Provenza, Camargue e Costa Azzurra

Una settimana a spasso tra Arles, alla ricerca dei luoghi cari a Van Gogh, il Sentiero delle Ocre, Avignon, Pont du Gard, cavalli e fenicotteri della Camargue per concludere con un rilassante bagno in Costa Azzurra

  • di luxocchio
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Fino a 500 euro
 

La prima tappa della nostra vacanza estiva in Camargue è Arles all’Hotel Ibis, tra i pochissimi che ci permette di prenotare una stanza da quattro per tutta la famiglia, non distante dal centro ma comodissimo come punto di partenza per perlustrare la zona. Inoltre è dotato di una bella piscina che, dato la calura estiva, risulta essere di grande sollievo, WiFi gratuito, parcheggio privato anch’esso gratuito. Perciò dopo un lungo viaggio cosa c’è di meglio di una rinfrescata in piscina?

La sera decidiamo di visitare Arles e facciamo quattro passi per raggiungere il centro. Per la verità non c’è molta gente in giro e la città ha un aspetto un po’ trasandato. Arles nasce come città romana dei veterani della 6° Legione; nel V Secolo visse il suo secolo splendente che la rese città ricca e conosciuta: la "Piccola Roma di Gallia". Divenne così bella da diventare la seconda casa dell'Imperatore Costantino. Nell'VIII secolo la lotta tra Franchi e Saraceni trasformò Arles in un cumulo di macerie; essa iniziò la sua lenta ripresa solo nel 1178 quando Federico Barbarossa fu incoronato re di Arles.

In centro troviamo un po’ di turisti raccolti attorno all’anfiteatro, dove si esibiscono tre giovani musicisti: sembra di vedere un piccolo Colosseo. Costruito alla fine del I. Sec., è stato sede di combattimenti dei gladiatori, a cui potevano assistere più di 20.000 persone. Vietati nel 404 dal Cristianesimo, restano le gabbie delle belve e i macchinari per l'entrata in scena dei combattenti. Oggi l'anfiteatro è luogo di corride e di spettacoli.

Il centro è davvero piccolo, infatti poco distante dall’anfiteatro scopriamo il teatro romano costruito nel 25-27 a.C. per volontà di Augusto, che nel corso dei secoli ha avuto un destino sfortunato che lo ha prima trasformato in cava, poi in fortezza fino alla sua scomparsa sotto case e giardini. Visibili anche dall’esterno sono le colonne che facevano parte del muro di scena, il palcoscenico e il fossato per il sipario e l'orchestra. Cala la sera e i monumenti si illuminano con delle luci molto suggestive. Continuiamo la nostra visita alla Chiesa di St. Trophime che ovviamente, data l’ora, è già chiusa. Sul portale ci sono statue di santi e leoni mentre i rilievi nelle cornici presentano gli Eletti e i Dannati. Sui capitelli sono raffigurate l'Annunciazione e la Natività. Sull'architrave ci sono i Dodici Apostoli e nel timpano sovrastante Cristo coronato dagli angeli.

Ci addentriamo nelle viuzze del centro e giungiamo nella piazza resa famosa da un suo illustre abitante: come è noto Vincent Van Gogh visse ad Arles nel 1888. Qui dipinse alcune delle sue opere più famose, come La Stanza di Vincent, Notte Stellata sul Rodano, i famosi Girasoli, i Mangiatori di patate, Autoritratto con orecchio mozzato. Nella piazzetta c’è il famoso Cafè de Van Gogh e proprio accanto c’è la riproduzione del suo famoso quadro. In giro per la città si trovano altre riproduzioni dei suoi quadri proprio vicino all’originale come l’ospedale di Arles, dove l’artista fu ricoverato a seguito di una delle sue crisi, la Casa gialla in Place Lamartine, le Pont de Trinquetaille e un po’ fuori città il ben più famoso Pont de Langlois.

La mattina dopo di buonora partiamo per Roussillon, un piccolo villaggio raggiungibile per la verità da una strada non proprio semplice, ma per fortuna ne è valsa proprio la pena

  • 33711 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social