo del Tour de France. Saliamo da Malaucène e scendiamo da Bédoin. Se si vuole salire in bici meglio fare il contrario. Alle pendici del monte, prima di attaccare la salita si vedono diversi negozi di noleggio biciclette. Il cielo é sereno e anche a 1912m di altitudine non fa particolarmente freddo nonostante il vento (una felpa é sufficiente). Da qui in poco più di 1 ora percorriamo i 65 km che ci separano da Avignone e alle 20.30 ci mettiamo in cerca di una stanza per la notte. Troviamo l’Hotel de Blauvac (Rue Bancasse). Paghiamo 100€ per una camera doppia senza prima colazione (che sarebbe costata 9€) più 0,94€ a testa di tassa di soggiorno. Ci sembra che il prezzo sia sproporzionato al servizio da 2 stelle che effettivamente offre. Essendo in una vietta stretta del centro dobbiamo mettere la macchina in un parcheggio privato convenzionato con l’hotel (Les Halle, sconto del 20%) a circa 1 km di distanza. Lasciando la macchina dalle 20.30 della domenica alle 11.30 del lunedì mattina paghiamo 8,80€. Dopo una doccia e un pò di relax usciamo e seguiamo l’itinerario di 2,5km suggerito dalla Lonely Planet con partenza dalla piazza dell’orologio che é a 100m dall’hotel. Se siete interessati ad un giro sulla ruota panoramica in riva al Rodano sappiate che chiude i battenti alle 23.

Lunedì 10 agosto

La tabella di marcia prevedrebbe la visita al mercato provenzale di Forcalquier che pare essere uno dei più belli della Provenza e si tiene tutti i lunedì mattina. Tuttavia non possiamo mancare la visita al Palazzo dei Papi. Ci svegliamo alle 8.00 senza sveglia (la nostra stanza dava su una via di passaggio e il vociare dell’attività mattutina entrava dalla finestra aperta). Facciamo colazione in un bar su Rue de la Republique per 19€ in due (i bar nella piazza di fronte al palazzo dei Papi aprono solo verso le 9.00) e alle 9.00 ci facciamo trovare all’ingresso del palazzo dei Papi che apre le sue porte. Per 2,50€ in più si accede anche alla visita del famoso ponte di Avignone (Pont Saint-Bénezet). Per 2€ vale la pena prendere l’audioguida che si trova anche in italiano. Avignone sarebbe da visitare nelle ultime 3 settimane di luglio quando si tiene il festival del teatro. Alle 11.15 ci mettiamo in macchina. A questo punto il mercato di Forcalqiuer (che dista 1h e mezza abbonadante) l’abbiamo perso. Ci dirigiamo quindi verso Gordes (il paese dove Ridley Scott ha girato “Un’ottima annata”). Sulla strada tra Avignone e Gordes vediamo le indicazioni per Fontaine-de-Vaucluse e deviamo per andare a vedere la grotta dove il torrente Sorgue dovrebbe formare un piccolo lago dalle acque chiare (che ispirò la canzone “Chiare, fresche et dolci acque” del Canzoniere). Cominciamo a vivere l’invasione dei turisti

  • 11535 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social