Lisbona e Portogallo del nord

02/09/2008 Martedi’ Partiamo da Roma per Lisbona facendo scalo a Malpensa. Rotta un po’ lunga ma dettata dall’esigenza di utilizzare i biglietti millemiglia che avevamo a disposizione. Cio’ mi da’ l’occasione di vedere per la prima volta l’aeroporto di Malpensa, ...

  • di Fabio&Luciana
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

02/09/2008 Martedi’ Partiamo da Roma per Lisbona facendo scalo a Malpensa. Rotta un po’ lunga ma dettata dall’esigenza di utilizzare i biglietti millemiglia che avevamo a disposizione. Cio’ mi da’ l’occasione di vedere per la prima volta l’aeroporto di Malpensa, tra l’altro dopo l’abbandono dello scalo da parte dell’Alitalia. Sembra un aeroporto in disarmo, un aspetto anni ’60 sia come stile architettonico che come quantità di persone presenti. Arriviamo da Roma al Terminal 1 e partiamo per Lisbona dal Terminal 2. Per fare il tragitto si perde circa mezz’ora fra attesa e percorso. E questo dovrebbe essere l’aeroporto Hub italiano !!!??? Arriviamo a Lisbona in orario e con un taxi andiamo alla casa che avevamo prenotato sul sito Homelidays. Come al solito il sito non ci ha tradito. L’appartamento e’ migliore di come appare nelle foto e il proprietario di casa e’ gentilissimo. Siamo in 4 in 90 mq in pieno centro di Lisbona per soli 100 Euro al giorno ! La via Augusta dove abitiamo e’ isola pedonale e congiunge il Rossio alla Piazza del commercio, per cui è allo stesso tempo tranquillissima e centralissima. Che si vuole di piu’ ? Per capirci e’ un po’ come abitare a Via Condotti a Roma o Via Orefici a Milano. La sera abbiamo appuntamento con una coppia di nostri amici che sono li’ in vacanza da qualche giorno e che ripartiranno due giorni dopo. Andiamo a cena in un ristorante ex refettorio di convento nella zona tra lo Chado e il Bairro Alto che si chiama Cervejeria Nova Trinidad. Bisogna fare la fila per entrare ma questa e’ una garanzia di buona cucina. E infatti non restiamo delusi nel nostro primo approccio verso il “bagalao” e il riso con mariscos, praticamente due piatti nazionali portoghesi.

I prezzi sono un po’ piu’ alti della media portoghesi ma sempre bassi paragonati ai nostri... Circa 25 Euro a testa ! Dopo cena siamo troppo stanchi per andare in giro, ritorno a casa e di corsa a letto.

03/09/2008 Mercoledi’ Stefania si sacrifica per la comunita’ e scende a comprare la colazione. Ritorna con una specie di cornetti giganti, come si usavano una volta nel Sud Italia. Arrivano poi Agnese e Sandro (i nostri amici che ci hanno preceduto nel viaggio) e cominciamo la nostra esplorazione di Lisbona. Prima tappa all’Elevador Santa Justa, una torre di metallo ad imitazione della Tour Eiffel, ma molto piu’ piccola e bassa, in cui sale e scende un ascensore che porta ad una piattaforma da cui si vede tutta la citta’. Diciamo che e’ un’attrazione turistica che e’ quasi d’obbligo visitare ma i panorami di Lisbona possono godersi anche da un sacco di altri punti, come avremmo presto imparato. Sempre a piedi proseguiamo per l’Alfama, un quartiere molto caratteristico vicino al Tago e che e’ uno dei posti piu’ belli da vedere a Lisbona. Viuzze strette in salita e discesa, palazzi ricoperti di azulejos (le caratteristiche mattonelle azzurre portoghesi), ristoranti, localini, bar e panni stesi alle finestre a ricordarci che si tratta pur sempre di un quartiere popolare. Qui infatti non sono ancora arrivati i ricchi (stranieri e non), come e’ successo ad esempio in altri quartieri popolari delle citta’ italiane, che ne hanno trasformato la faccia e la sostanza. Riusciamo perfino a ritrovare un vecchio ristorantino dove si suona il Fado e dove Fausto e Stefania erano stati 10 anni fa ! Prenotiamo senz’altro per la sera seguente. Continuiamo quindi salendo a piedi verso il Castello S. Giorgio e il vicino Miradouro S. Lucia. Due posti da cui si possono ammirare splendidi panorami sul Tago e su tutta la citta’. In realta’ il Castello e’ piu’ che altro una fortezza di cui sono rimaste le mura perimetrali ma il panorama che si vede vale la spesa del biglietto. Scendiamo poi a piedi per i vicoli e andiamo al mercato Ribeira che pero’ e’ ormai chiuso. In compenso in una sala al primo piano c’e’ una balera stile Italia anni 50 frequentata da tipi stile Italia anni 50 con un’orchestrina stile Italia anni 50. Sembra proprio di tornare indietro nel tempo ! Restiamo un po’ a guardare e poi torniamo indietro sul Lungotago per prendere la Bica, ossia la funicolare più famosa di Lisbona, che sale su fino alla zona del Chado. A questa funicolare gialla (come i tram) si e’ sicuramente ispirata la funicolare di Rio de Janeiro che sale fino al Corcovado. Qui lo spettacolo è meno esotico ma sicuramente pittoresco. Nella piazza del Chado c’è il famoso Caffè Brasileiro, un delizioso locale in stile liberty dove Pessoa andava a prendere il caffè. E infatti davanti al locale c’è un tavolino con la statua di Pessoa seduto e dove tutti i turisti (noi compresi) si fanno la foto di rito seduti accanto al grande scrittore portoghese. Dal Chado torniamo poi a piedi a casa per un po’ di relax e per andare infine a cena in una specie di latteria molto caratteristica vicino alla piazza del Rossio (che si chiama Al Tronco) e dove spendiamo, mangiando dignitosamente, solo 13 Euro a testa ! Il padrone del locale attacca un bottone spiegandoci tutta la storia del Marchese di Pombal (rifondatore di Lisbona dopo il terremoto che la distrusse nel 1755) e portandoci a far vedere le antiche prigioni, ora magazzini, che stanno a due passi dalla sua trattoria. Il tutto rigorosamente in portoghese, lingua compresa a mala pena da Sandro. Abbiamo capito si’ e no il 20% ma e’ stato divertente lo stesso ! Nel frattempo si e’ fatta mezzanotte, salutiamo Agnese e Sandro che la mattina dopo devono tornare in Italia e andiamo finalmente a dormire

  • 2791 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social