Madeira: dove finisce l'arcobaleno

Una antica leggenda Celtica racconta che là, dove finisce l’arcobaleno ci sia una pignatta d’oro custodita da folletti….. Di una pignatta non so, ma sicuramente sotto i tanti arcobaleni visti a Madeira ho trovato la serenità, l’autenticità, la caparbietà, la ...

  • di giobest
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Una antica leggenda Celtica racconta che là, dove finisce l’arcobaleno ci sia una pignatta d’oro custodita da folletti...

Di una pignatta non so, ma sicuramente sotto i tanti arcobaleni visti a Madeira ho trovato la serenità, l’autenticità, la caparbietà, la fierezza, l’amore per la propria terra.

La serenità nei piccoli villaggi del nord immersi in verdi vallate.

L’autenticità nella gente che senza lusso, ma con umiltà seguiva la messa di Natale nella chiesa di Sao Vicente addobbata da infinite orchidee.

La caparbietà di orti e vigneti coltivati in terrazzamenti strappati alle montagne senza colpo ferire.

La fierezza del gruppo musicale degli Studenti dell’Università di Madeira che si è esibito nella festa del capodanno di Funchal.

L’amore per la tradizione del gruppo folcloristico di Curral das Freiras composto di soli giovani... Per tutto questo : grazie Madeira.

Il viaggio dal 24/12/2005 al 1/1/2006 è stato organizzato per 2 persone tutto tassativamente fai da te via internet. Voli aerei Milano/Lisbona/Funchal e ritorno, nonché permanenza di 4 giorni in bb presso l’Estalagem do Mar www.Estalagemdomar.Com di Sao Vicente acquistati il 21/10/05 tramite www.Expedia.It al costo di € 1.017,18 comprensivo di assicurazione, diritti d’agenzia e invio biglietti.

Pernottamento con trattamento di prima colazione presso l’hotel Don Pedro Garajau www.Dompedro.Com acquistato tramite www.Edreams.It per il periodo dal 28 /12 al 1/1 al costo di € 133,00.

Noleggio auto dal 24/12 al 1/1/ tramite www.Economycarrentals.Com € 166,08 ( comprensive di tutte le assicurazioni senza franchigia) + € 5,00 di pagamento parcheggio presso l ‘aeroporto di Funchal avendo lasciato l’auto alle 5 del mattino. Percorsi circa 700 km. Spese carburante € 64,00.

Parcheggio auto www.Travelparking.It presso aeroporto di Malpensa posto auto scoperto € 29,00.

Utilissima la guida tascabile della Dumont “ Madeira” ed. 2002 € 14,00 che ci ha permesso di pianificare al meglio gli spostamenti (bellissima cartina ), i treeking ( accurata descrizione degli itinerari), i ristoranti ( mai speso più di € 25,00 per pranzare in 2, vino incluso)!!! Utile il materiale scaricabile dal sito www.Madeira-levada-walks.Com per l’organizzazione dei treeeking.

La scelta dei 2 hotel, localizzati il primo a Sao Vicente nella costa nord , il secondo a pochi km di distanza da Funchal si è rivelata vincente. Ci ha dato la possibilità di effettuare con calma belle passeggiate senza lo stress di spostamenti che, anche se non di molti km , in un’isola montuosa come Madeira, alla lunga possono rivelarsi stancanti.

24/12 ore 18,00- dopo un viaggio iniziato al mattino alle 9,50 dall’aeroporto di Milano Malpensa, e un’ attesa di varie ore all’aeroporto di Lisbona ( scotto da pagare per spendere il meno possibile!) siamo finalmente a Funchal. Il responsabile della Bravacar da cui ha noleggiato l’economycarrentas ci raggiunge quasi puntuale nella hall dell’aeroporto, come ci aveva confermato nella e-mail della sera precedente la nostra partenza. La consegna dell’auto avviene nel suo ufficio distante pochi km. Nessun intoppo,prendiamo possesso della nostra Clio con ben 82.000 km e ci dirigiamo verso Sao Vicente.La strada è per un lungo tratto, a due corsie e non ci mettiamo più di 45 minuti per arrivare. Subito ci colpiscono le migliaia di luci!!! E’ tutto illuminato per festeggiare il natale. Case, alberi, chiese, strade...Uno scintillio di colori diversi.

25/12- dopo la colazione a buffet consumata davanti al panorama di un oceano stranamente calmo e di un cielo non propriamente sereno, ci dirigiamo alla volta del passo Encumeada. Il panorama sarebbe mozzafiato, se non fosse per la bassa nuvolaglia ! Proseguiamo per l’altipiano di Paul da Serra fino al parcheggio di Rabacal. Lasciata l’auto, una discesa asfaltata di un paio di km ci fa raggiungere l’inizio del sentiero per la Levada delle 25 fonti. In mezzo ad un bosco di erica arriviamo fino alla fine ( e oltre) della Levada dove numerose cascate corrono ad essere incanalate in questo ingegnoso sistema di convoglio delle acque sul territorio di tutta l’isola. Il ritorno è più faticoso, perché i salita, ma ce la facciamo!!! Consumiamo il nostro pasto di natale, veramente alternativo, con panini e frutta nell’area pic-nic di Rabacal in maniche di camicia attorniati da pochi altri turisti e da uccellini disinvolti che si avvicinano per approfittare delle nostre briciole

  • 21333 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social