Lisbona e l'Algarve in 7 giorni

Alla scoperta dell'inaspettata bellezza della capitale portoghese e della sua cucina, poi una puntatina sulle spiagge dorate dell'Algarve

  • di Mr Moonlight
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

29 giugno

Ore 6:10 partenza da Orio al Serio con Ryan Air. Volo tranquillo fino al momento dell’atterraggio. Il primo tentativo fallisce per colpa di un aereo sulla pista, almeno cosi ci dicono. L’impressione è che la velocità fosse eccessiva, ma io non sono un pilota. Al secondo tentativo atterriamo non senza un grande spavento perché l’aereo, toccata terra, sembra imbarcarsi e ondeggia paurosamente. Se Dio vuole alle 8:25 locali siamo in aeroporto. Davvero veloci le operazioni di sbarco. Recuperiamo i bagagli e raggiungiamo la metro dove acquistiamo la carta Viva Viagem (€ 0.50) che carichiamo con € 6 in modo da usarla per il resto della giornata su tutti i mezzi pubblici per un numero illimitato di corse(dura 24 ore – domani la ricaricheremo). Il nostro B&B si trova in Avenida Antonio Augusto de Aguiar che raggiungiamo facilmente in pochi minuti con la linea Azul, scendendo alla stazione Parque che diventerà la nostra base. Le stazioni della metro sono molto pulite e luminose, decorate in modo diverso una dall’altra (questa è blu) con bellissime piastrelle (azulejos) disegnate da artisti portoghesi e internazionali e spesso pervase dal profumo invitante del pop corn. Non ci sono vucumprà né mendicanti ad eccezione di alcuni ciechi che percorrono le varie carrozze richiamando rumorosamente l’attenzione dei viaggiatori, in cerca di qualche spicciolo. Il B&B Luna Parque è al piano terra ed è più che accettabile. La stanza è pulita e possiamo utilizzare sia la cucina sia il frigo per le nostre necessità ad un prezzo conveniente. Facciamo conoscenza di Enrica, una ragazza pugliese che con Marina gestisce la struttura, lasciamo il bagaglio e via di nuovo metro azul destinazione Baixa cioè il centro da dove raggiungiamo la grandiosa placa do Comercio attraverso la Rua Augusta ed il suo maestoso arco trionfale. Davanti a noi il Tago, con a destra il ponte XXV Aprile e di fronte sulla riva sud la statua del Cristo Rei. Da qui decidiamo di salire verso Alfama (dall’arabo Al-hamma, fontane) il quartiere più antico di Lisbona. Prendiamo il mitico Tram 28 fino al miradouro di Nossa Senhora do Monte: senza dubbio il belvedere più alto e più suggestivo di Lisbona. Da questo piccolo spazio, che ospita solo un venditore ambulante e qualche panchina all’ombra, si ha la vista più completa della capitale.

Tornando verso il castello e la cattedrale sempre sul 28 leggiamo l’avviso che mette in guardia i turisti contro i borseggiatori. Avevo letto di questo rischio ma automaticamente porto lo stesso una mano alla tasca posteriore dei pantaloni e mi accorgo con sgomento di non avere più i documenti! Per fortuna il denaro e le carte di credito erano in un’altra tasca ma la rabbia ed il dispetto sono tanti. Faticosamente raggiungiamo il posto di polizia per turisti di Restauradores (vicino l’antica stazione del Rossio) e facciamo denuncia per poi portarla all'ambasciata prima di partire con due foto tessera per avere un documento provvisorio. Speriamo che nel frattempo i documenti vengano rinvenuti. (Grazie agente José Mendez.).Per consolarci ci concediamo un cicchetto di ginginha (€ 1,20) nella vicina Praça Dom Pedro IV , nota come Rossio. L’appuntamento con i due gestori del piccolo locale diventerà una piacevole abitudine del dopocena durante il nostro soggiorno.

Il nostro programma ormai è stato scombussolato e procediamo a vista. Ci spostiamo verso Chiado percorrendo la famosa rua Garret antica ed elegante strada con pasticcerie, negozi di lusso, librerie e la storica caffetteria 'A Brasileira' tanto amata da Pessoa (statua in bronzo del poeta seduto ad un tavolino). In fondo a Rua Garett c'è la statua di un altro poeta, frate Ribeiro, detto O Chiado da cui il nome del quartiere. Scendendo da Rua Garrett si incontra la Chiesa del Carmo, imponente rovina della più grande chiesa gotica della città. Un salto sulla terrazza dell’elevador de Santa Justa (detto do Charmo)dalla struttura in ferro molto particolare,per godere del bel panorama sulla città. L’elevador collega i due quartieri di Chado e Baixa ma noi preferiamo tornare a piedi verso la metro per rientrare al B&B per una doccia veloce. Per la cena torniamo in centro dove veniamo quasi assaliti dai camerieri dei vari locali che propongono le loro specialità. Questi locali lungo la via Augusta e zone limitrofe sembrano tutti uguali e alla fine ci sediamo per consumare una “cataplana di pesce per due ed un paio di birre (€ 36)

  • 72396 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social