Tutti i colori della Provenza

Una terra ricca, suggestiva e che sa di poter fare colpo con una certa facilità grazie ai suoi graziosi paesini medievali arroccati sulle colline, ai suoi campi di lavanda (che prima o poi fioriscono), ai gustosi piatti regionali...

  • di tus-operator
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Una terra ricca, suggestiva e che sa di poter fare colpo con una certa facilità grazie ai suoi graziosi paesini medievali arroccati sulle colline, ai suoi campi di lavanda (che prima o poi fioriscono), ai gustosi piatti regionali, alle sue solenni vestigia romane, ai graziosi café e ristorantini all’ombra di platani secolari, alle imponenti testimonianze lasciate dai papi durante la cattività avignonese e alle sue quiete paludi dove sguazzano liberi cavalli e fenicotteri rosa. La Provenza incanta fin da subito e non manca di rispettare le promesse fatte prima della partenza. Non provate nemmeno a cercare di resisterle… davanti a tanta bellezza non potrete fare altro che lasciarvi andare ed amare questi luoghi!

Si potrebbe dire che la Provenza è molto turistica e forse è pure una meta poco “originale” dato che l’Italia non è poi molto lontana, così come la cultura e le tradizioni. Si potrebbero dire tante cose ma, sopra ogni personale considerazione, resta il fatto che sia una regione indiscutibilmente bella e affascinante, che è pure capace di sorprendere il visitatore.

La scelta di questa meta è scaturita, essenzialmente, da un budget piuttosto limitato. Il fatto di poter partire con la propria auto di certo permette di risparmiare un po’ di soldini sul volo aereo e sul successivo noleggio.

Il nostro tour di 5 giorni ha toccato le principali attrazioni della Provenza. Diciamo che è stato un assaggio delle principali pietanze presenti ad un buffet! Non ci siamo abbuffati proprio perché il tempo a disposizione non era molto e non abbiamo potuto concederci i ritmi rilassati che i tranquilli paesini del Luberon sembrano suggerire però siamo riusciti comunque a cogliere l’essenza della Provenza, visitando molti luoghi e attrazioni differenti. Pur essendo molte le tappe, ci siamo presi comunque i nostri tempi e, solo raramente, abbiamo dovuto fare le cose di corsa. Le attrazioni sono principalmente paesini e cittadine in cui i monumenti imperdibili sono proprio pochi e, più che altro, il bello sta proprio nel passeggiare e nel perdersi tra viette, ristorantini e negozietti.

La Provenza non è certamente un luogo economico ma vi è una larga possibilità di scelta per ogni esigenza di tasche. Si possono spendere pochi soldi dormendo negli ostelli delle città o negli hotel meno pretenziosi e mangiando facendo rifornimento presso le botteghe dei fornai o presso i supermercati. Oppure si può puntare su fantastici poderi dispersi nella campagna e nel lusso e pranzare elegantemente ad uno dei tanti ristoranti chic con vista su paesaggi mozzafiato. Noi, che siamo stati abbastanza attenti e che abbiamo mantenuto una posizione intermedia alle due indicate, abbiamo speso circa 450 euro a persona (viaggio compreso).

Ecco il racconto del mio tour

PRIMO GIORNO (sabato 15 giugno): da Bergamo a Roussillon

Lo ammetto è presto. Puntare la sveglia per essere pronti alle 4.30 del mattino è decisamente presto ma, occhiaie, grugniti e frasi insensate a parte, eravamo contenti di partire per un nuovo ed esilarante viaggio. Ancora cullati dal buio della notte, viaggiamo a bordo della nostra Polo con impianto GPL verso la Liguria e, poi, oltre il confine francese. Le ragazze dormono serenamente mentre l’alba inizia a rischiarare il cielo, pesante sotto una spessa coltre di nuvoloni grigi.

Approdati in terra francese riteniamo sia giunto il momento di ascoltare per la prima volta la nostra Provenza Compilation, una nostra raccolta di canzoni sul tema del viaggio appena iniziato, che costituisce ormai una tradizione lunga otto anni

  • 20018 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social