Lisbona ottima scelta

Arriviamo a Lisbona il 30 ottobre con volo Lufthansa-Bologna-Francoforte-Lisbona, utilizzando miglia premio di altri viaggi che diventano “miglia piccolo sconto”. L’atterraggio avviene praticamente in mezzo alle case visto che l'aeroporto è molto vicino al centro di Lisbona. All’uscita troviamo facilmente ...

  • di armando bregant
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Arriviamo a Lisbona il 30 ottobre con volo Lufthansa-Bologna-Francoforte-Lisbona, utilizzando miglia premio di altri viaggi che diventano “miglia piccolo sconto”. L’atterraggio avviene praticamente in mezzo alle case visto che l'aeroporto è molto vicino al centro di Lisbona. All’uscita troviamo facilmente la stazione dei bus e la qualità dei trasporti (mezzi molto ben tenuti e frequenza) è sicuramente superiore alle nostre abitudini. Prendiamo il 91 (aerobus) e raggiungiamo l’Avenida de Repubblica dopo circa 10 minuti. A 100 mt raggiungiamo il nostro hotel Villa Rica un 4 stelle di estrema pulizia, ad un costo ragionevole circa 80 euro a notte, incluso colazione e a 100 metri dalla stazione metro di entrecampos. Conviene fare subito la card per i trasporti (7 colinas : giri per 5 giorni dove ti pare bus e metro ad un costo di circa 11 euro). Lasciati i bagagli decidiamo di prendere confidenza con la città e ci buttiamo al centro “Placa de Commercio” – Rua da Augusta e Plaza Dom Pedro. I negozi tipici e la marea di gente ci fanno compagnia fino a ora di cena. Quello che ci colpisce fin da subito è la sicurezza nel potere girare a tutte le ore – cosa a cui ci eravamo disabituati – e la gentilezza delle persone che incontriamo. Ceniamo in rue Garrett , carne alla griglia, buona ma costo elevato tipico dei ristoranti turistici.

31-ottobre. Oggi è il giorno del quartiere dell’Alfama. Partiamo da Plaza da Fuguera (a fianco di Piazza dom Pedro4) e prendiamo il bus 37 che ci porta fino al castello de sao Gorge, una cosa bellissima da visitare in ogni suo angolo. Consigliamo anche la visita al telescopio . A piedi scendiamo verso la chiesa di nostra Signora da Grazia, incontriamo il mitico tram 28 che prendiamo senza indugio. Per i vicoli del quartiere medioevale ci arrampichiamo talvolta con difficoltà fino a raggiungere la nostra meta che però non si riesce a visitare in quanto chiusa. Scendiamo quindi verso la chiesa di San Vincenzo , un meta assolutamente da non perdere per l’architettura esterna, il panteon e gli azuleios. Decidiamo quindi di mettere le gambe sotto ad un tavolo in una trattoria li vicino, dove veniamo sommersi dall’aglio e dal baccalà che ci perseguiteranno per tutto il giorno. Scendiamo a piedi nei vicoli del quartiere dell’Alfama, un po’ circospetti, ma assolutamente senza problemi, costeggiamo la casa dos bicos che non ci fanno visitare e raggiungiamo la cattedrale di Lisbona e la chiesa di san Antonio che visitiamo anche nei chiostri .Ne vale la pena per gli scavi dei resti romani. Tornati al centro completiamo il nostro giro in rua da Augusta Oramai sera , dopo un tour dei negozi, ritorniamo in albergo utilizzando il primo autobus che passa che ci farà fare un tour della città fino a ovest per poi rientrare verso la nostra strada. Per cena scegliamo il barrio alto , zona giovane con molti locali e discoteche, scegliamo il ristorante “la bota lata” su consiglio di un amico, ma paghiamo molto e mangiamo male con scadente servizio e menu' poco portoghese, da evitare.

1-novembre. Ci lasciamo per oggi il cloue, cioè la zona di Belem. Arriviamo nella solita piazza de Figuera e con il 15 (atro tram storico) arriviamo dopo 20 minuti a Belem. A piedi arriviamo al Monastero di los Jeronimos, meravigliosa abbazia del XVI secolo che visitiamo all'interno e soprattutto l'imperdibile chiostro. Attraversata la Plaza do Impero, purtroppo dobbiamo selezionare fra i vari musei, e ci dirigiamo verso il Monumento a los Descubriemntos, particolare scultura di 52 metri che visitiamo all'interno. Poco interessante la mostra, passiamo 30 minuti alla proiezione della storia di Lisbona, per poi giungere alla terrazza dove si vede n vista del Tago non male. A piedi ci dirigiamo verso la torre di Belem, con una breve sosta al self servic Le Vele, dove mangiamo a basso prezzo in modo discreto. La torre di Belem, molto bello nella sua costruzione va visitato in tutta la sua interezza, peccato che siano chiusi i sotterranei con le prigioni. A piedi torniamo verso il centro di Belem, uno stop alla Pasticceria (antica ma forse sopravvalutata) per poi arrivare al museo do Coches, bellissimo museo delle carrozze d'epoca. E' sicuramente una cosa unica potere vedere da vicino centinaia di carrozze d'epoca dal secolo XVI. Da non perdere. Cena consigliata al ristorante italiano dietro Plaza de Pedro 4 (Valentino) dove abbiamo mangiato bene e speso il giusto 2-Novembre. Abbiamo la mattina solo e quindi andiamo a vedere la zona del Ponte Vasco de Gama, utilizzando la linea amari glia fino a oriente. La zona è tecnologica , moderna e facciamo l'imperdibile cabinovia sul mare. L'oceanario è un'altra attrazione della zona per concludere una visita riposante al centro commerciale Vasco de Gama. Poi il rientro a Bologna.

Un giorno in più ci voleva, ma la conclusione è unica. Lisbona è una città da vedere e visitare. Obrigado Lisbona! Armando e Daniela, Sasso Marconi.

  • 731 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social