Porto Santo

Vacanza a Porto Santo Dal 27 dicembre 2007 al 3 gennaio 2008 Abbiamo scelto questa destinazione per ragioni di relax, di amore per il Portogallo e le sue isole, per aver già visto (oltre al Portogallo continentale e alle Azzorre) ...

  • di GiorgioePaola
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Vacanza a Porto Santo Dal 27 dicembre 2007 al 3 gennaio 2008 Abbiamo scelto questa destinazione per ragioni di relax, di amore per il Portogallo e le sue isole, per aver già visto (oltre al Portogallo continentale e alle Azzorre) la vicina Madeira e anche perché ci è stata proposta un’offerta vantaggiosa.

7 notti B&B, Hotel Porto Santo (4 stelle) senza cenone di Capodanno obbligatorio.

Tour operator: I viaggi di Atlantide Abbiamo cercato di prepararci un po’, ma non abbiamo trovato guide turistiche che parlassero di questa minuscola isola (12Km x 6...) in mezzo all’Atlantico. Solo i racconti di altri turisti sui vari forum di viaggio.

Siamo rimasti incantati dal luogo. Bello, soleggiato (20°C, vento costante, pochi minuti di pioggia in tutta la settimana e 2 giorni in costume da bagno!!! Mai il bagno in oceano o in piscina) e assolutamente non turistico (o non ancora).

Ci sono 4 alberghi e molte strutture in costruzione.

Noi alloggiavamo al Porto Santo, distante 1 km dal centro città Villa Baleira, dove eravamo gli unici italiani dei pochi ospiti presenti (max 10 persone).

Siamo stati coccolati da tutto il personale, sempre presente e gentile ma mai invadente.

L’hotel è bello, pulito e curato. Semplice e assolutamente inadatto ad un turista da “villaggio”. E’ necessario un po’ di inglese e/o portoghese, anche per scambiare due parole con il personale... Bello il bar sulla spiaggia, con prezzi assolutamente ragionevoli. Buona la colazione, con piatti caldi fatti su richiesta!! L’isola è una meraviglia di spiaggia, passeggiate su per i sentieri fino in cima a Pico de Ana Ferreira (283m), Pico do Castelo (437m) e Pico do Facho (517m), piccole chiesette inondate di sole.

Piccoli bar in cui la vita scorre lenta, ottimi ristoranti e pasticcerie (li abbiamo provati tutti), alcuni negozietti di artigianato e tanto, tanto vento.

Abbiamo affittato un’auto per 3 giorni (l’auto costa 48 euro al giorno e la benzina come in Italia).

Cosa vedere La costa meridionale è una bella spiaggia lunga 9 km dove non si incontra nessuno e si ha l’impressione che, da un momento all’altro, un galeone corsaro compaia all’orizzonte... Spostandosi ad occidente ci sono bei “miradouros” a picco sul mare e alcune aree attrezzate dove i portoghesi sono soliti grigliare carne, un bellissimo campo da golf (vale una sbirciata l’hotel), una formazione geologica chiamata “canne d’organo” proprio sulle pendici del Pico de Ana Ferreira.

La costa nord è scoscesa, interrotta solo dalla Fonte de Areia, dove la sabbia scivola nel mare (c’è un sentiero che porta fino al mare).

Verso oriente ci sono percorsi naturalistici più o meno impegnativi (da1 km a 4 km) che portano a Pico do Castelo e a Pico do Facho (il primo un po’ più impegnativo, ma sono entrambe passeggiate da 30 minuti a tratta). L’unica altra cittadina, oltre a Vila Baleira è Camacha. Ci sono alcuni ristoranti, ma non ci ha colpito più di tanto.

Cosa fare Noi abbiamo trascorso la settimana a riposarci, passeggiare sulla rena, gironzolare in auto a vedere i vari “miradouros”, mangiucchiare nei vari ristoranti e bere un ottimo caffè (60 cent).

Per Capodanno abbiamo assistito allo spettacolo pirotecnico sulla spiaggia, con tutta la gente dell’isola e la nostra bottiglia di Madeira, poi tutti (ed intendo proprio tutti, dalla ragazzina alla nonna) in discoteca, al Challenger. Ingresso gratuito, musica datata e consumazione NON obbligatoria.

Dove mangiare Baiana: in centro a Vila Baleira, discreto; Gazela: Campo do Baixo, buono e curato; 48/3 XL: sopra la marina verso il miradouro Portela, molto buono e con una vista spettacolare sull’oceano; Mar e Sol: sulla spiaggia, 1,5 Km da Vila Baleira verso Calheta, una strepitosa zuppa di pesce (la “fragateira”); Ristorante dell’hotel Porto Santo: Campo do Baixo, buono e curato Degli altri ristoranti alcuni erano chiusi per ferie... Brava la referente dei Viaggi Di Atlantide, Ilaria. Ci ha consigliato alcune visite e l’elenco dei ristoranti aperti nei giorni 31/12 e 01/01. Torniamo soddisfatti per aver trascorso una settimana di riposo in una bella isola non ancora invasa da turisti (e da “italiani all’estero”...).

  • 4055 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social