Azzorre indimenticabili

Abbiamo visitato le Azzorre in quattro, dal 30/7 al 10/8 del 2005. Impressione complessiva: natura bellissima e mite, turismo molto scarso, sistemazioni accoglienti, tempo ottimo (temperature gradevoli e praticamente mai pioggia), prezzi molto vantaggiosi, tranquillità totale, servizi efficienti. Quindi consigliamo ...

  • di Ugo Minini
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Abbiamo visitato le Azzorre in quattro, dal 30/7 al 10/8 del 2005. Impressione complessiva: natura bellissima e mite, turismo molto scarso, sistemazioni accoglienti, tempo ottimo (temperature gradevoli e praticamente mai pioggia), prezzi molto vantaggiosi, tranquillità totale, servizi efficienti. Quindi consigliamo a tutti di andarci... Salvo a coloro che cercano: caldo torrido, affollamento, discoteche, vita notturna. Per vedere delle foto (non nostre): www.Quaderni.It/portogallo/index.Html.

Il 30/7 siamo arrivati via Lisbona a Ponta Delgada, capitale dell’isola più grande, San Miguel, che è anche la più bella. All’aeroporto ci aspettava Luis della ormai celebre Casa da Falesia (www.Virtualazores.Com/casadafalesia) di Mosteiros, presso la quale abbiamo passato quattro splendidi giorni: 75 euro al giorno per un appartamento con due camere da letto, bagno, cucina ben attrezzata, patio, uso della piscina comune, vista impareggiabile sui faraglioni, giardino pieno di fiori, possibilità di attingere all’orto biologico. Inoltre ci ha affittato l’automobile al prezzo di 30 euro al giorno (chilometraggio illimitato). Dopo un rilassante bagno in piscina, siamo andati a cena da Barbosa (a due passi dalla piazza principale di Mosteiros): pesce freschissimo cucinato in modo semplice ma saporito, spesa meno di 50 euro (in quattro: tutti i prezzi sono indicati per il nostro gruppetto).

Il giorno seguente abbiamo iniziato la visita dell’isola: prima a Caldeira Velha, con bagno nella piscina naturale (con cascata) di acqua calda. Poi la salita in auto al bordo della meravigliosa Lagoa do Fogo: il cratere di un vulcano spento, ora verdeggiante, nel fondo del quale si trova uno grande lago incontaminato. Con una discesa di 15-20 minuti, si arriva al lago... Segue bagno rinfrescante in un posto indimenticabile.

L’1/8, dopo una rapida visita a Ponta Delgada (che non è imperdibile), siamo andati alla Lagoa das Furnas: giro per le caldeiras (pozze di acqua bollente e sbuffi impressionanti), pranzo con il famoso cocido (carne mista cotta nelle caldeiras per 5 ore) al ristorante dell’hotel Terra Nostra (83 euro, il prezzo più caro di tutto il viaggio), visita del giardino botanico, bagno nella piscina termale del giardino.

Il 2/8 abbiamo fatto un trekking di circa 4 ore intorno alla Lagoa de Sete Cidades (il più grande dei crateri dell’isola): il sentiero attraversa in più punti la foresta subtropicale che ricopre ancora una parte dell’isola, in mezzo a cespugli di ortensie, felci gigantesche, palme e tutta una vegetazione per noi inconsueta, ma senza alcun pericolo. Prima di cena, siamo ancora andati a Ponta da Ferraria (vicino a Ginetes), dove si fa il bagno nei pressi di una sorgente bollente. Però occorre andarci all’ora giusta, e cioè quando l’alta marea mescola l’acqua di mare a quella della sorgente, che altrimenti può causare anche ustioni...

Il giorno seguente, prima di lasciare veramente a malincuore la casa di Luis e Amorita, abbiamo scoperto un po’ per caso ancora un posto splendido: la Lagoa do Canario, con il suo miradouro e le nascentes. Poi via con l’aereo verso l’isola di Faial. Qui abbiamo soggiornato nel capoluogo Horta, nella casa di Salomè Medeiros (http://residenciamedeiros.No.Sapo.Pt): due camere ciascuna con bagno per un totale di 50 euro al giorno, a 15 minuti a piedi dal centro. Cena nel locale-simbolo della città, l’imperdibile Cafè Peter, luogo di passaggio di tutti coloro che in barca a vela attraversano l’Atlantico: si mangia benissimo (bisogna solo non avere troppa fretta...) pesce e carne spendendo 10-12 euro a testa

  • 10960 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. sarasaretta
    , 17/6/2012 16:19
    grazie mille per le informazioni pratiche molto preziose!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social