Saudades do PORTO

Per ragioni sconosciute sin da bambina una delle mete di viaggio che sognavo era il Portogallo.. Volevo imparare il portoghese e se possibile passare lì del tempo, anche se mai ancora ci avevo messo piede.. La prima volta che sono ...

  • di BigGreenEyes
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
 

Per ragioni sconosciute sin da bambina una delle mete di viaggio che sognavo era il Portogallo.. Volevo imparare il portoghese e se possibile passare lì del tempo, anche se mai ancora ci avevo messo piede.. La prima volta che sono riuscita a metterci piede è stato nel 2006, per un paio di settimane, in vacanza con delle amiche.. Quello che mi è rimasto nel cuore di quel viaggio però non è stato Porto, ma Lisbona e il sud del Portogallo, l'Algarve, che indubbiamente è un piccolo paradiso terrestre che io consiglio assolutamente di visitare.. Porto è una città che non ti colpisce a prima vista.. Grigetta, senza molti monumenti, senza i grandi spazi ariosi di Lisbona.. E' una città che solo vivendola si riesce a comprendere, e dopo ti ci affezioni come a una persona, ne parli come di una persona, ti manca come una persona.. Durante il mio viaggio ero stata a Porto solo una notte.. La città non mi aveva entusiasmato proprio per nulla.. Sarà stato il caldo afoso di agosto, i lavori stradali ovunque, i vicoletti stretti, le salite ripide ripide, ma l'unica cosa che ricordavo erano le cantine del Porto e la Torre dos Clerigos (che poi sono le uniche cose che interessano ai turisti a Porto)..

Chi l'avrebbe mai detto che dopo 6 mesi sarei tornata nella città che del mio viaggio meno mi aveva entusiasmato?? Decisa a fare la domanda per l'Erasmus subito mi fiondo a vedere le destinazioni in Portogallo, convinta nel mettere Lisbona come prima scelta nella mia domanda, maaa... Tragedia! Lisbona non è tra le mete a me consentite... Triste e scoraggiata scrivo Porto, in fondo è sempre Portogallo, e poi magari me la ricordo peggio di come è.. Nel febbraio 2007 mi ritrovo a Porto, una città totalmente diversa da come ricordavo, chiaramente i lavori stradali erano finiti e al loro posto c'erano strade larghe e pulite, e nemmeno il caldo afoso c'era più ovviamente, al suo posto piogge interminabili manco fossi a Londra!! Ci ho messo un pò per ambientarmi, nei primi tempi continuavo a rimpiangere Lisbona, ma poi si cominciano a scoprire le piccole meraviglie che ha da offrire Porto e si rimane stregati! Ma insomma non sono qua per fare la sentimentale e raccontarvi queste cose, ma per darvi dei consigli per vivere al meglio Porto e per farvela vedere con occhi diversi, principalmente per darvi piccoli consigli che vanno oltre quello che potreste trovare scritto in qualsiasi guida turistica! Se arrivate con l'aereo la cosa migliore è prendere la metro che vi porterà direttamente in centro e pagando solo il prezzo di un biglietto normale, ovvero meno di 1€! Per quanto mi riguarda il luogo migliore per prendere confidenza con Porto è Avenida dos Aliados.. Da lì si può arrivare a piedi, in autobus o in metro in ogni angolo della città. E' il cuore di Porto, in cui potrete incontrare vecchine che vendono mollette per strada, uomini d'affari che si dirigono in una delle tante banche della strada, vecchietti chini a lucidare le scarpe del passante di turno come 50 anni fa.. A Porto si ha l'impressione di essere rimasti un po' nel passato, ma per me non è un difetto, è un pregio che di Porto ho sempre apprezzato.

Da Avenida dos Aliados potete salire per Rua dos Clerigos.. Non potrete non notare la Torre dos Clerigos, di una modesta altezza, che con i suoi 75 metri è la più alta del Paese.. La chiesa non è particolarmente entusiasmante all'interno, ma consiglio di salire sulla torre perchè da lassù si gode di un'ottima vista, nonostante siano più di 220 gli scalini per arrivare in cima!! Proprio dall'altra parte della piazza sotto la Torre, in Rua das Carmelitas si trova la meravigliosa libreria Lello e Irmao: normalmente è piena di turisti più interessati a fare foto che all'acquisto di libri.. D'altra parte è davvero un piccolo gioiellino neogotico e vi ritroverete a fotografare le scale e ogni altro particolare da ogni angolazione! Porto non è una città da conoscere con visite a musei e mostre, bisogna respirarne le atmosfere, perdersi tra la folla (tra l'altro sempre disponibilissima, anche troppo, a dare consigli e indicazioni ai turisti.. Se hanno tempo vi accompagneranno anche fino a destinazione!), basta perdersi per le sue strade e i suoi vicoli (facendo un pò attenzione a quelli della Ribeira, soprattutto di notte...) e scoprire scorci e luoghi nemmeno citati nelle guide turistiche.. Per questo consiglio a chiunque volesse progettare una vacanza là, la vista dal ponte Dom Luis I: il ponte è accessibile al livello del fiume dalla Ribeira mentre al livello superiore ci si arriva da una strada in salita molto larga e ampia che parte dalla destra della stazione di Sao Bento.. (insomma in qualsiasi modo ci arriviate fate molta attenzione perchè lassù c'è il passaggio pedonale, ma ci passa anche la metro!!) Comunque andateci di sera, sedetevi a metà del ponte e godetevi il panorama notturo di Porto e Vila Nova de Gaia (la città sull'altra sponda del Douro).. E' davvero splendido ed è una delle cose che mi manca di più! Poi potreste arrivare a Gaia, scendere a livello del fiume e andarvene in uno dei tanti locali che ci sono a Cais de Gaia! Ci sarebbe anche la vista sulla foce al tramonto dal Ponte de Arrabida, ma da sotto al livello stradale.. In realtà non avrei nemmeno dovuto consigliarvelo perchè è veramente poco sicuro, infatti ci sono delle reti che proteggono l'accesso alle scale sotto il ponte, ma quando ci son passata io erano bucate, e il panorama spettacolare.......

  • 1448 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social