Assaggio di Portogallo (con un saluto a Barcellona)

Viaggio primaverile alla scoperta di Lisbona e Porto, con una sosta a Barcellona in omaggio a Gaudì

  • di Cat&Ste
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Bem vindos em Lisboa

Pronti per la nostra gita primaverile, scegliamo come meta il Portogallo. Prenotiamo on line un volo da Torino a Lisbona con Alitalia-Tap, solo andata. Il programma prevede 4 giorni a Lisbona, trasferimento in treno a Porto, visita di due giorni poi da lì volo Ryanair per Barcellona, altra breve sosta, e rientro su Torino, sempre con Ryanair. Giro un po' tortuoso, ma appaga la nostra fame di visite e ci permette di contenere il costo dei voli. Partiamo da Caselle in tarda mattinata e all'ora di pranzo siamo già a Lisboa. L'aeroporto è comodamente collegato al centro con la metropolitana, comoda ed efficiente. Scendiamo alla fermata "Anjos", appena fuori dal centro (a due fermate da Baixa Chiado), dove ci attende l'Hotel Sete Colinas, prenotato su Booking.com. La stanza è semplice ma accogliente e pulita, il personale cortese, la fermata della metro a 30 passi dall'entrata dell'hotel. Ottimo rapporto qualità prezzo. La nostra esplorazione inizia da Plaza Marques de Pombal, con i suoi fantastici giardini. La vista dal punto più alto dei Giardini Edoardo I (sarà solo prima delle lunghe salite, preparate le gambe!) è meravigliosa e abbraccia tutta la città, fino al Tejo. Il primo impatto con il Portogallo è di grande effetto. Percorriamo l'ampia Avenida de Liberdade, con i suoi eleganti palazzi e teatri, l'atmosfera è molto piacevole. Raggiungiamo la centralissima Praça dos Restauradores con il suo obelisco e poi la bella e vivace Praça de D.Pedro IV, comunemente chiamata Praça Rossio. Qui facciamo uno spuntino presso la Confiteria Nacional e proviamo subito la specialità locale: i pasteis de nata, croccanti cestini di sfoglia ripieni di calda crema pasticcera e spolverati di cannella. Paradisiaci. Incontriamo nel nostro cammino l'affascinante Elevador S.ta Justa, un antico ascensore verticale (l'ultimo rimasto... gli altri elevadores sono delle specie di piccoli tram che percorrono le ripide salite del centro storico) che porta in Largo do Carmo. Colti dall'entusiasmo saliamo, ma ci rendiamo ben presto conto di aver fatto un errore: il prezzo del biglietto è di 5 Euro, un vero furto, considerato che la salita dura pochissimi minuti e che se avessimo fatto il biglietto giornaliero che copre tutti i mezzi pubblici (consigliatissimo! Costa solo 6 Euro) sarebbe stato incluso. Largo do Carmo è una piazzetta intima e rilassante e introduce nel cuore di Lisbona, il Chiado. Passiamo a fianco del Convento do Carmo, una struttura il cui tetto è crollato durante il terremoto del 1755 e che attualmente ospita un museo archeologico a cielo aperto. È già chiuso (sono le 17 passate) perciò procediamo oltre, fino al Miradouro São Pedro de Alcantara. La vista da qui è magnifica, ci sediamo su una panchina e ci godiamo romanticamente il tramonto, con il sottofondo di un chitarrista che si esibisce alle nostre spalle. Un inizio di vacanza perfetto. Ceniamo presso il ristorante "Tascardoso", in rua Seculo 242. E' un localino minuscolo (perciò o prenotate o venite qui prestissimo e con le dita incrociate) e spartano, consigliatoci da amici. Mangiamo enormi sardine alla griglia (che qui sono un must) e un altro pesce fantastico che però non comprendiamo se sia un'ombrina o qualcosa di simile (il proprietario parla solo portoghese e il cameriere che si impegna in un po' di italiano non riesce a spiegarcelo bene), il tutto accompagnato da un'enorme insalata, verdure bollite, olive locali e vinho branco. Spendiamo 20 Euro in due, il rapporto qualità, quantità e prezzo è impareggiabile

  • 15757 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. mamy62
    , 10/3/2015 11:50
    Bellissimo e utile diario di viaggio! Barcellona l'ho visitata molte volte ma Lisbona mai e se ci vado terrò da conto le vostre informazioni. Un unico appunto: sulla spiaggia di Barcellona si può ammirare il Mar Mediterraneo, Mare Nostrum appunto, non certo l'oceano! Ciao!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social